Richard Whiting

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beato Riccardo Whiting
Nascita 1460
Morte 15 novembre 1539
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1895
Ricorrenza 15 novembre

Richard Whiting (Wrington, 1460Glastonbury, 15 novembre 1539) è stato un abate britannico.

Conosciuto anche come Arturo di Clastonburgh[1], nacque nel Somerset. È stato il sessantunesimo ed ultimo abate di Glastonbury nella cui abbazia vestì il nero abito di San Benedetto, rimanendovi per tutta la vita, sino al martirio causato dalla fede cattolica e dalla sua fedeltà al romano pontefice.

Sottoposto ad un processo sommario, celebrato forse a Londra o a Wells, venne condannato a morte e giustiziato il 15 novembre 1539, insieme ai due confratelli Roger James e John Thorne[2]. Impiccato e quindi squartato, come voleva la legge, la testa del martire venne appiccata sulla porta del monastero, mentre i quarti del suo corpo furono esposti a Wells, a Bridgwater, a Ilchester e a Bath.

Al tempo stesso finì per sempre anche l'abbazia di Glastonbury, il più antico monastero inglese, risalente almeno al VI secolo e divenuto in seguito un importante e celebre luogo di pellegrinaggio, d'arte e di scienza, e che sino alla Riforma aveva goduto di una grande porsperità.

Richard Whiting è stato innalzato da Leone XIII nel 1895 all'onore degli altari: il beato viene commemorato l'8 agosto o il 15 novembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bibliotheca Sanctorum II, ad vocem
  2. ^ Santi e Beati. URL consultato il 24/02/2011.

Controllo di autorità VIAF: 38883403 LCCN: nb2002068670