Rex Stout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rex Todhunter Stout (Noblesville, 1º dicembre 1886Danbury, 27 ottobre 1975) è stato uno scrittore statunitense, capace di unificare due fra i generi - tradizionalmente separati - della narrativa poliziesca: il giallo d'azione americano (hard boiled) ed il giallo all'inglese, più intellettuale (giallo deduttivo). Questi due aspetti si incarnano nei suoi personaggi più famosi, Archie Goodwin e Nero Wolfe.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il padre di Stout - John Wallace, di professione insegnante - e la madre - Lucetta Elizabeth Todhunter - erano quaccheri dell'Indiana. La famiglia - con il piccolo Rex e i suoi sette fratelli - si trasferì nel Kansas a Topeka. Qui, il futuro scrittore frequentò le scuole pubbliche e, successivamente, la Kansas University.

Stout si dimostrò subito un piccolo genio: a tre anni aveva già letto la Bibbia, a dieci tutti i testi del padre su filosofia, storia, scienza, poesia. A tredici anni fu campione di ortografia del Kansas. A diciotto anni, e fino al 1908, servì nella Marina degli Stati Uniti a bordo del Mayflower, lo yacht del presidente Theodore Roosevelt, con la mansione di sottufficiale addetto al servizio amministrativo.

Finito il servizio, girò per quattro anni l'America da una città all'altra, lavorando come contabile ambulante, come venditore di sigari a Cleveland, di souvenir indiani ad Albuquerque, guida turistica a Santa Fe, invogliò i turisti ai tour in pullman a Colorado Springs, e vendette libri a Chicago, Indianapolis e Milwaukee. Fece pure lo stalliere a New York.

Nel 1912 cominciò a scrivere, inizialmente per le riviste e i settimanali. Guadagnava bene, ma spendeva altrettanto bene. Progettò quindi un particolare sistema bancario dedicato agli scolari, che venne adottato in 400 città degli Stati Uniti. Ciò gli fornì negli anni venti un introito regolare e sufficiente a pagarsi molti viaggi anche in Europa, mentre continuò a lavorare arrivando a fare anche il direttore d'albergo.

Nel 1916 sposò Fay Kennedy; divorziò nel 1933, per sposarsi una seconda volta, con Pola Hoffman. Ebbe da lei due figlie, Barbara e Rebecca. Nel 1929 incorse nel tracollo del martedì nero di Wall Street, perdendo molto del suo denaro.

Subito dopo esordì con un romanzo, non giallo, intitolato How Like a God; ebbe un modesto successo, quindi si volse del tutto al genere giallo, più in forza del successo ottenuto, che per scelta. Infatti nel 1934, pubblicò Fer de Lance (tradotto in italiano "La traccia del serpente") dove fa il suo esordio la splendida accoppiata Wolfe-Goodwin.

Il successo si ripeté regolarmente per tutti i 42 successivi volumi, sfornati pressappoco al ritmo di uno all'anno.

Nel 1959 viene premiato con il Mystery Writers of America Grand Master. Rex Stout presenta numerosi punti di contatto e anche di distacco da Nero Wolfe. Da un punto di vista fisico, Rex era longilineo, agile, energico; Wolfe tutto il contrario, obeso, pigro, sedentario, abitudinario. Wolfe curato e pulito, Rex spesso con barba lunga e trasandato. Wolfe è misogino, Rex era molto innamorato della seconda moglie. Le somiglianze si accentuano quando si esaminano le idee e i gusti: entrambi amanti della buona cucina, delle orchidee, della lettura e accesi discorritori. Entrambi odiano i politici, i maneggioni, gli ottusi, il cinema e la televisione.

L'effetto Nero Wolfe con l'arrivo della Seconda guerra mondiale passò in secondo piano e Rex Stout cominciò a scrivere propaganda interventista tramite la Writers War Board, organizzazione finanziata dal governo che dirigeva e che fu chiamata la più grande macchina propagandistica della storia. Negli anni della guerra presentò per tre settimane un programma radiofonico (Speaking of Liberty), e coordinò gli scrittori americani per il sostenimento dello sforzo bellico.

Dal 1979 fino ad oggi, l'associazione The Wolfe Pack istitui in suo onore il Premio Nero Wolfe (detto anche Nero Award) per il romanzo poliziesco dell'anno.

Rivestì parecchie cariche a capo delle maggiori associazioni letterarie statunitensi (Authors Guild e Mystery Writers of America).

Ha scritto alcuni racconti sotto lo pseudonimo Evans Day. Il "corpus" delle sue opere giallistiche è stato valutato come "miglior serie del secolo" al Boucheron 2000, la più grande convention per la letteratura gialla, e Rex Stout è stato nominato Miglior Giallista del Secolo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi e racconti con Nero Wolfe[modifica | modifica sorgente]

Rex Stout ha scritto numerosi romanzi e romanzi brevi con le avventure di Nero Wolfe. I romanzi brevi, riuniti in gruppi di due o tre racconti, sono stati pubblicati all'interno di un singolo volume.

1934-1945[modifica | modifica sorgente]

  • La guardia al toro (Some Buried Caesar), romanzo, 1939
    • Libri Gialli 236 del 1940
    • Corrida per Nero Wolfe, Capolavori dei Gialli Mondadori 236 del 1963
    • I Classici del Giallo 3 del 1967
    • I Classici del Giallo 618 del 1990
  • Nero Wolfe e sua figlia (Over My Dead Body), romanzo, 1940
    • Libri Gialli 251 del 1941
  • Tre sorelle nei guai (Where There's a Will), romanzo, 1940
    • Libri Gialli 257 del 1941
    • I Classici del Giallo 666 del 1992
    • Oscar Mondadori 2278 del 1990
  • Fine amara[1] (Bitter End), romanzo breve, 1940
    • Il Giallo Mondadori 2613 del 1999, supplemento speciale in occasione dei 70 anni del periodico
  • Orchidee nere (Black Orchids), due romanzi brevi, di cui il primo omonimo ed il secondo intitolato "Cordialmente invitati ad incontrare la morte" (Cordially Invited to Meet Death), 1942
    • I Classici del Giallo 599 del 1990
  • Non abbastanza morta (Not Quite Dead Enough), due romanzi brevi, di cui il primo omonimo ed il secondo intitolato Trappola esplosiva (Booby Trap) 1944
    • I Classici del Giallo 776 del 1996

1946-1957[modifica | modifica sorgente]

  • Morto che parla (The Silent Speaker), romanzo, 1946
    • Il Giallo Mondadori 82 del 1950
    • Nero Wolfe e il morto che parla, I Classici del Giallo 400 del 1982
    • Oscar Mondadori 2371 del 1990
  • Troppe donne (Too Many Women), romanzo 1947
    • Il Giallo Mondadori 68 del 1949
    • I Classici del Giallo 750 del 1995
    • Oscar Mondadori 2068 del 1988
  • Abbiamo trasmesso (And Be a Villain oppure More Deaths Than One), romanzo, 1948
    • Il Giallo Mondadori 148 del 1951
    • Oscar Mondadori 2515 del 1992
  • Prima di morire (Trouble in Triplicate), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo omonimo (Before I Die), il secondo intitolato "Nero Wolfe è in pericolo" (Help Wanted, Male), ed il terzo"Morte per appuntamento" (Instead of Evidence) 1949
    • I Classici del Giallo 876 del 2000
  • Nient'altro che la verità (The Second Confession), romanzo, 1949
    • Il Giallo Mondadori 170 del 1952
    • I Classici del Giallo 518 del 1986
  • Lunga vita al morto (Three Doors to Death), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo omonimo (Man Alive), il secondo intitolato "Così parlò Nero Wolfe" (Omit Flowers) ed il terzo "Nero Wolfe nella camera a gas" (Door to Death), 1950
  • Nelle migliori famiglie (In the Best Families), romanzo, 1950
    • Il Giallo Mondadori 178 del 1952
    • Nero Wolfe: nelle migliori famiglie, I Classici del Giallo 531 del 1987
  • Non credo agli alibi (Curtains for Three), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo omonimo (Bullet for One), il secondo intitolato Nella gola del morto (The Gun With Wings) ed il terzo "Mascherato per uccidere" (Disguise for Murder), 1951
  • Non ti fidare (Murder by the Book), romanzo, 1951
    • Il Giallo Mondadori 721 del 1994
    • I Classici del Giallo 518 del 1986
    • I Classici del Giallo 721 del 1994
  • La pistola scomparsa (Triple Jeopardy), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo intitolato "Nero Wolfe escogita uno stratagemma" (Home to Roost), il secondo "È stato ucciso un poliziotto" (The Cop-Killer) ed il terzo "Nero Wolfe e la pistola scomparsa"(The Squirt and The Monley), 1952
    • I Classici del Giallo 851 del 1999
  • I quattro cantoni (Prisoner's Base), romanzo, 1952
    • Il Giallo Mondadori 246 del 1953
    • Oscar Mondadori 1998 del 1988
    • I Classici del Giallo 730 del 1995
  • Nero Wolfe e i ragni d'oro (The Golden Spiders), romanzo, 1953
    • Il Giallo Mondadori 300 del 1954
    • I Classici del Giallo 761 del 1996
  • Le tre ragazze (Three Men Out), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo omonimo (Invitation to Murder), il secondo intitolato "Nero Wolfe fa due più due" (The Zero Clue) ed il terzo "Nero Wolfe vince la partita" (This Won't Kill You), 1954
  • Nero Wolfe fa la spia (The Black Mountain), romanzo, 1954
    • Segretissimo 59 del 1964
  • Un minuto a mezzanotte (Before Midnight), romanzo, 1955
    • Il Giallo Mondadori 497 del 1958
    • I Classici del Giallo 586 del 1989
    • Oscar Mondadori 2345 del 1990
  • Quando un uomo uccide (Three Witnesses), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo omonimo (When a Man Murders), il secondo intitolato "Nero Wolfe raggira l'accusa" (The Next Witness) ed il terzo "Nero Wolfe non abbaia ma morde" (Die Like a Dog), 1956
  • Peggio che morto (Might as Well Be Dead), romanzo, 1956
    • Il Giallo Mondadori 473 del 1958
    • I Classici del Giallo 805 del 1997
    • Oscar Mondadori 2285 del 1990
  • L'invulnerabile (Three for the Chair), raccolta di tre romanzi brevi di cui il primo intitolato "Il caso Fyfe" (A Window for Death), il secondo dà il titolo alla raccolta (Immune to Murder) ed il terzo intitolato "Nero Wolfe e il "suo" cadavere" (Too Many Detectives), 1957
  • Nero Wolfe sotto il torchio (If Death Ever Slept), romanzo, 1957
    • Il Giallo Mondadori 562 del 1959
    • I Classici del Giallo 691 del 1993

1958-1975[modifica | modifica sorgente]

  • Natale di morte (And Four to Go), raccolta di quattro racconti di cui il primo omonimo (Christmas Party), il secondo intitolato "Sfilata di Pasqua" (Easter Parade), il terzo "Il picnic del quattro luglio" (Fourth of July Picnic) ed il quarto "Il segreto della signorina Voss" (Murder is No Joke), 1958
  • Champagne per uno (Champagne for One), romanzo, 1958
    • Il Giallo Mondadori 552 del 1959
    • Oscar Mondadori 2303 del 1990
    • I Classici del Giallo 821 del 1998
  • Nero Wolfe discolpati (Plot It Yourself), romanzo, 1959
    • Il Giallo Mondadori 608 del 1960
    • I Classici del Giallo 314 1979
    • I Classici del Giallo 940 del 2003
  • Colpo di genio (Three at Wolfe's Door), raccolta di tre racconti di cui il primo omonimo (Poison à la Carte), il secondo intitolato"Assassinio indiretto" (Method Three for Murder) ed il terzo "Nero Wolfe preso al lazo" (The Rodeo Murder), 1960
  • Troppi clienti (Too Many Clients), romanzo, 1960
    • Il Giallo Mondadori 654 del 1961
  • Nero Wolfe la paga cara (The Final Deduction), romanzo, 1961
    • Il Giallo Mondadori 732 del 1963
    • I Classici del Giallo 980 del 2003
  • L'enigma della pistola (Homicide Trinity), raccolta di tre racconti di cui il primo intitolato "L'avvocato delle cause vinte" (Eeny Meeny Murder Mo), il secondo dà il titolo alla raccolta (Death of a Demon) ed il terzo è intitolato "Dollari matti" (Counterfeit for Murder), 1962
  • Scacco al re per Nero Wolfe (Gambit), romanzo, 1962
    • Il Giallo Mondadori 756 del 1963
    • I Classici del Giallo 999 del 2004
  • Nero Wolfe, difenditi! (The Mother Hunt), romanzo, 1962
    • Il Giallo Mondadori 806 del 1964
    • I Classici del Giallo 362 del 1980

Romanzi brevi con Nero Wolfe[modifica | modifica sorgente]

Antologie in edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

  • Buon anno con Nero Wolfe, stampato nel novembre del 2002 nella collana Inverno Giallo Mondadori con il numero 24. Contiene i romanzi brevi:
    • Non credo agli alibi (Bullet for One), 1948, dall'antologia Curtains for Three del 1951
    • Nella gola del morto (The Gun with Wings), 1949, dall'antologia Curtains for Three del 1951
    • Mascherato per uccidere (Disguise for Murder), 1950, dall'antologia Curtains for Three del 1951
    • Il picnic del quattro luglio (Fourth of July Picnic), 1957, dall'antologia And Four to Go del 1958
    • Sfilata di Pasqua (Easter Parade), 1957, dall'antologia And Four to Go del 1958
    • Il segreto della signorina Voss (Murder Is No Joke), 1958, dall'antologia And Four to Go del 1958
    • Natale di morte (Christmas Party), 1957, dall'antologia And Four to Go del 1958

Altre pubblicazioni collegate a Nero Wolfe[modifica | modifica sorgente]

Romanzi senza Nero Wolfe[modifica | modifica sorgente]

Altre pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Watson Was a Woman, articolo pubblicato in The Art of the Mystery Story: A Collection of Critical Essays, (Simon and Schuster, 1946)

Altri racconti[modifica | modifica sorgente]

  • A Professional Recall, 1912
  • Excess Baggage, 1912
  • The Infernal Feminine, 1912
  • Pamfret and Peace, 1913
  • A Companion of Fortune, 1913
  • A White Precipitate, 1913
  • The Pickled Picnic, 1913
  • The Mother of Invention, 1913
  • Methode Americaine, 1913
  • A Tyrant Abdicates, 1914
  • The Pay-Yeoman†, 1914
  • Secrets†, 1914
  • Rose Orchid†, 1914
  • An Agacella Or, 1914
  • The Inevitable Third, 1914
  • Out of the Line, 1914
  • The Lie†, 1914
  • Target Practice†, 1914
  • If He Be Married†, 1915
  • Baba†, 1915
  • Warner and Wife†, 1915
  • A Little Love Affair, 1915
  • Art for Art's Sake, 1915
  • Another Little Love Affair, 1915
  • Jonathan Stannard 's Secret Vice†, 1915
  • Santetomo†, 1915
  • La moglie perduta (Justice Ends at Home)†, 1915
  • It's Science That Counts†, 1916
  • The Rope Dance†, 1916
  • An Officer and a Lady†, 1917
  • Heels of Fate †, 1917
  • It Happened Last Night, 1936
  • A Good Character for a Novel, 1936
  • Ronda di Natale (Tough Cop's Gift[4]), 1936
  • Sono pronto, chiamate la polizia (His Own Hand[5]), 1936
  • Annuncio's Violin, ?
  • The Strong Man, ?

Serie TV[modifica | modifica sorgente]

Una serie di 10 episodi trasmesse dal 1969 al 1971 sulla Rai Uno, regia Giuliana Berlinguer.

  1. 1969, Veleno in sartoria, tratto dal romanzo La scatola rossa (The Red Box) del 1937.
  2. 1969, Circuito chiuso, tratto dal romanzo Nero Wolfe sotto il torchio (If Death ever Slept) del 1957.
  3. 1969, Per la fama di Cesare, tratto dal romanzo La guardia al toro (Some Buried Caesar) del 1939.
  4. 1969, Il pesce più grosso, tratto dal romanzo Nero Wolfe contro l'FBI (The Doorbell Rang) del 1965.
  5. 1969, Un incidente di caccia, tratto dal romanzo Tre sorelle nei guai (Where There's A Will) del 1940.
  6. 1969, Il patto dei sei, tratto dal romanzo Sei per uno (The Rubber Band) del 1965.
  7. 1970, La casa degli attori, tratto dal romanzo Dollari matti (Counterfeit for murder) del 1962.
  8. 1971, La bella bugiarda, tratto dal romanzo Vicolo cieco (Murder Is Corny) del 1964.
  9. 1971, Sfida al cioccolato, tratto dal romanzo Scacco al re per Nero Wolfe (Gambit) del 1962.
  10. 1971, Salsicce Mezzanotte, tratto dal romanzo Alta cucina (Too Many Cook) del 1938.

I personaggi[modifica | modifica sorgente]

Serie TV 2012[modifica | modifica sorgente]

Nero Wolfe (serie televisiva 2012)

Nel 2012 viene realizzata, un'altra serie di 8 episodi trasmessi su Rai Uno che vedono un ipotetico trasferimento della sede di NERO WOLFE nella capitale italiana del dopoguerra.

I personaggi 2012[modifica | modifica sorgente]


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ adattamento del romanzo Un pizzico di chinino
  2. ^ Rex Stout ha ampliato e riveduto il racconto con il titolo Frame-Up for Murder, pubblicato in questa versione nella raccolta postuma Death Times Three del 1985
  3. ^ in questo romanzo giallo le indagini sono condotte dall'ispettore Cramer
  4. ^ titoli alternativi: Santa Claus Beat, Cop's Gift, Christmas Beat, e Nobody Deserved Justice
  5. ^ con Alphabet Hicks ed il sergente Purley Stebbins, che appare anche nelle storie di Nero Wolfe

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24608302 LCCN: n50010846