Richard Kahui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Kahui
Kahui (cropped).jpg
Kahui nel 2011
Dati biografici
Nome Richard David Kahui
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 191 cm
Peso 99 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti centro
Squadra Waikato Waikato
Franchigia Chiefs Chiefs SANZAR
Carriera
Attività provinciale
2004- Waikato Waikato 31 (60)
Attività di club¹
2006 Highlanders Highlanders 8 (15)
2007- Chiefs Chiefs 56 (65)
Attività da giocatore internazionale
2008- Nuova Zelanda Nuova Zelanda 17 (10)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2011

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 12 dicembre 2012

Richard David Kahui (Tokoroa, 9 giugno 1985) è un rugbista a 15 neozelandese, tre quarti centro degli Chiefs in Super Rugby e campione del mondo nel 2011 con gli All Blacks.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Esordiente nella provincia di Waikato nel 2004, esplose nel 2006 quando, in quell'edizione del campionato provinciale neozelandese, si impose come miglior realizzatore di mete del torneo[1]. In quello stesso anno esordì anche in Super Rugby nelle file degli Highlanders.

Nel 2007 passò agli Chiefs, altra franchise di Super Rugby, e nel 2008 debuttò negli All Blacks a Christchurch contro l'Inghilterra, marcando la prima meta dell'incontro[1].

Fu selezionato nella rosa della Nuova Zelanda alla vittoriosa Coppa del Mondo di rugby 2011 e, nel 2012, si laureò campione del Super Rugby con gli Chiefs.

Vanta anche un invito nei Barbarians in occasione di un incontro con un XV dell'Australia a Twickenham nel novembre 2011[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Chris Matthews, Richard Kahui: More than a pretty face in TV New Zealand, 10 febbraio 2009. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  2. ^ (EN) Barbarians 11-60 Australia in BBC, 26 novembre 2011. URL consultato il 13 dicembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]