Replicazione (statistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La replicazione è un'operazione consistente nel determinare più di una volta un valore nel corso di un esperimento o di un'analisi. Le determinazioni successive sono dette «valori replicati» o «replicati»[1].

La replicazione non deve essere confusa con la ripetizione, vocabolo che denota l'esecuzione ripetuta di una rilevazione statistica, utilizzando, sulla stessa popolazione e nelle stesse condizioni, lo stesso metodo[2]. A differenza della ripetizione, infatti, la replicazione denota determinazioni eseguite in differenti luoghi o in tempi definiti nel piano degli esperimenti[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ UNI ISO 3534-1:2000, Statistica - Vocabolario e simboli - Probabilità e termini statistici generali. Milano : Ente Nazionale Italiano di Unificazione, 2000, n. 2.90
  2. ^ UNI ISO 3534-1:2000, n. 289
  3. ^ ISO 3534-3:1999, Statistics -- Vocabulary and symbols -- Part 3: Design of experiments, 1.10