René Char

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

René Char (L'Isle-sur-la-Sorgue, 14 giugno 1907Parigi, 19 febbraio 1988) è stato un poeta francese. Autore di diverse poesie, tra cui Il martello senza padrone (1934), nella quale l'autore riflette la sua esperienza surrealista, e Fogli di Hypnos (1946), opera consistente in brevi e fulminanti riflessioni ispirate dall'esperienza partigiana, vissuta personalmente da René Char (col soprannome di Capitano Alexandre) nell'ambito della resistenza francese, conosciuta dal pubblico italiano grazie alla traduzione di Vittorio Sereni.

Alcune opere dell'autore sono raccolte nel volume Poesie e prose scelte edito nel 1957.

La sua opera poetica ha suscitato notevole interesse anche da parte del poeta ebreo di lingua tedesca, Paul Celan, il quale dedicò a René Char una delle sue più celebri poesie, intitolata Argumentum e silentio, incentrata sul senso della parola poetica come parola di resistenza.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 24599383 LCCN: n50036658