Riflessi in uno specchio scuro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riflessi in uno specchio scuro
Riflessi in uno specchio scuro.png
Sean Connery e Ian Bannen
Titolo originale The Offence
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito, USA
Anno 1972
Durata 112 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 1,85 : 1
Genere Crimine, thriller, drammatico
Regia Sidney Lumet
Soggetto John Hopkins
Sceneggiatura John Hopkins
Produttore Denis O'Dell
Casa di produzione United Artists, Tantallon
Distribuzione (Italia) Metro-Goldwyn-Mayer (home video)
Fotografia Gerry Fisher
Montaggio John Victor-Smith
Musiche Harrison Birtwistle
Costumi Evangeline Harrison
Trucco Eric Allwright
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Riflessi in uno specchio scuro (The Offence) è un film del 1972, diretto da Sidney Lumet.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il detective Sergeant Johnson è stato al servizio della polizia per 20 anni, ma in lui si evidenzia una profonda ripercussione degli omicidi, stupri e altri crimini violenti a cui ha investigato in passato. La sua rabbia riemerge quando interroga Kennet Baxter, che è sospettato dello stupro di una minorenne; al termine dell'interrogatorio, Johnson lo percuote violentemente procurandogli la morte. Johnson viene sospeso dal suo incarico e ritorna a casa per la notte, tuttavia manifesta argomentazioni violente con la moglie Maureen. Il giorno seguente, Johnson viene interrogato dal sovrintendente Cartwrite, e, durante tutta la discussione, dei flashback mostrano gli eventi della notte in cui Johnson ha ucciso Baxter.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu finanziato dalla United Artists come parte dell'accordo che spinse Sean Connery a tornare nel ruolo di James Bond in Agente 007 - Una cascata di diamanti (1971). [1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sezione trivia

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema