Renault Koleos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renault Koleos
Renault Koleos Dynamique SIAM 2008.JPG
Descrizione generale
Costruttore Francia  Renault
Tipo principale SUV
Produzione dal 2008
Euro NCAP (2008[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4520 mm
Larghezza 1860 mm
Altezza 1700 mm
Passo 2690 mm
Massa 1564-1655 kg
Altro
Assemblaggio Busan (Corea del Sud)
Stile Patrick Le Quément
Stessa famiglia Nissan X-Trail
Auto simili Audi Q5
BMW X3
Citroën C-Crosser
Chevrolet Captiva
Ford Kuga
Kia Sportage
Honda CR-V
Hyundai Tucson e Santa Fe
Jeep Compass e Cherokee
Opel Antara
Mercedes-Benz GLK
Mazda CX-7
Mitsubishi Outlander
Peugeot 4007
Toyota RAV4
Volkswagen Tiguan
Volvo XC60
Renault Koleos (seit 2008) rear MJ.JPG

La Koleos è un'autovettura SUV di fascia media prodotta a partire dal 2008 dalla Casa automobilistica francese Renault.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Profilo generale[modifica | modifica sorgente]

La storia della Renault Koleos affonda le sue radici nella primavera del 2000, quando al Salone di Ginevra la Casa francese presentò una concept car, denominata proprio Koleos, un SUV di medie dimensioni. Questa concept car lasciava presagire però solo la possibilità dell'arrivo di un SUV in Casa Renault, ma non una sicura conferma. Sono stati i successivi prototipi, presentati nel 2006 e nel 2007 a dare una conferma oramai definitiva di un prossimo nuovo arrivo nella gamma della Casa della losanga. Ed in effetti di vera e propria novità si tratta: la Renault, infatti, non ha mai avuto in listino un SUV (eccetto forse la Renault Colorale degli anni'50). Le uniche esperienze recenti riconducibili a tale nicchia di mercato sono state la Scénic RX4 e la Renault Kangoo Mk1 4x4, che però non sono mai state dei veri e propri SUV, men che mai la più recente Scénic Conquest.

Per la realizzazione della Koleos, la Casa francese sfrutta l'alleanza con la giapponese Nissan, da sempre una delle leader mondiali nel settore dei SUV e delle vetture fuoristrada. Il nuovo SUV Renault viene realizzato utilizzando il pianale della già affermata Nissan X-Trail, che nel 2007 è già arrivata alla sua seconda geenrazione. In realtà, il primo risultato di tale operazione non è stato mai commercializzato in Europa, perché si tratta del QM5, un SUV praticamente quasi uguale al Koleos, ma con frontale ridisegnato e commercializzato in Corea del Sud con il marchio Renault-Samsung. Va ricordato infatti che dal 2000, la Renault ha siglato un'alleanza con il colosso coreano dell'elettronica per la produzione di autovetture nel continente asiatico. La Renault-Samsung QM5 ha debuttato alla fine del 2007.

Per arrivare al Koleos definitivo, quello con il marchio Renault per il mercato europeo, si sarebbero dovuti attendere altri mesi, ed arrivare così a metà del 2008. È proprio nel mese di giugno, infatti, che il Koleos inizia ad essere commercializzato. Contrariamente a quanto avviene spesso tra la presentazione di un'interessante concept-car e la sua commercializzazione, la Koleos ha mantenuto pressoché inalterate le sue caratteristiche estetiche. Rispetto al QM5 cambia soprattutto il frontale, con calandra a punta e prese d'aria separate ai suoi lati, come nello stile Renault degli anni 2000. Il padiglione è invece piuttosto spiovente e non ad andamento verticale come in molti altri SUV. L'effetto è quello di una linea di fiancata piuttosto dinamica.

Al suo debutto, la Renault Koleos è prevista in tre allestimenti (Expression, Dynamique e Privilége) ed in due configurazioni di trazione, anteriore od integrale.

L'equipaggiamento della Koleos comprende tra l'altro anche l'ESP su tutta la gamma.

Meccanica[modifica | modifica sorgente]

Le motorizzazioni previste dalla Koleos al suo debutto sono tre, e precisamente:

  • 2,5 litri a benzina (QR25DE) da 170 CV (velocità massima di 185 km/h);
  • 2 litri turbodiesel common rail (M9R) da 150 CV (velocità massima di 180 km/h);
  • 2 litri turbodiesel common rail (M9R) da 175 CV (velocità massima di 189 km/h).

La trazione può essere semplicemente anteriore oppure integrale. Nel caso delle motorizzazioni 2.5 benzina o 2.0 dCi da 150 CV si può effettivamente scegliere tra i due tipi di trazione, mentre nel caso della 2.0 dCi da 175 CV la scelta è limitata alla sola trazione integrale.

A proposito della trazione integrale, in condizioni di marcia normali è praticamente inesistente, ma fino al 50% della coppia motrice viene trasferita automaticamente al retrotreno in caso di necessità. Opzionalmente, ed a seconda del tipo di fondo, il guidatore può comunque inserire manualmente mediante un comando, la trazione integrale.

Il cambio può essere manuale oppure automatico, in ogni caso a 6 rapporti. Più precisamente, il cambio automatico è previsto di serie solo sulla versione 2.0 dCi da 150 CV con trazione integrale. Tutte le altre versioni, sia integrali che a trazione anteriore, prevedono di serie il cambio manuale a 6 marce.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Una Koleos dopo il restyling del 2011

Nel 2008 è stata sottoposta ai crash test dell'EuroNCAP totalizzando il risultato di 5 stelle. Nella primavera del 2010, c'è stato un restyling che ha comportato un arricchimento dei livelli di allestimento ed un rinfresco estetico, nonché agli interni. Esteriormente si ha l'adozione di alcune appendici aerodinamiche e di nuove protezioni ai paraurti (pacchetto SKI). Anche l'abitacolo è stato impreziosito da elementi cromati, mentre la dotazione si è arricchita ulteriormente fin dall'allestimento base. In occasione di questo restyling, la versione 2.5 a benzina, poco richiesta, è stata tolta di produzione, lasciando in gamma solo le due versioni equipaggiate con il 2 litri a gasolio.
Nei due anni seguenti non vi sono stati aggiornamenti di rilievo, salvo un lievissimo aggiornamento estetico nel 2010, mentre al Salone di Francoforte del 2011, è stata svelata la Koleos restyling, completamente ridisegnata soprattutto nel frontale, dove ora spiccano fari più arrotondati ed una calandra più grande e decisa, di forma trapezoidale, ma con angoli smussati. I retrovisori esterni ora integrano anche gli indicatori di direzione a led, mentre il paraurti, anch'esso ridisegnato, ospita alloggiamenti trapezoidali per i fendinebbia. Internamente cambiano solo pochi dettagli, come i rivestimenti dei sedili ed alcuni piccoli aggiornamenti alla strumentazione. Arricchite anche le dotazioni di serie, mentre per quanto riguarda la gamma motori, l'unico motore utilizzato è il 2 litri dCi, declinato nelle potenze di 150 e 173 CV, ma rivisto rispetto alla precedente Koleos, in modo tale da ridurre leggermente i consumi e le emissioni. Rimane inalterata la possibilità di avere la Koleos a due o a quattro ruote motrici, in quest'ultimo caso ancora con trazione integrale di origine Nissan.

Un nuovo restyling si ha nel 2013, quando al Salone di Francoforte viene presentata la Koleos MY'14: le motorizzazioni restano invariate e si hanno aggiornamenti sul piano estetico, con il frontale che si adegua al più recente corso stilistico della Renault. Il nuovo modello così aggiornato viene immesso nel mercato all'inizio del 2014.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
2.0 dCi dal 2011 Diesel 1995 110 Kw (150 Cv) 320 148 10.0 183 17.5
2.0 dCi 4X4 150 dal 2011 Diesel 1995 110 Kw (150 Cv) 320 166 10.4 182 15.6
2.0 dCi 4X4 173 dal 2011 Diesel 1995 127 Kw (173 Cv) 360 166 9.9 191 15.6

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Test EuroNCAP

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili