Richard Mead

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Mead

Richard Mead (Stepney, 11 agosto 1673Londra, 16 febbraio 1754) è stato un medico britannico. La sua opera A Short Discourse concerning Pestilential Contagion, and the Method to be used to prevent it (1720), fu di storica importanza per comprendere le malattie contagiose.

Frontespizio dell'Opera omnia di Mead.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Undicesimo figlio di Matthew Mead (1630–1699), Richard studiò a Utrecht per tre anni con JG Graevius. Avendo deciso di seguire la professione medica, si spostò poi a Leida dove seguì le lezioni di Paul Hermann e Archibald Pitcairne. Nel 1695 si laureò in medicina all'Università di Padova, e nel 1696 tornò a Londra dove ottenne grandi risultati nella sua attività di medico.

Il suo trattato Mechanical Account of Poisons venne pubblicato nel 1702, e l'anno successivo venne ammesso alla Royal Society, alla quale contribuì alla stesura di un documento sulla natura parassitaria della scabbia. Nello stesso anno, fu eletto medico del San Thomas Hospital e nominato a leggere lezioni anatomiche alla Surgeon's Hall. Alla morte di John Radcliffe nel 1714, Mead divenne il capo riconosciuto della sua professione. Egli assistette la regina Anna sul letto di morte e nel 1727 divenne medico di Giorgio II, che in precedenza era già suo paziente quando era principe di Galles.

Mentre era al servizio del re, Mead venne coinvolto nella creazione di una nuova opera umanitaria, l'Ospedale degli Innocenti, sia come fondatore che come consulente medico. L'Ospedale degli Innocenti divenne un ricovero per bambini abbandonati, piuttosto che un ospedale, ma si dice che attraverso il coinvolgimento del dottor Mead, l'Ospizio venne dotato di un'astanteria e di una farmacia. Si suppone che abbia influenzato l'architetto, Theodore Jacobsen, nella costruzione di un ampio cortile per promuovere l'esercizio fisico dei bambini. Un ritratto a grandezza naturale del dottor Mead, donato dall'artista Allan Ramsay nel 1747, assicura che il suo contributo non sarà dimenticato. Il dipinto è esposto attualmente al Museo degli Innocenti.

Mead possedeva una casa di campagna a Old Windsor nel Berkshire, ma morì nella sua casa di Bloomsbury nel 1754. Essa, successivamente, formò la parte iniziale del Great Ormond Street Hospital.

Visione religiosa[modifica | modifica sorgente]

Nel 1755 Meade pubblicò Medica Sacra; Or, A commentary on the most remarkable diseases, mentioned in the Holy Scriptures. Egli fece uso del lavoro del suo presunto parente Joseph Mede, Doctrine of Demons e delle Chronology del suo paziente Isaac Newton per sostenere che le idee pagane relative ai demoni erano entrate Cristianesimo. Come Arthur Ashley Sykes e altri, Mead capì che quando si parla coloro che sono colpiti dai demoni nel Nuovo Testamento, ci si riferisce semplicemente a coloro che soffrono di una qualche malattia:

Che i Daemoniacs, daimonizomenoi, citati nei Vangeli, siano affetti da una malattia molto naturale, anche se di tipo ostinato e difficile, mi sembra molto probabile da quanto leggo. [1]

Opere[modifica | modifica sorgente]

Dopo Mechanical Account of Poisons (2nd ed, 1708), Mead pubblicò:

  • il trattato De Imperio Solis ac Lunae in Corpora humana, & Morbis inde oriundis (On the Influence of the Sun and Moon upon Human Bodies and the Diseases Arising Therefrom) (1704)
  • A Short Discourse concerning Pestilential Contagion, and the Method to be used to prevent it (1720)
  • De variolis et morbillis dissertatio (1747)
  • Medica sacra, sive de morbis insignioribus qui in bibliis memorantur commentarius (1748)
  • On the Scurvy (1749)
  • Monita, & Praecepta Medica (1751)

A Life of Mead di Dr Matthew Maty pubblicato nel 1755.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Richard Meade, ‘Medica Sacra; Or, A commentary on the most remarkable diseases, mentioned in the Holy Scriptures’, pag. 73, 1755

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A Zuckerman, Plague and contagionism in eighteenth-century England: the role of Richard Mead in Bulletin of the history of medicine, vol. 78, nº 2, Estate 2004, pp. 273–308, DOI:10.1353/bhm.2004.0105, ISSN 0007-5140, PMID 15211050.
  • L Jordanova, Portraits, people and things: Richard Mead and medical identity in History of science; an annual review of literature, research and teaching, vol. 41, 133 Pt 3, settembre 2003, pp. 293–313, ISSN 0073-2753, PMID 14560731.
  • AM Roos, Luminaries in medicine: Richard Mead, James Gibbs, and solar and lunar effects on the human body in early modern England in Bulletin of the history of medicine, vol. 74, nº 3, Autunno 2000, pp. 433–57, DOI:10.1353/bhm.2000.0129, ISSN 0007-5140, PMID 11016094.
  • D Riesman, Dr. Richard Mead and the motto of the College of Physicians of Philadelphia in Transactions & studies of the College of Physicians of Philadelphia, vol. 7, nº 1, marzo 1985, pp. 33–41, ISSN 0010-1087, PMID 3887688.
  • RJ Mann, Historical vignette. Richard Mead, M.D., 1673-1754. 18th-Century exemplar of 'experience and reason' in Mayo Clinic proceedings. Mayo Clinic, vol. 48, nº 7, luglio 1973, pp. 503–6, ISSN 0025-6196, PMID 4577312.
  • JL Abbott, Samuel Johnson and 'The Life of Dr. Richard Mead' in Bulletin. John Rylands University Library of Manchester, vol. 54, Autunno 1971, pp. 12–27, ISSN 0301-102X, PMID 11616730.
  • Richard Mead (1673-1754) successor to John Radcliffe in JAMA, vol. 208, nº 11, giugno 1969, pp. 2156–7, DOI:10.1001/jama.208.11.2156, ISSN 0098-7484, PMID 4890693.
  • Jr Barnett Cf, Richard MEAD: a neglected polyhistor in The New physician, vol. 12, marzo 1963, pp. A58–A60, ISSN 0028-6451, PMID 13969385.
  • HS Carter, Richard Mead in Scottish medical journal, vol. 3, nº 7, luglio 1958, pp. 320–4, ISSN 0036-9330, PMID 13555965.
  • RICHARD MEAD: pioneer and patron in British medical journal, vol. 1, nº 4858, febbraio 1954, p. 392, ISSN 0007-1447, PMC 2084565, PMID 13115737.
  • Craig Hanson, Dr Richard Mead and Watteau's 'Comédiens Italiens' in The Burlington Magazine, vol. 145, nº 1201, The Burlington Magazine Publications, Ltd., 1º aprile 2003, pp. 265–272, ISSN 00076287, JSTOR 10.2307/3100665.
  • Richard Hardway Meade, In the Sunshine of Life: A Biography of Dr. Richard Mead, 1673-1754, Philadelphia, Dorrance, 1974.
  • Arnold Zuckerman, Dr. Richard Mead (1674-1753): A Biographical Study, Urbana, University of Illinois, 1965.
  • R. H. Nichols e F. A. Wray, The History of the Foundling Hospital, London, Oxford University Press, 1935.
  • Hugh Chisholm (a cura di), Encyclopædia Britannica, XI edizione, Cambridge University Press, 1911.


Controllo di autorità VIAF: 45083556