Rictrude di Marchiennes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Rictrude di Marchiennes

Badessa

Nascita 613 circa
Morte 688
Venerata da Chiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza 12 maggio

Rictrude di Marchiennes (Périgord, 613 circa – 688) fu una principessa franca del VII secolo che ebbe quattro figli (tutti santificati) e, rimasta vedova, si ritirò in un monastero del quale divenne badessa. È venerata come santa dalla Chiesa cattolica e da quella ortodossa.

Era figlia di Ernoldo, signore di Tolosa.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Verso il 636 sposò Adalbaldo di Ostrevent, un funzionario di corte durante il regno di Clodoveo II e poi di Teodorico II. Ella fondò, nel 643, a Marchiennes, un convento femminile non lontano da quello maschile fondato dal marito nel 630.

Nel 652 rimase vedova, poiché il marito venne ucciso durante una missione in Aquitania. Rictrude decise, su consiglio di Sant'Amando, di prendere il velo monacale, ritirandosi nel convento da lei fondato, del quale divenne badessa, assumendo l'autorità anche sui monaci del monastero che divenne così un monastero doppio.

Nel Martirologio Romano è ricordata il 12 maggio.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Rictrude ed Adalberto ebbero tre figlie ed un figlio, diventati tutti e quattro santi:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Santi, beati e testimoni: sant'Adalbaldo
  2. ^ (FR) Tome seizième - Troisième et dernière Encyclopédie théologique - Par l'Abbé Jacques-Paul Migne - chez J.-P Migne Editeurs aux ateliers catholiques, Rue d'Amboise, Petit Montrouge à Paris - 1866 - archive de Harvard College Library - numérisé en accès libre par Google Books
  3. ^ Mario Sgarbossa, I Santi e i Beati della Chiesa d'Occidente e d'Oriente, II edizione, Edizioni Paoline, Milano, 2000, ISBN 88-315-1585-3. p. 726. Da non confondersi con Sant'Adalsinda di Bèze († 680) (op. cit. p. 254)
  4. ^ Mario Sgarbossa, I Santi e i Beati della Chiesa d'Occidente e d'Oriente, II edizione, Edizioni Paoline, Milano, 2000, ISBN 88-315-1585-3. p. 370

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Santa Rictrude in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autorità VIAF: 28210430