Repo Men

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1984, vedi Repo Man, il recuperatore.
Repo Men
Repo Men.jpg
Jude Law in una scena del film.
Titolo originale Repo Men
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2010
Durata 119 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, fantascienza, thriller
Regia Miguel Sapochnik
Soggetto Eric Garcia (romanzo)
Sceneggiatura Eric Garcia e Garrett Lerner
Produttore Scott Stuber
Produttore esecutivo Miguel Sapochnik, Jon Mone, Andrew Z. Davis, Mike Drake, Valerie Dean
Casa di produzione Universal Pictures
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Enrique Chediak
Montaggio Richard Francis-Bruce
Effetti speciali David Reaume, Warren Appleby, Stephanie Appleby
Musiche Marco Beltrami
Scenografia David Sandefur
Costumi Caroline Harris
Trucco Marlene Aarons
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Repo Men è un film thriller fantascientifico del 2010 diretto da Miguel Sapochnik, che vede come protagonista Jude Law. Il film è basato sull'omonimo romanzo di Eric Garcia, che ha collaborato alla sceneggiatura.

Il film è uscito negli Stati Uniti il 19 marzo 2010. In Italia è stato distribuito direttamente in home-video dal 15 dicembre 2010 su etichetta Universal Pictures Italy.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un futuro prossimo, ogni persona avrà la possibilità di acquistare organi artificiali, pagandoli a rate. Ma se i pagamenti non verranno effettuati, gli organi, a volte vitali, dovranno essere restituiti, anche in maniere poco ortodosse. Remy è un "recuperatore", ovvero è incaricato dalla Union, la multinazionale venditrice di organi, di recuperare sul campo gli organi dei clienti insolventi. È sposato ed ha un figlio, di nome Peter. Il matrimonio però è in crisi perché alla moglie non piace il lavoro del marito e lo vorrebbe più presente in casa per l'educazione del figlio. Durante un lavoro di recupero (un cuore), Remy subisce un incidente utilizzando il defibrillatore, e cade a terra privo di conoscenza. Ripresi i sensi, si rende conto di trovarsi in un ospedale e di essere appena uscito dal coma, nonché apprende che è necessario un trapianto di cuore, poiché il suo si è danneggiato irrimediabilmente durante l'incidente. Dovendo accettare per forza il cuore artificiale, o altrimenti morire, deve anche pagare il suo altissimo costo. Trovandosi così dalla stessa parte delle persone che lui uccideva per recuperare organi. Da allora, Remy non riesce più a svolgere il lavoro di recuperatore come prima: ha una sorta di blocco, o di rimorso per ciò che fa. Viene quindi spostato nel settore vendite, ma anche qui ha molte difficoltà. Anche il matrimonio va in crisi: la moglie non vuole più vederlo. Finisce così per rimanere in arretrato col pagamento del cuore artificiale, diventando egli stesso un pagatore insolvente e quindi soggetto al recupero del suo cuore da parte di uno dei suoi colleghi. Come ultima possibilità si reca in una zona deserta e semidisabitata della città dove si nascondono tutti quelli con organi soggetti a recupero, nel tentativo di recuperarli e fare soldi, ma neanche questa volta riesce a trovare il coraggio di espiantarli. Qui però incontra una ragazza già conosciuta in precedenza, Beth, di cui in seguito si innamora, ricambiato. La condizione della ragazza è anche peggiore della sua, dato che è in arretrato di pagamento di quasi tutti gli organi interni. I due, raggiunti da un primo "recuperatore" e facilmente eliminato, decidono di emigrare, ma dopo varie peripezie, Remy si trova a dover affrontare in uno scontro feroce il suo amico ed ex collega, Jake, dove scopre che quest'ultimo ha invertito volontariamente i fili del defibrillatore con il quale ha avuto l'incidente. A seguito di questo scontro, Remy si rende conto che non può continuare a scappare per sempre, e l'unica maniera di uscirne vivo è cancellare i dati del suo cuore artificiale dalla memoria centrale della Union. Con la ragazza al seguito entra nella sede e dopo una strenua battaglia con gli altri recuperatori riesce a penetrare nella stanza del computer centrale; aiutato alla fine anche da Jake, distrugge il computer e cancella i dati di tutte le persone che hanno un organo artificiale. I tre, ormai in salvo, si ritrovano su una spiaggia assolata a godersi il sole e il successo di un libro scritto da Remy durante il periodo di latitanza.

A quel punto, però, si scopre che dal precedente scontro tra Jake e Remy, quest'ultimo ha avuto la peggio, rimanendo gravemente ferito alla testa con una grave lesione cerebrale. Tutto quello che è successo da quel punto in poi è solo un sogno elettronico creato da un ennesimo organo artificiale che provvede a inventare una realtà fittizia nella mente dei pazienti con gravi danni neurologici, in modo che possano passare il resto dei loro giorni in un'illusione di felicità. Remy, trasportato su una barella, con sguardo vitreo viene portato via da una squadra della Union, mentre Jake, dopo averlo salutato l'ultima volta, probabilmente espianterà tutti gli organi artificiali a Beth, svenuta a pochi metri dai due.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]