Riccardo Di Segni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Riccardo Di Segni (Roma, 13 novembre 1949) è un medico e rabbino italiano, dal 2001 rabbino capo della Comunità ebraica di Roma.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del medico partigiano Mosè Di Segni, è laureato in medicina e chirurgia. Continua ad esercitare anche la sua professione di medico, come primario di radiologia all'ospedale San Giovanni di Roma. Conseguì il titolo di rabbino presso il Collegio Rabbinico Italiano nel 1973 ed è considerato tra le massime autorità spirituali e morali ebraiche in Italia, assieme anche al suo predecessore Elio Toaff e al rabbino Giuseppe Laras.

Tra gli anni Novanta e la prima metà degli anni Duemila è stato un importante collaboratore della Lux Vide per la realizzazione del ciclo di fiction Le storie della Bibbia, facendo parte del comitato di esperti di religione ebraica[1]. Nel 2010 ha invece polemizzato con la Lux Vide, a causa della miniserie televisiva Sotto il cielo di Roma, ritenuta da Di Segni "una patacca propagandistica, un'opera apologetica", perché a suo dire la fiction non mostra tutti gli aspetti storici relativi a Papa Pio XII[1].

Filmografia su Riccardo Di Segni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Fiction Rai su Pio XII, è polemica. Di Segni: "Una patacca propagandistica" in La Repubblica, 1° novembre 2010. URL consultato il 04-11-2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]