Richard Bentley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Bentley

Richard Bentley (Oulton, 27 gennaio 166214 luglio 1742) è stato un teologo e critico letterario inglese.

Figlio di un artigiano, fu un maestro di scuola; divenne in seguito cappellano del vescovo di Worcester, bibliotecario di St. James's Palace, professore al Trinity College di Cambridge ed arcidiacono d'Ely. Il suo era un carattere difficile ed ebbe con molti intellettuali dell'epoca aspre contese; la disputa più nota l'ebbe con Charles Boyle, incaricato nel 1697 dall'università di Oxford di redigere un'edizione critica delle lettere di Falaride. Boyle chiese al Bentley, allora bibliotecario del re, di visionare il Codex Regius contenente le epistole falaridee, ma costui si rifiutò di dare in prestito il manoscritto e ne impedì una collazione integrale, affermando che il copista inviato da Boyle aveva danneggiato il documento. Nella prefazione alla sua edizione critica Boyle si lamentò di tale condotta, suscitando la pronta replica di Bentley nella sua Dissertation upon the Epistles of Phalaris, nella quale, tra l'altro, dimostrò che l'epistolario di Falaride (vissuto nel VI sec. a.C.) è un falso del III-IV sec.d.C.

Di lui ci sono pervenuti:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 27862472 LCCN: n50007421