Reudigni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reudigni
Mappa delle tribù germaniche (Nell'ovale rosso i Reudigni)

I Reudigni furono una tribù germanica dedita al culto di Nerthus, citata da Tacito nel De origine et situ Germanorum.

Etnonimo[modifica | modifica wikitesto]

Schütte[1] ipotizza che il nome potrebbe essere letto Rendingi o Randingi, e che sarebbero gli stessi Rondings citati nel Widsith. Sempre secondo Schütte hanno dato il nome a Randers e Randsfjorden, in Danimarca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non si conosce molto di loro, ma potrebbero avere abitato la Danimarca prima dell'arrivo dei Daner citati da Giordane.

Tacito li descrisse come una tribù difesa da fiumi e foreste, che adorava Nerthus:

(LA)

« Reudigni deinde et Aviones et Anglii et Varini et Eudoses et Suardones et Nuithones. Nec quicquam notabile in singulis, nisi quod in commune Nerthum, id est Terram matrem, colunt eamque intervenire rebus hominum, invehi populis arbitrantur. ...[2] »

(IT)

« Seguivano in ordine Reudigni e Avioni e Angli e Varini ed Eudosi e Suardoni e Nuitoni; tutti difesi da fiumi e foreste. Nessuna di queste nazioni ha qualcosa di degno da citare, se non che sono uniti nel culto di Herthum (Nerthus); che poi sarebbe la Madre Terra[3] »

(Tacito, De origine et situ Germanorum, 40)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ipotesi sull'etnonimo
  2. ^ Tacito, De origine et situ Germanorum, 40. Medieval Sourcebook. Codificato ed impaginato da Northvegr.[1]
  3. ^ Tacito, De origine et situ Germanorum, 40; traduzione in inglese in The Agricola and Germania, A. J. Church and W. J. Brodribb, (Londra: Macmillan, 1877), pp. 87- 10, come riportato in Medieval Sourcebook[2]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]