Richard Henn Collins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il giudice Collins

Richard Henn Collins (Dublino, 1 gennaio 1842Hove, 3 gennaio 1911) è stato un avvocato inglese irlandese. Fu anche un valente giudice dell'epoca.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nominato baronetto dopo aver frequentato il Trinity College a Dublino e il Downing College a Cambridge.Diventò giudice nel 1891

Il processo Oscar Wilde[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Oscar Wilde#Il processo Wilde.

Nella causa intercorsa fra il marchese di Queensberry e Oscar Wilde, per un'accusa del primo di sodomia al secondo, che si difese ponendo 15 prove a carico, il giudice interpellato fu Collins e il processo avvenne il 3 aprile 1895 all’Old Bailey

Durante l'interrogatorio ci furono gli intervenmti dei due avvocati, prima Clarke,[1] e poi Carson che espresse nella sua arringa la strenua difesa ad un padre preoccupato per il figlio, continuò fino a quando fu fermato dagli altri avvocati, si chiedeva a questo punto un patteggiamento sulla dichiarazione, cosa che alla fine non avvenne e si diede ragione alle parole di Queensberry (per il bene pubblico, così si disse). Il giudice stesso si congratulò con Carson e il marchese fu felice anche se aveva speso 30.000 franchi perché aveva fatto il bene di suo figlio.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hyde H. Montgomery, Oscar Wilde, The Trials of Oscar Wilde Pag 67 e 252, Courier Dover Publications, 1973. ISBN 9780486202167.
  2. ^ In un articolo di "Le Temps" del 7 gennaio 1903 – pag 4849

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie