Riccardo Bisogniero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Riccardo Bisogniero (Roma, 9 febbraio 1923) è un generale italiano che ricoprì le cariche di comandante generale dell'Arma dei Carabinieri e di capo di Stato Maggiore della Difesa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma nel 1923, Riccardo Bisogniero iniziò la propria carriera militare nei bersaglieri, partecipando successivamente alla guerra di liberazione, meritandosi una medaglia di bronzo al valor militare concessagli dalla Repubblica Italiana.

Dopo la fine del conflitto frequentò la scuola di guerra e il corso di stato maggiore interforze per poi dedicarsi all'insegnamento nei medesimi corsi. Nominato addetto militare all'ambasciata di Belgrado dal 1967 al 1970, venne promosso colonnello e comandò l'8º Reggimento bersaglieri "Ariete" per poi passare alla direzione dell'ufficio "politica militare" dello stato maggiore.

Nominato generale di brigata nell'ottobre 1974, diresse il III reparto dello stato maggiore dell'esercito sino al 1977. Nel 1979 venne nominato consigliere militare per conto del ministero e quindi promosso a generale di corpo d'armata nel 1981 col compito di comandante del III Corpo d'armata.

Divenuto dal 20 gennaio 1984 comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, divenne capo di Stato Maggiore della Difesa dal 9 gennaio del 1986 rimanendo in carica sino al 31 marzo 1988.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 28 febbraio 1984[1]
Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 25 ottobre 1979[2]
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri»
— 27 dicembre 1977[3]
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare
Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia militare al merito di lungo comando (20 anni)
Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)
Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 43 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 43
Medaglia commemorativa della guerra 1943 – 45 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra 1943 – 45
immagine del nastrino non ancora presente Distintivo per Corso Superiore di Stato Maggiore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri Successore Flag of the commanding general of the Carabinieri.svg
Lorenzo Valditara 20 gennaio 1984 - 7 gennaio 1986 Roberto Jucci
Predecessore Capo di Stato Maggiore della Difesa Successore Bandera Capo Stato Maggiore Difesa ITA.png
Lamberto Bartolucci 9 gennaio 1986 - 31 marzo 1988 Mario Porta