Richard Avedon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Avedon.

Richard Avedon (New York, 15 maggio 1923San Antonio, 1º ottobre 2004) è stato un fotografo e ritrattista statunitense.

Lavorò in vari campi, dal reportage alla moda, dagli orfani di Danang durante la guerra del Vietnam ai ritratti di Marilyn Monroe, Brigitte Bardot o Sophia Loren; rimarrà celebre per i suoi innumerevoli ritratti in bianco e nero. La sua carriera di fotografo comincia nella Marina mercantile: assegnato alle autopsie e alle foto d'identità, scatta dei ritratti dei suoi compagni di camerata. Nel 1944 si unisce al gruppo della rivista di moda Harper's Bazaar, nel quale resterà dodici anni cambiando la foto di moda collocando le modelle, solitamente irrigidite nella posa, per strada o in locali notturni.

In seguito lavora per Vogue, Life, Gianni Versace, Calvin Klein e Clairol e si specializza nel realizzare ritratti. Nel 1974 espone al museo d'arte moderna di New York (MOMA) alcuni ritratti di suo padre divorato dal cancro. L'artista collabora alle riviste più prestigiose come The New Yorker e Rolling Stone. Realizza le edizioni 1995 e 1997 del prestigioso calendario Pirelli. Nel 2004 muore in seguito alle complicazioni dovute ad un'emorragia cerebrale. Le opere di Avedon arricchiscono le collezioni del Museum of Modern Art e Metropolitan Museum of Art di New York, del Centre Georges Pompidou di Parigi e di molti altri musei e esposizioni in tutto il mondo.

Foto celebri[modifica | modifica sorgente]

  • Dovima with Elephants, 1955
  • Marilyn Monroe, actress, 1957
  • Dwight David Eisenhower, President of the United States, 1964
  • Marella Agnelli
  • Ronald Fischer, beekeeper, 1981

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The family, 1976 portraits of America's political and economic power-structure, Rolling Stone magazine, 21 ottobre 1976, numero speciale per il bicentenario, a cura di Renata Alder.

Libri (Monografie)[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Editore Note
1959 Observations Simon and Schuster
(U.S.A.)
testi di Truman Capote, con ritratti di molti personaggi famosi del XX secolo, tra questi Picasso, J. Robert Oppenheimer e Mae West.
1964 Nothing Personal Atheneum
(U.S.A.)
testi di James Baldwin
1973 Alice in Wonderland.
The forming of a Company, The making of a Play'
 ??? testi di Doon Arbus, E. P. Dutton
1976 Portraits Farrar Straus and Giroux
(U.S.A.)
Introduzione di Harold Rosenberg
1978 Photographs
1947-1977
Farrar Straus and Giroux
(U.S.A.)
Trent'anni delle sue foto di moda con un saggio di Harold Brodkey
1978 In the American West
1979-1984
Harry N. Abrams
(U.S.A.)
Ritratti dall'Ovest Americano
1993 An Autobiography Jonathan Cape
(U.S.A.)
Contiene 50 anni di fotografie di Avedon, 284 immagini che spaziano da malati di mente a famose celebrità come Marilyn Monroe e Andy Warhol, ed anche sua madre e suo padre. Le immagini non sono disposte cronologicamente ma il loro ordine è usato per raccontare la storia di una vita.
1994 Evidence
1944-1994
Random House
(U.S.A.)
con saggi di Jane Livingston e Adam Gopnik. Più di 600 immagini che comprendono foto di moda, ritratti, lavori giornalistici, schizzi, istantanee e provini per ripercorrere 50 anni di fotografia. Comunque, nonostante contenga molte immagini, il libro si concentra più sui saggi e sul testo a proposito di Avedon piuttosto che essere interamente basato sulle sue foto. Vince il Premio Nadar come miglior libro di fotografia francese del 1994.
Calendario Pirelli Pirelli
(Italia)
Calendario 1995 con Nadja AuermannNaomi Campbell • Farrah Summerford • Christy Turlington
1996 Calendario Pirelli Pirelli
(Italia)
Calendario 1997 con Monica Bellucci • Melanie Bitti • Waris Dirie • Honor Fraser • Anna Klevhag • Annie Morton • Julia Ortiz • Irina Pantaeva • Sophie Patitz • Brandi Quiñones • Cordula Reyer • Inés Sastre • Kristina Semenovskaia • Jenny Shimizu • Ling Tang • Nikki Uberti • Marie Sophie Wilson • Tatiana Zavialova • Gisele Zelauy
1998 Versace - Avedon
(The Naked And The Dressed)
Silvana Editoriale
(Italia)
Monografia sulle Campagne Pubblicitarie di Gianni Versace
1999 Avedon
The Sixties
Random House
(U.S.A.)
Richard Avedon e Doon Arbus. Contiene immagini di molti personaggi celebri come Janis Joplin, Jimi Hendrix, Twiggy, e rock band come gli Aerosmith.
2001 Made in France Fraenkel Gallery
(U.S.A.)
Catalogo della retrospettiva di ritratti di moda di Avedon a partire dagli anni '50. Il libro è caro perché le immagini sono stampate su lastre a tre toni. Saggio di Judith Thurman.
2002 Portraits Harry N. Abrams
(U.S.A.)
50 immagini in bianco e nero di celebrità e personaggi del progetto In The American West. La sua realizzazione coincise con una mostra al Metropolitan Museum of Art di New York. Saggio di Maria Morris Hambourg e Mia Fineman, saggio di Richard Avedon, prefazione di Philippe de Montebello.
Ritratti Idea Books
(Italia)
Edizione italiana di "Portraits"
2005 Woman In the Mirror Harry N. Abrams
(U.S.A.)
Monografia
2007 The Kennedys:
Portrait Of A Family
Smithsonian Institution
(U.S.A.)
Monografia sulla Famiglia Kennedy
2008 Performance De Agostini
(Italia)
Monografia
2009 Avedon Fashion
1944-2000
Harry N. Abrams (U.S.A.) Monografia
2012 Avedon:
Murals And Portraits
Harry N. Abrams
(U.S.A.)
Monografia

Libri (Collettivi)[modifica | modifica sorgente]

  • Film-Star Portraits Of The Fifties, 163 Glamor Photos, Dover Publications (New York); (1980), pp. ??-??
  • Rolling Stone: The Photographs, Simon & Schuster Editions (New York); (1989), pp. ??-??
  • Visionaire 22 "CHIC", Visionaire (New York); (1991), pp. ??-??
  • Calendario Pirelli 1964-2004, Rizzoli (Milano); (2004), pp. ??-??
  • Carlo Mollino: Il Messaggio Della Camera Oscura, AdArte (Milano); (2006), pp. ??-??
  • Monica Bellucci, Rizzoli Editore (Milano); (2010), pp. ??-??
  • Kate Moss, Rizzoli; (2012), pp. ??-??

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Hasselblad Award in Hasselblad Foundation. URL consultato il 10 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 68924949 LCCN: n79076627