Resident Evil 5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Resident Evil 5
Resident Evil 5.jpg
Il logo di Resident Evil 5
Titolo originale BIOHAZARD 5
Sviluppo Capcom
Pubblicazione Capcom, THQ
Ideazione Jun Takeuchi
(produttore generale)
Kenichi Ueda
Yasuhiro Anpo
(direttore)
Masachika Kawata
(produttore)
Haruo Murata
(autore)
Serie Resident Evil
Data di pubblicazione PlayStation 3, Xbox360:
Giappone 5 marzo 2009
Flags of Canada and the United States.svg 13 marzo 2009
Flag of Europe.svg 13 marzo 2009
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 13 marzo 2009

Microsoft Windows:
Giappone 17 settembre 2009
Flags of Canada and the United States.svg 14 settembre 2009
Flag of Europe.svg 18 settembre 2009
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 18 settembre 2009
Steam:
Flags of Canada and the United States.svg 15 settembre 2009
PS3 e Xbox360 (Gold Edition):
Giappone 18 febbraio 2010[1]
Flags of Canada and the United States.svg 9 marzo 2010
Flag of Europe.svg 14 maggio 2010
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 14 ottobre 2011
PlayStation Network:
Flags of Canada and the United States.svg 4 ottobre 2011
Flag of Europe.svg 12 ottobre 2011

Genere Sparatutto in terza persona
Tema Survival horror
Modalità di gioco Giocatore singolo, Online Multiplayer, Online co-op , Split-screen co-op online e offline
Piattaforma PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Distribuzione digitale PlayStation Network, Steam, Xbox Live
Motore grafico MT Framework v1.4 (versione migliorata)
Motore fisico Havok[2][3]
Supporto Blu-ray Disc, DVD-ROM, Download digitale
Fascia di età BBFC: 18
CERO: D
ESRB: M
OFLC (AU): MA15
OFLC (NZ): R18
PEGI: 18+
USK: 18
Periferiche di input Sixaxis, DualShock 3, PlayStation Move, Controller Wireless, Tastiera e mouse,
Espansioni Incubo senza uscita, Fuga disperata
Preceduto da Resident Evil 4
Seguito da Resident Evil: Revelations
Specifiche arcade
Risoluzione 1280x720p

Resident Evil 5, conosciuto in Giappone come BIOHAZARD 5 (バイオハザード5 Baiohazādo Faibu?, letteralmente «Biorischio 5»), è un videogioco di genere survival horror, ed è il settimo capitolo della serie principale di Resident Evil; è uscito per PlayStation 3 e Xbox 360[4] Il gioco, sviluppato e pubblicato da Capcom, è stato annunciato ufficialmente il 20 luglio 2005,[5] ed è stato pubblicato il 5 marzo 2009 in Giappone e il 13 marzo 2009 in America e Europa.[6] Una versione per Microsoft Windows è uscita il 18 settembre 2009.[7] Dal lancio avvenuto a marzo sono stati distribuiti in tutto il mondo 6,1 milioni di copie.[8]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Resident Evil 5 è ambientato undici anni dopo il disastro di Raccoon City, avvenuto nel 1998, e cinque dopo l'avventura di Leon Scott Kennedy, che ha salvato la figlia del presidente Graham da una setta religiosa guidata da Lord Saddler, intento a dominare il mondo con l'aiuto di un parassita chiamato Las Plagas. L'avventura di Leon, svoltasi in un angolo sperduto del mondo al confine tra il Portogallo e la Spagna (El Pueblo), ha avuto luogo nel 2004, poco dopo la caduta della Umbrella, e aveva parlato di una nuova minaccia sventata e distrutta da Leon (ossia il parassita Las Plagas).[4][9] In Resident Evil 5, si continua a parlare di questi misteriosi parassiti, che hanno subito modifiche genetiche da parte della Tricell, una potente e famosa compagnia farmaceutica multinazionale venuta in possesso del campione di Plaga recuperato in Spagna dal cadavere di Jack Krauser, dagli agenti di Albert Wesker in Resident Evil 4. Nel 2009, Chris Redfield, ex membro della squadra speciale S.T.A.R.S., si è unito ad una compagnia che combatte il bioterrorismo, chiamata B.S.A.A. Viene inviato nel cuore dell'Africa (precisamente nella regione di Kijuju), ad indagare su una misteriosa minaccia lanciata da Ricardo Irving, un terrorista pluriricercato. Li fa la conoscenza con Sheva Alomar, membro del ramo africano della B.S.A.A e sua partner durante la missione. I due scoprono presto gli orrori del luogo: i nativi di Kijuju sono stati infettati da un misterioso parassita, che li ha condannati a rimanere in uno stato permanente di furia omicida. Il parassita si rivelerà essere proprio Las Plagas, modificate geneticamente dalla Tricell. I due agenti della B.S.A.A. affrontano quindi le orde di nemici, chiamati Majini, cercando allo stesso tempo di impedire la diffusione del parassita. Durante le indagini, Chris viene a sapere che la sua vecchia partner, Jill Valentine, creduta morta dopo una lotta contro la sua nemesi, Albert Wesker, è sopravvissuta e probabilmente si trova nelle mani della compagnia farmaceutica Tricell, così decide di impegnarsi per ritrovarla.

Contemporaneamente si viene a sapere che in realtà, Irving, il terrorista su cui indagano Chris e Sheva, lavora per Excella Gionne, la proprietaria della Tricell che a sua volta collabora con Albert Wesker, ex capitano della S.T.A.R.S., creduto anch'egli morto.[10] Inoltre i tre terroristi vengono aiutati da una misteriosa donna incappucciata, che in seguito si scoprirà essere la stessa Jill Valentine, comandata da Wesker tramite un congegno meccanico applicato sul petto. Dopo aver trovato Irving, il criminale si trasforma in un mostro marino chiamato Kraken attraverso un'iniezione, ma viene comunque sconfitto. Prima di morire, Irving rivela ai due delle caverne che saranno la prossima tappa dei membri B.S.A.A..

Nel capitolo 5-3 Jill viene ritrovata e liberata dal congegno, dopo uno scontro breve con Wesker, e rivela al suo vecchio amico che per sconfiggere Wesker è necessario iniettargli una dose eccessiva del virus che gli ha procurato i suoi poteri. Wesker intanto (nel capitolo 6-2) elimina Excella, dopo essersi a lungo finto un suo agente.

Una volta raggiunto, Wesker rivela a Chris e Sheva il suo piano: Rilasciare nell'atmosfera terrestre il virus Uroboros (dal termine Uroboro) facendo raggiungere agli umani col DNA più forte un nuovo stadio dell'evoluzione, ma al contempo causando la morte di miliardi di innocenti. Per impedirlo, Chris e Sheva affrontano Wesker, riuscendo a fare schiantare l'aereo che avrebbe lanciato il virus Uroboros. In un ultimo atto di follia, Wesker decide di assimilare il virus Uroboros, diventando più potente e mostruoso, ma Chris e Sheva riescono ugualmente a sconfiggerlo, anche grazie al tempestivo intervento di Jill e del membro della B.S.A.A., Josh.

Sconfitta la terribile minaccia, Chris e i suoi partner si portano in salvo.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Resident Evil 5 presenta un gameplay simile a quello di Resident Evil 4. Il giocatore prende il controllo di Chris Redfield o Sheva Alomar, con una prospettiva in terza persona.[11] Il gioco offre quattro diverse combinazioni di comandi nelle opzioni, una delle quali ricalca il gioco precedente. L'ambiente gioca un ruolo cruciale anche in questo episodio: negli scenari sono disseminati barili esplosivi o generatori elettrici che possono essere sfruttati per eliminare le orde di nemici.[12] Il gioco introduce dei nemici nuovi, chiamati Majini, simili ai Ganados di Resident Evil 4, così come nuove, mortali creature. Caratteristica principale del gioco è in ogni caso l'elemento multiplayer in cooperativa. Per la prima volta nella serie di Resident Evil, nello svolgimento dell'avventura il protagonista non è più solo, ma è accompagnato da un partner. La spalla, controllata dalla CPU (o anche da un amico tramite LAN o internet) interagisce a pieno con mondo circostante: collabora nell'abbattere i nemici o nell'applicare tattiche di sopravvivenza congiunte. Nella versione per PS3, lo schermo viene suddiviso.[13] Ad aumentare la longevità e la rigiocabilità, vi sono diversi elementi collezionabili, fra cui gli stemmi della B.S.A.A., nascosti attraverso gli scenari del gioco, o le statuette di alcuni personaggi del gioco e costumi alternativi.

Una volta terminata l'avventura principale, si sblocca il minigioco I Mercenari, che consiste nell'eliminare più nemici possibili di seguito entro un limite di tempo, impersonando i principali personaggi del gioco (compreso il "cattivo" Wesker). Allo scadere del tempo, viene calcolato il punteggio in base ai nemici sconfitti e alle combo realizzate. Anche questo minigioco possiede una modalità cooperativa, che può essere giocata in due sia online che sulla stessa console. Il 7 aprile 2009, Capcom ha reso disponibile per il download la modalità Versus, giocabile online da quattro persone contemporaneamente, che include diverse modalità secondarie.[14] La modalità Assassini consiste nell'eliminare i nemici per ottenere più punti degli avversari, mentre nella modalità Sopravvissuti è necessario eliminare i propri avversari per ottenere dei punti.

Riferimenti ai giochi precedenti[modifica | modifica sorgente]

Resident Evil 5 essendo di fatto il sequel di Resident Evil 4 continua a parlare dei parassiti noti come Las Plagas, gli stessi che avevano infettato il villaggio di El Pueblo dove Leon Scott Kennedy si era dovuto recare per salvare la figlia del presidente tenuta in ostaggio da persone affette da Plagas, note come ganados. Il campione di Plagas cui è venuta in possesso la Tricell è stato recuperato da Wesker dal cadavere di Jack Krauser durante gli eventi di Resident Evil 4. Chris, infatti fa riferimento alle vicende di Resident Evil 4 dicendo che la popolazione della città Kijuju, sta impazzendo "Come quei quei ganados descritti nel rapporto Kennedy", facendo riferimento proprio a Leon S. Kennedy e alla sua missione in Spagna dove affrontò anch'egli persone affette da Plagas. Le Plagas hanno subito mutamenti genetici in Resident Evil 5, da parte della Tricell, che le hanno potenziate ulteriormente, facendo cambiare l'aspetto dei parassiti rispetto agli stadi originali che assumevano in Resident Evil 4.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

June Takeuchi (direttore di Onimusha e produttore di Lost Planet: Extreme Condition), ha rilevato compiti di produttore da Hiroyuki Kobayashi. Keiji Inafune, promoter di Resident Evil 2 e produttore esecutivo di Resident Evil 4, ha supervisionato il progetto.[15] Nel febbraio 2007, i membri del Clover Studio di Capcom sono stati chiamati per aiutare nello sviluppo del gioco. Di questi sviluppatori, alcuni hanno aiutato Takeuchi su Resident Evil 5, mentre altri hanno aiutato Inafune nello sviluppo di Resident Evil: The Umbrella Chronicles, esclusiva temporale per Wii uscito pure su PlayStation 3 rimasterizzato in HD insieme a Resident Evil: The Darkside Chronicles[16][17] Altri membri dello staff che hanno collaborato allo sviluppo di Resident Evil sono coinvolti nel progetto. Il produttore Minoru Nakai ha dichiarato che il gioco non arriverà mai su Wii, però non ha escluso che un futuro titolo possa essere sviluppato anche per la console Nintendo.[18] Christian Svensson di Capcom ha dichiarato che oltre la modalità "Versus" ci saranno altre nuove espansioni per il gioco.[19]

Marketing[modifica | modifica sorgente]

Anche se il gioco ha ottenuto un grande interesse tra gli appassionati di Resident Evil, all'E3 2006 non c'è stato nessun video e nessuna informazione riguardante il gioco.[20] All'E3 2007, Capcom ha mostrato un breve trailer di Resident Evil 5.[21] La versione completa (circa 3 minuti) del trailer mostrato in occasione dell'E3 2007 è stato pubblicato il 26 luglio 2007 su Xbox 360 Marketplace e PlayStation Network.[22][23]

Alla fine di marzo 2008, è stato pubblicato con Famitsu Wave di aprile un DVD che sono state svelate le prime caratteristiche del gioco. Il 10 aprile 2008, il DVD è stato pubblicato sul blog ufficiale della Capcom con la traduzione in inglese.[24] Takeuchi ha dato nuove informazioni sul gioco e ha mostrato nuovi video sul gameplay del gioco. Un trailer è stato mostrato al Captivate'08 il 31 maggio 2008 e ha debutatto su GameTrailers TV, GameTrailers e Spike TV.

Una demo del gioco è stata pubblicata in Giappone solo su Xbox 360 il 5 dicembre,[25] mentre in Nord America ed Europa il 26 gennaio per una settimana in esclusiva sempre su Xbox 360.[26] Il 2 febbraio è stata rilasciata per la PlayStation 3.[27][28].

La campagna promozionale fu in crescendo, partendo da informazioni fantasma fino al martellare la rete di battage pubblicitario, complice anche 5 video promozionali realizzati con attori in carne e ossa, dove si scambiavano immagini cinematografiche live action con frame virtuali, i 5 minifilm furono realizzati da Marcus Nispel, regista del remake di non aprite quella porta; Capcom non è nuova a tali mosse, il primo videogioco propose al pubblico una vera e propria rivoluzione non solo sul piano del gameplay e meccanica ma anche per filmati introduttivi, realizzato con attori in carne e ossa, affilando così sempre di più i legami con il mondo del cinema; per promuovere Resident Evil 2 George Romero realizzò due spot che divennero presto dei cult tra gli appassionati.

Alternative/Gold Edition[modifica | modifica sorgente]

Durante la conferenza stampa di Sony al Tokyo Game Show 2009, Capcom ha annunciato Biohazard 5: Alternative Edition per PlayStation 3 e Xbox 360, pubblicato in Giappone nella primavera 2010. Questa nuova edizione fa uso del PlayStation Move[29] e vanta un contenuto extra che riguarda una nuova avventura intitolato Incubo senza uscita (Lost in Nightmares), con Jill e Chris assieme infiltrarti nel castello di Ozwell Spencer nel 2006 per scoprire gli inquietanti misteri che vi si celano all'interno.[30][31][32] Un breve trailer è stato presentato in occasione Tokyo Game Show.[33] Tutto il capitolo extra si svolge nella residenza Spencer già vista nel flashback di Chris in Resident Evil 5.[34] Capcom USA ha annunciato la pubblicazione dei contenuti sotto forma di DLC in Australia, Europa e Nord America attraverso PlayStation Network e Xbox Live.[35]

Un'altra edizione al di fuori del Giappone, intitolata Resident Evil 5: Gold Edition uscirà in versione disco, che conterrà il gioco originale insieme agli episodi Incubo senza uscita e Una fuga disperata. Quest'ultimo vede protagonisti Jill Valentine e Josh Stone, che cercheranno di aiutare Chris e Sheva, oltre a nuovi 4 costumi (due per Chris e due per Sheva). Nella Gold Edition è contenuta la modalità VERSUS, dove lo scopo è quello di eliminare più nemici e avversari possibili entro il limite di tempo.[36]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Il trailer di Resident Evil 5 dell'E3 2007 ha subito varie accuse di razzismo. In una recente intervista rilasciata al Multiplayer Blog di MTV.com, il giornalista N’Gai Croal si è aggiunto al coro degli accusatori, motivando la presunta ambiguità del titolo in lavorazione che si evince dal filmato proposto da Capcom.

Croal sostiene che nonostante non sia nelle intenzioni delle software house far emergere ideologie razziste in Resident Evil 5, il trailer promozionale è intriso di stereotipi la cui pericolosità è legata alla storia recente del post-colonialismo.[37][38] Dopo l'uscita dell'ultimo video di Resident Evil 5, il gioco è stato accusato di razzismo da un blog a favore delle donne africane. Tutto parte dal fatto che i "cattivi del gioco" stavolta sono persone di colore, mentre il protagonista, impegnato nell'ucciderli, è bianco (da notare che la maggioranza dei nemici hanno sembianze molto umane pur essendo zombie, per effetto del nuovo virus, si ha quindi la percezione di un uomo bianco occidentale che uccide molti uomini neri africani indigeni).[39] Secondo Takeuchi Resident Evil 5 è privo di allusioni razziste o politiche.[40]

RE5 inoltre è stato aspramente criticato dai fan della vecchia serie, dai fan più sfegatati di RE4 e da quelli degli action moderni: i primi auspicavano il ritorno alle atmosfere originarie ed all'horror in parte perduto con RE4 mentre i sostenitori del "genitore" sono rimasti delusi dalla tendenza degli ultimi anni di inserire modalità online a discapito della longevità in SP nonché l'inserimento della modalità cooperativa che porta in single player alla presenza obbligatoria di un bot.

La critica già presente prima dell'uscita sulla mancanza di una vera innovazione nelle meccaniche di gioco ha portato Capcom a dichiarare poco prima dell'uscita di questo episodio che il futuro sesto capitolo sarà completamente nuovo.

I fan degli action moderni invece vedono il gameplay di RE4 inadeguato ad action TPS come Gears of War, e nonostante con il quinto capitolo si sia spinto molto su controlli più attuali ed all'esasperazione della componente "sparatutto", rispetto al prequel le limitazioni di movimento (che fanno parte dell'ossatura della saga) hanno scontentato coloro che vedevano in RE5 l'alternativa al titolo Epic.

Vendite[modifica | modifica sorgente]

Il gioco nel primo giorno di vendite in Giappone ha venduto 278 000 copie rispettivamente suddivise in 222 000 copie per la versione Playstation 3 e 56 000 copie per la versione Xbox 360. Il gioco ha superato Resident Evil 4 che nel suo primo giorno di vendita in Giappone aveva fatto 117 000 copie per la versione Gamecube e 145 000 copie per la versione Playstation 2.[41] Il 18 marzo il produttore ha annunciato che il gioco ha venduto 4 milioni di copie.[42]

Il gioco in versione PS3 ha venduto in Giappone 508 959 copie risultando il 16º gioco più venduto del 2009 nella terra del Sol Levante; invece per Xbox 360 sono state vendute 123 817 copie.[senza fonte]

Recensioni[modifica | modifica sorgente]

Pubblicazione Voti
1UP B[43]
Dengeki 85[44]
Edge 7/10[45]
Empire 5/5[46]
Eurogamer 7/10[47]
Famitsu 38/40[48]
Famitsu Xbox 360 37/40[49]
Game Informer 9.5/10[50]
GamePro 4.5/5[51]
GameSpot 8.5/10[52][53]
Games-Stations.net 9/10[54]
IGN 9.0/10[55]
Official Playstation Magazine USA 5/5[56]
Gamepro 93%[46]
Official Xbox Magazine Australia 8/10[46]
Xbox World 81%[46]
Official PlayStation Magazine UK 8/10[57]
Gameplayer.it 72/100[58]
Metarecensioni Voto
GameRankings basato su 54 recensioni 86.98% (PS3)[59]
GameRankings basato su 54 recensioni 85.92%[60]
GameStats basato su 79 recensioni 8.6/10 (PS3)[61]
GameStats basato su 82 recensioni 8.5/10[62]
Metacritic basato su 69 recensioni 86/100 (PS3)[63]
Metacritic basato su 82 recensioni 85/100[64]

Edizione limitata[modifica | modifica sorgente]

Il gioco è stato reso disponibile anche in edizione limitata: la scatola è composta da una confezione di metallo e contiene, oltre al gioco, un DVD con il Making Of.

Collegamenti ad altri titoli[modifica | modifica sorgente]

  • Il virus con cui Wesker vuole infettare il pianeta presente nel gioco si chiama Uroboros. Non è la prima volta che Capcom usa questo nome: in Devil May Cry 2 l'organizzazione guidata dal malvagio Arius si chiama "Uroboros Corporation".

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Il seguito del gioco, Resident Evil 6, rivede come protagonisti i principali personaggi della saga di Resident Evil, in particolare Leon S. Kennedy e Chris Redfield. In questo gioco, Leon e Chris combattono uno contro l'altro poiché in disaccordo sul dover uccidere o meno una testimone dell'epidemia del nuovo Virus-C, che potrebbe essere anche la colpevole; la storia è ambientata quindici anni dopo l'incidente di Raccoon City e questa volta il mondo sarà messo in pericolo dal nuovo Virus-C. Resident Evil 6 torna quindi a parlare dei Virus e delle B.O.W., e non più di Plagas, di Ganados o di Majini. Il gioco è suddiviso in tre storie e possiede nuove meccaniche di gioco, come la possibilità di correre e sparare nello stesso momento. Il gioco è interamente doppiato in italiano, come avvenuto in precedenza per Resident Evil: Revelations e Operation Raccoon City.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film Resident Evil: Afterlife ci sono diversi riferimenti al gioco: all'inizio del film vediamo Alice che insegue Wesker e fa schiantare il suo aereo contro un isolotto esattamente come fanno Chris e Sheva verso la fine, quando Alice va in Alaska dove dovrebbero essere andati i superstiti del convoglio viene attaccata da Claire Redfield sotto il controllo di un dispositivo attaccato al petto come Jill Valentine (che ritroviamo alla fine del film nel medesimo stato), al carcere i superstiti barricatisi lì vengono attaccati da orde di zombie che fanno fuoriuscire dalla bocca una specie di fiore di carne (come le Plagas dei Majini) e dal Majini Boia che si scontra con Alice, infine i protagonisti vanno su un'enorme nave che assomiglia alla nave della Tricell dove si svolgono gli ultimi capitoli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (JA) Biohazard 5 Alternate Edition Official Website, Capcom. URL consultato il 17 dicembre 2009.
  2. ^ (EN) Michael Hoang, Resident Evil 5 in eMagi.co.uk. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  3. ^ (EN) Blake Grundman, Fanboy Heartbreak: Resident Evil 5 Not Possible on Wii? in Gamesareevil.com. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  4. ^ a b (EN) Takeuchi talks Resident Evil 5 in GameSpot, 2 agosto 2005. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  5. ^ (EN) Tor Thorsen, Resident Evil 5 coming to 360, PS3 in GameSpot, 20 luglio 2005. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  6. ^ (EN) Resident Evil 5 coming March 13, 2009! in GamePro, 14 luglio 2008. (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2008).
  7. ^ (EN) CAPCOM PREPS A TRIPLE THREAT OF GAMING EXCELLENCE FOR WINDOWS-BASED PERSONAL COMPUTERS, Capcom, 1º maggio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  8. ^ (EN) Capcom earings report/list of million sellers - Monster Hunter 3 does well, Darkside Chronicles does poorly, and much more in Go Nintendo.com. URL consultato il 1º febbraio 2010.
  9. ^ (EN) Anoop Gantayat, Matt Casamassina, Resident Evil 5 on 360, PS3 in IGN, 20 luglio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  10. ^ (EN) IGN: Resident Evil 5 New Character in IGN, 24 settembre 2008. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  11. ^ Resident Evil 5 Preview.
  12. ^ (EN) Anoop Gantayat, Resident Evil 5 Update in IGN, 1º agosto 2005. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  13. ^ (EN) John Tanaka, TGS 2008: Resident Evil 5 Goes Split Screen in IGN, 9 ottobre 2008. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  14. ^ (EN) David Scammell, Resident Evil 5 Versus DLC available from tomorrow in D+PAD, 6 aprile 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  15. ^ (EN) Resident Evil 4 production credits in MobyGames, 19 febbraio 2007.
  16. ^ (EN) Tom Bramwell, Clover vets helping on Resi 5 and Inafune Wii title in Eurogamer, 20 febbraio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2014..
  17. ^ (EN) Frank Caron, Capcom reincorporates ex-Clover developers; victory assured in Ars Technica.com, 20 febbraio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2014..
  18. ^ Resident Evil 5 non si Rivoluziona in gamestar.it, 19 gennaio 2006. [collegamento interrotto]
  19. ^ Giorgio Melani, Capcom pensa a nuove espansioni per Resident Evil 5 in Multiplayer.it, 4 settembre 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  20. ^ E3 06: MIA @ E3 06 in MTV Video Games, 15 luglio 2006. [collegamento interrotto].
  21. ^ (EN) E3 07: Resident Evil 5 Trailer Impressions in GameSpot, 10 luglio 2007. URL consultato il 10 luglio 2007.
  22. ^ (EN) New Resident Evil 5 Details in IGN, 18 luglio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  23. ^ (EN) Michael Harradence, New Resident Evil 5 details emerge in PSU, 18 luglio 2007. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  24. ^ (EN) Chris Tou, Resident Evil 5 Famitsu Interview With Takeuchi-san, Capcom US, 10 aprile 2008. URL consultato il 13 aprile 2008.
  25. ^ (EN) Matthew Humphries, Japan gets Resident Evil 5 demo December 5 in geek.com, 27 novembre 2008. URL consultato l'8 gennaio 2009.
  26. ^ (EN) Resident Evil 5 Demo Hits Next Week in IGN, 6 novembre 2008. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  27. ^ (EN) Resident Evil 5 demo in early 2009 for US in Joystiq, 6 novembre 2008. URL consultato il 17 dicembre 2008.
  28. ^ (EN) Chris Faylor, Resident Evil 5 Demo Finally Gets a Release Date: Hitting Xbox 360 First, PS3 Later in Shacknews, 14 gennaio 2009. URL consultato il 14 gennaio 2009.
  29. ^ (EN) Luke Plunkett, Resident Evil 5, LittleBigPlanet To Support PS3 Motion Controller in Kotaku, Gawker Media, 23 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009.
  30. ^ Chris Redfield and Jill Valentine together in new RE5 content! in Capcom Unity's Twitter, 23 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009.
  31. ^ (EN) TGS 09: Resident Evil 5 Alternative Edition Revealed in Tokyo Game Show 2009, 23 settembre 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  32. ^ (EN) Resident Evil 5: Alternative Edition Reveal Spencer's Mansion in Siliconera, 5 ottobre 2009. URL consultato il 6 ottobre 2009.
  33. ^ (EN) Biohazard 5 Alternative Edition Exclusive Reveal in Tokyo Game Show 2009, 25 settembre 2009. URL consultato il 25 settembre 2009.
  34. ^ (EN) Resident Evil 5 to support PS3 motion control in GameSpot, 24 settembre 2009. URL consultato il 24 settembre 2009.
  35. ^ (EN) Jordan Grim Devore, Resident Evil 5's Alternate Edition missions will be DLC in Destructoid, 9 ottobre 2009. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  36. ^ (EN) Dale North, 'Desperate Escape' in Resident Evil 5: Alternate Edition in Destructoid, 24 novembre 2009. URL consultato il 27 novembre 2009.
  37. ^ (EN) Victor Godinez, Zombies in 'Resident Evil 5' become issue of race in Dallas Morning News, 12 aprile 2008. URL consultato il 17 aprile 2008.
  38. ^ (EN) Capcom confirms Africa setting for Resident Evil 5 in GamePro, 11 aprile 2008. (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2008).
  39. ^ (EN) Resident Evil 5 Criticized for Racism in N4G, 1º agosto, 2007. URL consultato il 5 luglio 2014.
  40. ^ (EN) Michael McWhertor, Resident Evil 5 Not Redesigned After Race Criticism, Says Producer in Kotaku, 3 giugno 2008. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  41. ^ (EN) RE5 Japan's first day sales: PS3 4:1 360 in n4g.com, 5 marzo 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  42. ^ Successo commerciale di Resident Evil 5: quattro milioni di copie vendute in Hardware Upgrade, 18 marzo 2009. URL consultato il 18 marzo 2009.
  43. ^ (EN) James Mielke, Resident Evil 5 Review at 1UP.com in 1UP.com, 12 marzo 2008. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  44. ^ (EN) Famitsu Weekly Review: Biohazard 5 in neogaf.com, 25 febbraio 2009.
  45. ^ Review: Resident Evil 5 in Edge-online.com.
  46. ^ a b c d Staff neogaf.com, Resident Evil 5 review thread.
  47. ^ Eurogamer Resident Evil 5 review, 9 marzo 2009. URL consultato il 9 marzo 2009.
  48. ^ (EN) Michael Harradence, Resident Evil 5 scores big in Famitsu in PSU, 25 febbraio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  49. ^ Mauro Cattaneo, Voti da Famitsu XBox 360 in SpazioGames, 25 febbraio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  50. ^ (EN) Joe Juba & Mark Miller, Resident Evil 5: You Are Not Alone in Game Informer, aprile 2009. URL consultato il 17 marzo 2009.
  51. ^ Another Resident Evil 5 review, CVG, 27 febbraio 2009. URL consultato il 2 marzo 2009.
  52. ^ (EN) Lark Anderson, Resident Evil 5 Review in GameSpot, 13 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  53. ^ (EN) Lark Anderson, Resident Evil 5 video review in GameSpot, 13 marzo 2009. URL consultato il 16 marzo 2009.
  54. ^ Resident Evil 5 prime considerazioni in games-stations.net, 13 marzo 2009.
  55. ^ (EN) Geddes Ryan, Resident Evil 5 Review in IGN, 6 marzo 2009, p. 4. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  56. ^ v4vg.com, OPM March Issue Scores in v4vg.com, 1º febbraio 2009.
  57. ^ ps3attitude.com, Resident Evil 5; 8/10 from PlayStation Official Mag UK in ps3attitude.com, 13 febbraio 2009.
  58. ^ Andrea Garroni, Recensione di Resident Evil 5 in GamePlayer.it. (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2011).
  59. ^ "Resident Evil 5 Gamerankings Score".
  60. ^ "Resident Evil 5 Gamerankings Score".
  61. ^ "Resident Evil 5 GameStats Score".
  62. ^ "Resident Evil 5 GameStats Score".
  63. ^ MetaCritic: Resident Evil 5 PS3, Metacritic. URL consultato il 13 marzo 2009.
  64. ^ MetaCritic: Resident Evil 5 Xbox 360, Metacritic. URL consultato il 13 marzo 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi