Ribellione Maritz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per rivolta Maritz o rivolta boera o rivolta dei cinque scellini si intende una sommossa che avvenne in Sudafrica nel 1914, poco dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, quando i sostenitori di una Repubblica Sudafricana boera si rivoltarono contro il governo dell'Unione Sudafricana.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1902, al termine della seconda guerra boera alcuni boeri che si erano rifiutati di accettare i termini di pace furono esiliati. Anni dopo questi "bittereinders" cominciarono a tornare in Sud Africa senza però accettare i termini della resa. Allo scoppio della prima guerra mondiale nell'agosto 1914 il primo ministro sudafricano Louis Botha, nonostante le possibili conseguenze di un eventuale attacco proveniente dalla confinante Africa Tedesca del Sud-Ovest (l'attuale Namibia), concesse alle truppe britanniche di stanza in Sud Africa di partire per l'Europa. Nel settembre 1914, per impedire sconfinamenti tedeschi, l'esercito sudafricano guidato dal generale Henry Lukin e dal tenente-colonnello Manie Maritz venne schierato lungo il confine con la colonia germanica.

La rivolta[modifica | modifica wikitesto]

Quando il governo sudafricano iniziò a pianificare l'invasione delle colonie tedesche, il comandante in capo dell'esercito sudafricano, il generale Christian Frederick Beyers, si dimise per protesta subito sostenuto dal senatore ed ex militare Koos de la Rey. Il 15 settembre i due incontrarono il maggiore Jan Kemp a Potchefstroom, dove questi disponeva di un grande arsenale e di circa 2.000 uomini.

Il governo sudafricano sospettò che dietro la visita ci fosse un tentativo di rivolta. Ad alimentare il clima di reciproche accuse e sospetti poche ore dopo l'incontro de la Rey fu ucciso a un posto di blocco da un poliziotto che lo aveva scambiato per un bandito. Al suo funerale parteciparono molti nazionalisti afrikaner che, infiammati dalle parole di Siener van Rensburg, iniziarono a scagliarsi contro il governo, accusato dell'omicidio. Il generale Maritz decise di allearsi con i tedeschi e proclamò la costituzione del governo provvisorio della Repubblica Sudafricana boera. Subito dopo Maritz occupò Keimoes e l'area di Upington. Il commando di Lydenburg del generale De Wet prese possesso della città di Heilbron, impadronendosi di un treno carico di armi e munizioni. Alcuni cittadini di questa regione si unirono ai ribelli anche a Magaliesberg.

Il 14 ottobre 1914 governo sudafricano dichiarò la legge marziale e ordinò al generale Jan Smuts di reprimere la rivolta. Il 24 ottobre il generale Maritz venne sconfitto e fu costretto a riparare nell'Africa tedesca del Sud-Ovest dove venne presto raggiunto anche dal generale Kemp. De Wet venne catturato mentre cercava di fuggire nel Bechuanaland.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bunting, Brian (1969), The Rise of the South African Reich
  • Plaatje, Sol (1916), Native Life in South Africa, Londra, P. S. King
  • Orford, J.G., Reflections on the possible influence of "Siener" van Rensburg's visions on General J.H. "Koos" de la Rey and some of the results, Military History Journal - Vol 2 No 2
  • C. F. McDonald, "Agter Die Skerms met Die Rebelle", 1949