Requiem (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Requiem
Titolo originale Requiem
Lingua originale tedesco
Paese di produzione Germania
Anno 2006
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere drammatico
Regia Hans-Christian Schmid
Sceneggiatura Bernd Lange
Produttore Anja Klement, Hans-Christian Schmid
Produttore esecutivo Ulrike Putz
Casa di produzione 23/5 Filmproduktion GmbH, Arte, Bayerischer Rundfunk, Südwestrundfunk, Westdeutscher Rundfunk
Fotografia Bogumil Godfrejow
Montaggio Bernd Schlegel, Hansjörg Weißbrich
Scenografia Christian M. Goldbeck
Costumi Bettina Marx
Trucco Monika Münnich, Nadine Schränkler
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Requiem è un film del 2006, diretto da Hans-Christian Schmid.

Ambientato nella Germania Ovest degli anni settanta, il film narra fatti realmente accaduti ispirati alla storia di Anneliese Michel, ragazza affetta da epilessia e morta in seguito ad un esorcismo. Nell'ultimo anno della sua vita fu seguita da due parroci esorcisti, per poi morire durante una crisi epilettica, oltre che di fame (raccontava che i demoni le impedivano di mangiare e di bere) e di dolore per le lesioni che si auto infliggeva. Nell'ultimo periodo della sua vita Annaliese aveva scritto molte lettere e in una di queste aveva predetto la sua morte, avvenuta il 1º luglio 1976, a soli 24 anni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Michaela, una ragazza di 21 anni, proveniente da una famiglia molto religiosa, decide di lasciare il suo paese di campagna per andare a frequentare l'università di Tubinga. La ragazza soffre di una grave forma di epilessia, e per questo la madre è contraria alla sua decisione di andare a studiare fuori città, che lei peraltro vede come covo di peccatori e di tentazioni; per sua fortuna però Michaela ha il totale appoggio di suo padre, che pur timorosamente sostiene le sue decisioni.

A Tubinga Michaela viene accolta dapprima in maniera molto fredda dai suoi compagni di corso, a causa della sua timidezza e dell'estrema religiosità; pian piano, però, la ragazza riesce ad aprirsi a nuove esperienze. Per prima cosa fa amicizia con Hanna, una ragazza del suo stesso paese e sua ex compagna di scuola (Michaela aveva dovuto lasciare gli studi a causa dell'epilessia). Hanna la introduce al mondo dei semplici divertimenti da ragazzi e la incita a fare amicizia con gli altri. Grazie a lei, Michaela conosce anche Stefan, un ragazzo piuttosto solitario che si rivela ben presto attratto da lei: i due iniziano una semplicissima storia d'amore, la prima della vita di Michaela.

Michaela però inizia ben presto a temere la sua stessa nuova vita, specie quando, una volta tornata a casa, sua madre la tratta con astio, facendole pesare quelli che lei ritiene veri e propri peccati. Durante un pellegrinaggio, Michaela sperimenta per la prima volta una singolare condizione: durante un lieve attacco epilettico, non riesce a toccare un rosario donatole da sua madre, e percepisce delle presenze che la insultano e le impediscono di pregare. Suo padre la ritrova il giorno dopo in stato confusionale, ma pur di accontentarla preferisce sorvolare sull'accaduto e rimandarla comunque a Tubinga.

Un giorno Hannah trova Michaela nella sua stanza in preda a un attacco epilettico, e la soccorre; Michaela le dice di sentire voci di esseri malvagi che non le consentono di toccare crocefissi e altri simboli religiosi, ma Hannah le consiglia di farsi visitare da un dottore; Michaela si arrabbia perché non vuole essere considerata malata, ma accetta comunque di fare delle analisi. Il referto medico viene letto da suo padre, che comprende la gravità della situazione ma, pur di non ferire sua figlia, lo tace a lei per prima.

Le situazioni intorno a Michaela si complicano: per prima cosa, parla della sua condizione a due sacerdoti, che però la liquidano dicendole di farsi vedere da un dottore scatenando le sue furie; poi Hannah le comunica che di lì a poco si trasferirà ad Amburgo per uno stage, e lei si sente abbandonata; infine, tornata a casa per le vacanze di Natale, sua madre le butta via i suoi nuovi vestiti poiché li ritiene peccaminosi. In seguito a questo episodio, la ragazza avrà un altro attacco di epilessia, ma decide di non dire nulla ai suoi e di tornare a Tubinga prima del tempo.

Sempre più magra e disperata, Michaela si lega al suo ragazzo Stefan, con cui ha anche il suo primo rapporto sessuale. Lui è molto innamorato di lei e le propone di fare un viaggio insieme per consolidare il loro rapporto; ma Michaela è concentrata su una relazione semestrale da consegnare al suo professore, che non riesce a portare avanti a causa delle solite "presenze" che ora le impediscono anche di lavorare. Grazie all'aiuto di Stefan la relazione viene terminata, ma invece di ringraziarlo la ragazza lo porta in un sordido locale dove si ubriaca e prende a ballare forsennatamente. Anche il ragazzo a questo punto suggerisce a Michaela di farsi curare, ma lei reagisce con violenza; lui rimane spaventato da questo suo atteggiamento e, pur non abbandonandola completamente, allenta la relazione.

Qualche settimana dopo Hannah fa il suo ritorno e trova Michaela in condizioni pietose: magra, allucinata e a malapena capace di distinguere la realtà. Con l'aiuto di Stefan la ragazza viene portata a casa, dove ha una violenta reazione di rifiuto quando i suoi genitori iniziano a pregare per la sua salvezza. A questo punto i due sacerdoti che prima avevano pensato che lei fosse malata iniziano a credere che la ragazza sia realmente posseduta, e decidono di tentare un esorcismo.

Giorni dopo, Hannah va a trovare Michaela e la porta a fare un giro, durante il quale rimane sconvolta nel comprendere ciò a cui sta andando incontro la sua amica. Hannah tenta di convincerla che non ci sia nessun demone, e le suggerisce per l'ennesima volta di farsi curare da uno psichiatra prima che sia troppo tardi; ma Michaela, con un'inquietante serenità, rivela alla sua amica di aver capito la ragione del suo tormento: se Dio permette che lei soffra così, è perché ha un disegno per lei, e probabilmente la sua sofferenza sarà d'esempio a tutti gli uomini.

Il film si conclude con una didascalia che spiega come Michaela sia morta dopo venti giorni di esorcismi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema