Rhogeessa io

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rhogeessa io
Immagine di Rhogeessa io mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Genere Rhogeessa
Specie R.io
Nomenclatura binomiale
Rhogeessa io
Thomas, 1903
Sinonimi

R.bombyx, R.tumida riparia, R.velilla

Areale

Distribution of Rhogeessa io.png

Rhogeessa io (Thomas, 1903) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso in America centrale e meridionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 37 e 50 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 30 e 32 mm, la lunghezza della coda tra 29 e 33 mm, la lunghezza del piede tra 6 e 8 mm, la lunghezza delle orecchie tra 11 e 13 mm e un peso fino a 6 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è corta. Le parti dorsali sono giallo-brunastre, con la punta dei peli marrone scuro, mentre le parti ventrali sono giallastre. Il muso è nerastro e con due piccole masse ghiandolari sui lati. Le orecchie sono relativamente corte, nerastre, triangolari e con l'estremità arrotondata. Nei maschi sono presenti delle masse ghiandolari alla base della superficie dorsale anteriore delle orecchie. Il trago è lungo e sottile. Le membrane alari sono nerastre e attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi. La punta della lunga coda si estende leggermente oltre l'uropatagio, il quale è cosparso di pochi peli alla base della superficie dorsale. Il calcar è ben sviluppato e carenato. Il cariotipo è 2n=30-32.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia nelle cavità di alberi di mangrovie.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti volanti catturati lungo sentieri all'interno delle foreste, su corsi e specchi d'acqua e sopra spianate.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Femmine gravide sono state osservate da febbraio attraverso tutto aprile, mentre altre che allattavano sono state catturate da marzo a luglio.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel Honduras meridionale, Nicaragua, Costarica, Panama, Colombia settentrionale e centrale, Ecuador occidentale, Venezuela, stati brasiliani del Mato Grosso, Parà e Amazonas, Bolivia nord-orientale, Guyana occidentale e sull'isola di Trinidad.

Vive nelle foreste sempreverdi e in zone aperte vicino alle foreste fino a 900 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa, la presenza in diverse aree protette e la tolleranza alle modifiche ambientali, classifica R.io come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Soriano, P. & Tavares, V. 2008, Rhogeessa io in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Rhogeessa io in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Reid, 2009, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alfred L. Gardner, Mammals of South America, Volume 1: Marsupials, Xenarthrans, Shrews, and Bats, University Of Chicago Press, 2008. ISBN 9780226282404
  • Fiona A. Reid, A field guide to the Mammals of Central America and Southeast Mexico, Oxford University Press, 2009. ISBN 9780195343236

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi