Renault Master

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renault Master
Karetka pogotowia.jpg
Renault Master seconda serie
Descrizione generale
Costruttore Francia  Renault
Tipo principale Veicolo commerciale leggero
Altre versioni Pulmino
pick-up
Produzione dal 1981
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Passo 2870-3700 mm
Massa 2800-3500 kg
Altro
Stessa famiglia A partire dalla seconda serie:
Opel (o Vauxhall) Movano
Nissan Interstar
Auto simili Fiat Ducato
Ford Transit
Iveco Daily
Mercedes-Benz Sprinter
Volkswagen Crafter
Renault Master white hr 2005.jpg

Il Renault Master è un veicolo commerciale leggero della categoria fino a 3,5t di PTT prodotto dalla casa francese Renault, commercializzato anche attraverso la Renault Trucks, attraverso la General Motors come Opel Movano e attraverso la consociata Nissan Motor Co. (con il nome Nissan Interstar).

Prima serie[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione di questo veicolo risale al 1981. Fu presentata in contemporanea con il Trafic, rispetto al quale andava a posizionarsi più in alto nella gamma dei veicoli commerciali Renault.

La prima serie era caratterizzata da linee molto squadrate e da un muso piuttosto minuto in proporzione alle dimensioni del furgone, specie nelle versioni con passo più lungo.

Il Master era infatti disponibile in tre varianti di passo: 2.87, 3.23 e 3.70 m, ed in diverse varianti: furgone, minibus, cassonato, telonato e pick-up. Nel caso della versione furgonata, si potevano avere la versione a tetto alto o a tetto basso, mentre nel caso della versione minibus, si andava da 6 a 9 posti totali, per cui, anche in tale configurazione, il Master era guidabile anche dai titolari della semplice patente B.

Tornando alle linee del Master, spiccava come accennato la piccola e stretta calandra in stile Trafic, ma di dimensioni più ristrette. Anche i fari anteriori erano più sottili. Caratteristiche erano le maniglie delle portiere e dei portelloni, di forma circolare.

Il Master era equipaggiato con motori a benzina Renault o a gasolio Fiat-Sofim, inizialmente aspirati in entrambi i casi. Mentre il motore a benzina erogava 80 CV di potenza massima, il famoso 2.5 diesel aspirato Fiat si fermava a 66 CV. Lo stesso motore Fiat Sofim era presente sui Fiat Ducato e Iveco Daily. Era inoltre offerto con trazione anteriore o posteriore, a scelta.

Anche il Master ottenne un gran successo, anche nei mercati esteri.

Nel 1989 furono riviste le motorizzazioni, con l'introduzione del motore turbodiesel Fiat da 88 CV (che nel 1990 arrivò a 94 CV) e con l'arrivo di un motore a benzina catalizzato da 90 CV di potenza massima.

Nel 1994 fu effettuato un leggero restyling, consistente in un ammodernamento delle linee, sempre squadrate e chiaramente derivanti da quelle precedenti, ma più fresche. Per l'occasione fu rinnovata nuovamente la gamma motori, che comprendeva ora due motori diesel aspirati da 64 e da 75 CV, un turbodiesel da 94 CV ed un benzina da 101 CV.

La prima serie fu tolta di produzione alla fine del 1997.

Seconda serie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 viene lanciata la seconda serie, molto più moderna della prima, con la quale dà un taglio netto. Al posto delle linee squadrate, la seconda serie del Master offre linee più tondeggianti e morbide, meno tormentate e più semplici. Numerosi sono i componenti di carrozzeria della cabina che provengono dal Fiat Daily.

Come nel caso del Trafic, in seguito all'accordo di collaborazione siglato con General Motors nel 1997, la seconda serie del Master viene commercializzata anche con i marchi Opel e Vauxhall, e con la denominazione di Movano.

Dopo l'entrata della Nissan nell'orbita della Renault, il Master fu prodotto anche come Nissan Interstar.

Le motorizzazioni disponibili erano sostanzialmente due: un diesel aspirato da 80 CV ed un turbodiesel da 115 CV.

La seconda serie ebbe un buon successo commerciale, specialmente in Francia.

Restyling del 2003[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 il furgone Renault fu oggetto di un grosso restyling (che interessò anche i "fratelli" Opel e Nissan), considerato talvolta come una nuova serie (terza serie), che si concentrava quasi tutto negli interni della cabina e nel frontale, che da quel momento fu caratterizzato da uno styling simile a quello della seconda serie del Trafic, tutto curve e spigoli e decisamente avveniristico.

Successivamente la Renault ha deciso di realizzare un'altra versione di furgone grande passando dalla trazione anteriore a quella posteriore, utilizzando inoltre ruote gemelle al posteriore unitamente ad un telaio a longheroni e raggiungendo portate più elevate; per la denominazione di questo nuovo mezzo è stato usato il prefisso "Master" già in uso, e il mezzo venne quindi lanciato sul mercato con il nome Renault Master Propulsion. Peraltro lo stesso modello è chiamato Renault Mascott se commercializzato nei concessionari Renault Trucks. Nell'estetica esterna si differenzia dal Master tradizionale principalmente per la mascherina frontale più ampia e nera.

Terza serie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 viene lanciata la terza serie del Master (per chi considera il restyling del 2003 come nuova serie questa è la quarta serie), gemella della seconda serie dell'Opel Movano, con uno stile ancora più futuristico, caratterizzata dalla mascherina enorme con il logo del rombo sopra, quasi identica a quella del nuovo Movano, che dà al grosso furgone Renault un aspetto moderno e un frontale dall'aria minacciosa. Il carico massimo utile è aumentato ancora, raggiungendo circa le 2 tonnellate e mezza nella versione furgone chiuso[senza fonte].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili