Revocation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Revocation
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
(Boston, Massachusetts)
Genere Technical death metal
Thrash metal
Periodo di attività 2006 – in attività
Etichetta Relapse Records
Album pubblicati 5
Studio 4 + 1 EP
Live 0
Raccolte 0

I Revocation sono una extreme metal band statunitense di Boston, Massachusetts. La band è stata fondata dal chitarrista e cantante David Davidson, dal bassista Anthony Buda e dal batterista Phil Dubois-Coyne nel 2000. In origine la band si chiamava Cryptic Warning ma fu cambiato in Revocation nel 2006. La band ha rilasciato quattro album studio, Empire of the Obscene, Existence Is Futile e Chaos of Forms e Revocation rispettivamente nel 2008, nel 2009 , nel 2011 e nel 2013. L'ultimo album è stato distribuito dalla Relapse Records.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, il chitarrista David Davidson, il batterista Phil Dubois-Coyne e il bassista bassist Anthony Buda, che al tempo frequentavano un high school in Boston, Massachusetts, formarono i Cryptic Warning, influenzati da gruppi come Guns N' Roses e Metallica. La band ha registrato la sua prima demo nel 2002 ed ha guadagnato un seguito nei dintorni di Boston, esibendosi anche al di fuori del Massachusetts. La seconda demo, Internally Reviled, fu registrata nel 2004. Nel 2005, i Cryptic Warning registrarono il loro studio album di debutto, Sanity's Aberration, ma la band non era soddisfatta della qualità della produzione dell'album. Ricordando quelle registrazioni, Davidson ha detto: "Abbiamo registrato l'album con la persona sbagliata, quindi non abbiamo ottenuto il sound che volevamo. La produzione più pesante della discografia del nostro produttore era The Cult. Un sacco di gente lo adora ancora, i fan della old-school lo usavano per presentarsi a tutti gli spettacoli, ma noi, non siamo stati molto soddisfatti di questa produzione. Abbiamo ritenuto che fosse uno degli errori che abbiamo commesso".[1]

La band decise di cambiare il proprio nome in Revocation nel 2006; Davidson ha commentato: "Penso che, guardando un po' 'più in profondità, abbiamo fatto molti errori con i Cryptic Warning. Eravamo giovani e non sapevamo veramente cosa stavamo facendo, quindi Revocation per noi ha significato ripartire da zero con una tabula rasa, revocando i nostri errori del passato ". Con un cambio di direzione, i Revocation prontamente registrarono una demo di tre canzoni dal titolo Summon the Spawn, e nel 2008 tornarono in studio per registrare il loro primo album, Empire of the Obscene. L'album è stato auto-prodotto, e la band ha finanziato il proprio tour, attirando l'interesse di diverse etichette discografiche. I Revocation successivamente firmarono per Relapse Records.[1] La band fece una serie di spettacoli regionali prima di registrare il suo secondo album ,Existence is Futile, uscito il 29 settembre 2009. L'album è stato descritto da All Music come "uno dei migliori album metal del 2009",[2] mentre il magazine Spin ha nominato i Revocation come una delle dieci band da guardare nel 2010.[3] Nel mese di ottobre del 2009, la band si esibì per la Relapse al CMJ Music Marathon.[4]

Stile ed influenze[modifica | modifica wikitesto]

La musica dei Revocation è stata descritta dai giornalisti come una fusione tra technical death metal e thrash metal.[5][6]

Le caratteristiche che definiscono il suono dei Revocation includono un "complesso intreccio tra chitarra e basso" di riffs dissonanti, bass breaks e assoli di chitarra unita alla galoppante batteria double-bass, ritmi death metal, "breakdown" hard rock e groove.[6] Voci che variano dal growl alle urla grindcore,[1] anche se "ancora riconoscibili come voci umane".[2]

I critici di musica hanno fatto notare che lo stile di Davidson è l'aspetto preminente del sound dei Revocation.[1][7] La rivista Exclaim! ha descritto l'abile lavoro di Davidson dicendo, "In generale, la maggior parte delle band con un tocco "meccanico" e assoli overwrought tendono ad essere interessanti solo per tre secondi. Questo è il tempo necessario per capire che alcune frombolerie di chitarra dominano la band; ha trascorso la sua giovinezza a masturbarsi invece di uscire con gli amici e ora usa il suo talento per le 6 corde"[6] Davidson sviluppò la sua tecnica alla chitarra, frequentando il Berklee College of Music, dove si è concentrato sulla poliritmia per il jazz. Questa formazione musicale gli ha dato una conoscenza sia nel suonare che nel scrivere canzoni, mentre "alcuni degli aspetti atonali del jazz gli hanno dato un diverso punto di vista su come comporre e assoli."[8]

Ricordando le sue prime influenze, Davidson cita Slash, Dimebag Darrell, e Marty Friedman.[9] Davidson dice che come band, i Revocation hanno una vasta gamma di influenze,[10] e fra queste vi sono gruppi come Exhorder, Dark Angel, Megadeth, Pestilence, Atheist, Gorguts, Forbidden, Spastic Ink, Martyr e Exodus.[8]

Per quanto riguarda la sezione ritmica della band, i critici hanno opinioni diverse, mentre About.com ha dichiarato che Buda e Dubois-Coyne "praticano il proprio marchio brutale con un'intensità spietata",[11] la rivista Decibel commenta che mentre Davidson è in assolo "il resto della band spesso non riesce a compensare".[7] In contrasto con tali pareri, All Music ha detto: "Forse la cosa più sorprendente dei Revocation, però, è che sono un trio".[2] Comunque dal 2010 non sono più un trio, grazie all''arrivo di Dan Gargiulo alla voce e chitarra.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex Membri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Chrissy Mauck, Revocation Changing the Metal Landscape in Jackson Guitars, 30 ottobre 2009. URL consultato il 20 gennaio 2010.
  2. ^ a b c Phil Freeman, Existence Is Futile review in Allmusic, Rovi Corporation. URL consultato il 23 gennaio 2010.
  3. ^ Staff, 10 Artists to Watch in 2010 in Spin, 15 dicembre 2009. URL consultato il 23 gennaio 2010.
  4. ^ Kim Kelly, Relapse, BrooklynVegan Give CMJ All Kinds of Metal With 2009 Showcase in Noisecreep, AOL, 13 ottobre 2009. URL consultato il 22 gennaio 2010.
  5. ^ J. Bennett, Existence Is Futile review in Revolver, nº 86, novembre 2009, pp. p. 74, ISSN 1527-408X.
  6. ^ a b c Keith Carman, Existence Is Futile review in Exclaim!, novembre 2009. URL consultato il 20 aprile 2010.
  7. ^ a b Chris Dick, Existence Is Futile review in Decibel, nº 62, dicembre 2009, pp. pp. 98–100, ISSN 1557-2137.
  8. ^ a b Revocation interview in Lords of Metal, novembre 2009. URL consultato il 23 aprile 2010.
  9. ^ Kevin Stewart-Panko, Tech-y death/thrashers organically worm their way to the 'top' in Decibel, nº 61, novembre 2009, ISSN 1557-2137. URL consultato il 20 aprile 2010. [collegamento interrotto]
  10. ^ Linda Laban, Revocation Are Into Jazz and Old Romantics in Noisecreep, AOL, 1º febbraio 2010. URL consultato il 21 aprile 2010.
  11. ^ George Pacheco, Existence Is Futile review in About.com. URL consultato il 28 aprile 2010.
  12. ^ Revocation - Teratogenesis (EP) in Metalstorm.net. URL consultato il 10 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal