Repubblica Socialista Ceca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma della Repubblica Socialista Cecoslovacca
Repubblica Socialista Ceca (a sinistra, in blu) e Repubblica Socialista Slovacca (a destra, in azzurro) nel 1969 all'interno della Cecoslovacchia

Dal 1969 al 1990, Repubblica Socialista Ceca (Česká socialistická republika in ceco, abbreviato in ČSR) fu il nome ufficiale della parte della Cecoslovacchia che oggi si chiama Repubblica Ceca. Il nome fu in uso dal 1º gennaio 1969 al marzo 1990.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'occupazione della Cecoslovacchia nel 1968, le riforme di liberalizzazione subirono un arresto: l'unica eccezione fu la trasformazione della nazione in una Paese federale. L'ex-stato centralistico della Cecoslovacchia fu diviso in due: la Repubblica Socialista Ceca e la Repubblica Socialista Slovacca, con la Legge Costituzionale del 28 ottobre 1968, che fu applicata il 1º gennaio 1969. Furono creati nuovi Parlamenti nazionali, quello ceco e quello slovacco, mentre il vecchio Parlamento della Cecoslovacchia fu chiamato "Assemblea federale" e fu diviso in due camere: la Camera del Popolo (in ceco: Sněmovna lidu, in slovacco: Snemovňa ľudu) e la Camera delle Nazioni (in ceco: Sněmovna národů, in slovacco: Snemovňa národov). Vennero applicate norme molto complicate per le operazioni di voto.

La federazione fu solo formale, in quanto tutti i poteri reali erano detenuti dal Partito Comunista Cecoslovacco. Il maggiore numero di Parlamenti fornì nuovi seggi per i membri dei partiti, anche se il loro ruolo rimase solo simbolico.

Dopo la caduta del socialismo in Cecoslovacchia, la parola "socialista" fu eliminata nei nomi delle due repubbliche: la repubblica socialista ceca divenne repubblica ceca (ancora facente parte della Cecoslovacchia).

Il sistema di voto parlamentare molto complicato (c'erano infatti 5 differenti corpi istituzionali che avevano diritto di veto) fu mantenuto anche dopo la caduta del socialismo, complicando e ritardando quindi le decisioni politiche durante quegli anni di cambiamenti radicali nel Paese.

In seguito, nel 1993, la Repubblica Ceca divenne uno stato indipendente dalla Slovacchia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Storia della Cecoslovacchia (o Ceco-Slovacchia) · 1918 - 1939; 1945 - 1992

Austria-Ungheria
(fino al 1918)

Boemia, Moravia, parte della Slesia, parti settentrionali del Regno d'Ungheria (Slovacchia e Rutenia subcarpatica)

Prima Repubblica
(1918-1938)

Sudeti + altri territori tedeschi
(1938-1945)

Territori dell'"Alta Ungheria"
(1938-1945)

Terza Repubblica (ČSR)
(1945-1948)


Republica Cecoslovacca
(ČSR, 19481960) Dichiarata "democrazia popolare" (senza cambiamento formale del nome) con la Costituzione del 9 maggio

Repubblica Socialista Cecoslovacca (ČSSR)
(1960-1990)

Repubblica Federale Ceca e Slovacca (ČSFR)
(1989-1992) Repubblica ceca
Repubblica slovacca

Repubblica Ceca
(dal 1993)

Slovacchia
(dal 1993)

Seconda Repubblica
(ČSR)

inclusa la Slovacchia autonoma e l'Ucraina Transcarpatica

(1938-1939)

Protettorato
(1939-1945)

Prima repubblica slovacca
(1939-1945)


"Alta Ungheria"
(1939-1945)

parte della Repubblica socialista sovietica ucraina
(1945/1946-1991)

Oblast' di Transcarpazia dell'Ucraina
(dal 1991)

Occupazione tedesca

Era comunista
(parte del Blocco orientale)
1948-1989

Governo in esilio