Rhynchoconger trewavasae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rhynchoconger trewavasae
Rhynchoconger trewavasae 1.jpg

Rhynchoconger trewavasae.jpg

Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Anguilliformes
Famiglia Congridae
Genere Rhynchoconger
Specie R. trewavasae
Nomenclatura binomiale
Rhynchoconger trewavasae
Ben-Tuvia, 1993

Rhynchoconger trewavasae è un pesce osseo marino della famiglia Congridae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica del mar Rosso; un esemplare, in seguito alla migrazione lessepsiana, è stato pescato nel 1993 nel mar Mediterraneo, lungo le coste israeliane[1].

È un animale bentonico che vive su fondali sabbiosi o fangosi a profondità, nel mar Rosso, di 100-500 metri. L'unico esemplare mediterraneo è stato catturato a 50 metri[1].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ha un aspetto abbastanza simile a quello del grongo mediterraneo ed europeo da cui si differenza soprattutto per la mascella superiore allungata a formare un muso. La pinna dorsale è inserita all'altezza della pinne pettorali, la pinna anale a circa un terzo della lunghezza del corpo. Entrambe queste pinne, come nella maggioranza degli Anguilliformes, sono unite con la pinna caudale a formare una pinna pari continua. Le pinne ventrali sono assenti. I denti sono vistosi, con punta ottusa, e sporgono dalla bocca chiusa[1].

Il colore è grigiastro con un bordo scuro sulle pinne pari[1].

Misura mediamente 40-50 cm, la taglia massima è di 58 cm[1].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È solito spostarsi nuotando a zig-zag nei pressi del fondale[2]. Per il resto la sua biologia è completamente ignota[1].

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Questa specie non riveste nessuna importanza per la pesca o per il consumo umano. Viene comunque talvolta catturata con le nasse o con le reti da posta[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) Scheda dall'atlante delle specie aliene del Mediterraneo CIESM. URL consultato l'11/02/2014.
  2. ^ a b (EN) (EN) Rhynchoconger trewavasae in FishBase. URL consultato l'11.02.2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci