Riccardo III - Un uomo, un re

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo III - Un uomo, un re
Riccardo III - un uomo un re.JPG
Al Pacino in una scena del film
Titolo originale Looking for Richard
Paese di produzione USA
Anno 1996
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere documentario, drammatico
Regia Al Pacino
Sceneggiatura Al Pacino, Frederic Kimball
Produttore 20th Century Fox - Chal Productions - Jam Productions
Fotografia Robert Leacock
Montaggio William M. Anderson, Ned Bastille, Andre Ross Betz, Pasquale Buba
Musiche Howard Shore
Scenografia Kevin Ritter
Costumi Yvonne Blake, Deborah Lynn Scott
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Directors Guild of America Award - Outstanding Directorial Achievement in Documentary per Al Pacino

Riccardo III - Un uomo, un re (Looking for Richard) è un film del 1996, scritto, diretto ed interpretato da Al Pacino.

È un diario reportage sul lavoro che sta dietro alla realizzazione di un adattamento del Riccardo III di Shakespeare. Documentario sul mestiere d'attore, ha interventi di personaggi del calibro di Peter Brook, di attori consumati come Sir John Gielgud, Vanessa Redgrave e Kenneth Branagh, ma in cui trovano spazio interviste fatte da Al Pacino per strada come intere scene del Riccardo III girate in costume.

Il film mescola ricostruzioni classicamente narrative del dramma shakespeariano, scene sulla preparazione filologica e psicologica e recitativa, e momenti di straniamento, insistendo anche con discorsi espliciti sull'attualità delle condizioni esistenziali, sociali, e politiche dei personaggi. Uno dei temi delle conversazioni tra personaggi-attori-comparse è il piacere proveniente dalla comprensione del linguaggio shakespeariano: sia in senso formale (da parole e metrica) sia in senso traslato (cioè dai contenuti morali).

Il film è stato presentato nella sezione Un Certain Regard al 49º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Questa è una trasposizione filmica dell'opera teatrale su Riccardo III. Al Pacino è un regista esordiente che s'interroga sul senso e sui modi dell'operazione, raccogliendo risposte dagli operatori e dal pubblico: registi vari e dai critici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 1996, festival-cannes.fr. URL consultato il 2 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]