Rheinische Zeitung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rheinische Zeitung
Stato Prussia
Lingua tedesco
Fondazione 1º gennaio 1842
Chiusura 31 marzo 1843
Sede Colonia
 
Pagina del Rheinische Zeitung

Il Rheinische Zeitung (in italiano "Gazzetta Renana") è stato un giornale pubblicato a Colonia tra il 1º gennaio 1842 e il 31 marzo 1843.

Era una pubblicazione pro-democratica e riformista che aveva lo scopo di dare voce alla borghesia ed agli intellettuali della Renania contro l'assolutismo prussiano: la provincia, dopo essere stata "repubblica sorella" della Francia con il nome di Repubblica Cisrenana tra il 1797 e il 1815, ed avere acquisito gli ideali della Rivoluzione francese, in seguito al Congresso di Vienna si trovò annessa al Regno di Prussia, fortemente autoritario.

Max Stirner vi pubblicò Das unwahre Prinzip unserer Erziehung (Il falso principio della nostra educazione) e Kunst und Religion (Arte e religione).

Karl Marx iniziò a pubblicare sul Rheinische Zeitung il 5 maggio 1842. Il suo articolo contro la censura del governo prussiano, pubblicato anonimamente con lo pseudonimo "un renano", che gli valse un ampio riconoscimento nella comunità progressista. Proseguì poi con altri articoli, scrivendo una serie in sei parti sulla libertà di stampa. La positiva risposta a questa serie contribuì ad aumentare la circolazione ed influenza del giornale.

Nell'ottobre 1842 Marx fu nominato direttore del giornale. Il 16 novembre Friedrich Engels visitò gli uffici del giornale mentre si stava recando in Gran Bretagna, incontrando per la prima volta Marx. Engels spedì dalla Gran Bretagna una serie di articoli sulle condizioni della classe operaia inglese, che furono poi riuniti e pubblicati in uno dei suoi più noti libri: The Condition of the Working Class in England.

Sotto la guida di Marx e l'influenza di Engels il giornale iniziò ad assumere posizioni più radicali, opponendosi apertamente alla politica del governo. Un articolo di Marx che discuteva criticamente le relazioni tra il governo prussiano e la Chiesa cattolica fu censurato dallo stato e mai pubblicato: per molti altri suoi articoli avversi alla politica del governo fu consentita la pubblicazione dopo minuziosi esami.

All'inizio del 1843 Marx promuoveva, attraverso il giornale, ideologie pericolosamente radicali, esponendo in modo crescente idee socialiste e comuniste e quasi apertamente chiedendo una rivoluzione per sostituire la monarchia prussiana con una democrazia. Il 17 marzo 1843 Marx diede le dimissioni a causa della censura prussiana[1] ed il giornale venne chiuso il 31 marzo.

La linea editoriale progressista fu seguita, dal 1848 al 1849, dalla testata Neue Rheinische Zeitung ("Nuovo Giornale Renano").

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) Karl Marx, Erklärung in Rheinische Zeitung, 18 marzo 1843. URL consultato il 2010-04-14.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]