Respiro di Cheyne-Stokes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Respiro di Cheyne-Stokes
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 786.04
ICD-10 (EN) R06.3
Eponimi
John Cheyne
William Stokes

Per respiro di Cheyne-Stokes o respiro periodico in campo medico, si intende una forma di respiro patologico.

In tale stato la persona alterna fasi di apnea anche lunga (si arriva anche a 20 secondi) a fasi in cui si passa gradatamente da una respirazione profonda ad una sempre più superficiale (cicli respiratori brevi e frequenti) che termina nuovamente nella fase di apnea.

Questo loop può prolungarsi per diversi giorni ma solitamente è transitorio.

Solitamente quando sopraggiunge tale stato non c'è più molto da fare ed il paziente è destinato all'exitus nel giro di alcune ore.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Tale stato è più frequente negli anziani, anche sani, soprattutto durante il sonno. Compare, inoltre, in presenza di elevate altitudini. Più frequentemente, si associa però a stati patologici toccando una prevalenza fino al 40% nei cardiopatici.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

I fattori favorenti l'instabilità del controllo respiratorio e le fluttuazioni di CO2 sono: -ipocapnia e ipossiemia -aumentata responsività dei chemocettori centrali e periferici -instabilità delle vie aeree -prolungato tempo di circolo -ridotta riserva di O2 -alternanza delle fasi del sonno e ripetersi di arousals

Conseguenze cliniche[modifica | modifica sorgente]

Le oscillazioni della ventilazioni determinano: -desaturazione ossiemoglobinica -ritenzione di CO2 -modificazioni emodinamiche -attivazione dei centri respiratori -frequenti microrisvegli coscienti o non che conducono a frammentazione del sonno, insonnia e quindi ipersonnolenza diurna

Questi eventi fisiopatologici agiscono come feedback positivo peggiorando la sindrome stessa che pertanto si automantiene grazie a questo circolo vizioso.

Patologie correlate[modifica | modifica sorgente]

Lo si riscontra come sintomo in gravi forme di encefalopatie, scompenso cardiaco, alcune forme di intossicazione (da narcotici o ipnotici) e malattie respiratorie.

Durata[modifica | modifica sorgente]

Ogni ciclo respiratorio anomalo dura da un minimo di 45 secondi ad un massimo di 3 minuti.

Eponimia[modifica | modifica sorgente]

Il nome dell'anomalia patologica è stato dato da due medici, John Cheyne[1] e l'irlandese William Stokes,[2] entrambi avevano descritto lo stato morboso nel XIX secolo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ J. Cheyne: A case of apoplexy in which the fleshy part of the heart was converted into fat. Dublin Hospital Reports, 1818, 2: 216-223. Reprinted in F. A. Willius & T. E. Keys: Cardiac Classics, 1941, pp. 317-320
  2. ^ William Stokes: Fatty degeneration of the heart. In his: The Diseases of the Heart and Aorta. Dublin, 1854, pp. 320-327.


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006. ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004. ISBN 88-299-1716-8.
  • Giovanni Sr. Fradà, Fradà G. Jr., Semeiotica Medica nell'adulto e nell'anziano IV edizione, Piccin, 2009. ISBN 978-88-299-1999-4.


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina