Religioni in India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua alta 65 m del dio induista Shiva nei pressi di Bangalore.

La religione in India è caratterizzata da un'amplissima diversità di credenze e pratiche cultuali. Il subcontinente indiano è stato il luogo di nascita di quattro tra le religioni maggiori del mondo: dall'antica fede vedica s'è sviluppato col tempo l'odierno Induismo, poi il Buddhismo fondato da Gautama Buddha ed il suo contemporaneo Giainismo; infine il Sikhismo (la più recente, nata nel XV secolo da una commistione d'insegnamenti islamici e induisti). Lungo tutto il corso della sua storia la religione è stata sempre una parte molto importante della cultura e pensiero filosofico del paese; la diversità e la tolleranza religiosa hanno entrambe sede e fondamento stabile sia nella tradizione che nella legge della moderna nazione indiana.

La stragrande maggioranza della popolazione (oltre il 93%) si considera facente parte come membro effettivo ad una qualche religione: secondo il censimento del 2001[1], l'induismo (con tutte le sue credenze correlate) è diffuso tra l'80,5% della popolazione, l'islam viene invece seguito dal 13,4% degli abitanti, il cristianesimo dal 2,3%, il sikhismo dall'1,9%, il buddhismo dallo 0,9% ed il giainismo dallo 0,4%: queste sono le maggiori e più antiche religioni professate in India. Vi sono anche numerose altre tradizioni di origini tribali minori, quella Santal, il Sanamahismo, quelle Adivasi e numerose forme di animismo.

La quantità e varietà di diversità nei sistemi di credenza religiosa dell'India d'oggi è il risultato sia dell'esistenza di molte religioni indigene che dell'assimilazione ed integrazione sociale di fedi religiose portate dall'esterno da viaggiatori, immigrati e commercianti, ma anche da invasori e conquistatori, com'è il caso dei musulmani Moghul. Il mazdeismo (o zoroastrismo) e l'ebraismo hanno anch'essi un'antica storia nel paese, ognuno con diverse migliaia di aderenti.

Il tempio Baha'i a New Delhi.

In India vi è poi la comunità mazdea (parsi e Irani) e Bahá'í più grande del mondo[2][3], pur non essendo native del subcontinente ma nate entrambe nella regione dell'odierno Iran; il rapporto della fede Baha'i con la spiritualità indiana è comunque molto stretto, riconoscendo quest'ultima sia il Signore Buddha che Krishna come manifestazioni del Dio onnipotente[4].

La diaspora indiana nei paesi occidentali europei e nordamericani ha reso poi familiari e molto polari, a partire dalla seconda metà del XX secolo, vari aspetti della filosofia indiana, come lo Yoga, il concetto di meditazione, la medicina ayurvedica, la divinazione, oltre alle teorie del Karma e della reincarnazione[5]. L'influenza delle religioni indiane è stato significativo in tutto il mondo; diverse organizzazioni e movimenti, come ad esempio l'Associazione internazionale per la coscienza di Krishna, la Brahma Kumaris, l'Ananda Marga ed altre hanno contribuito a diffondere fuori dal territorio indiano le credenze e pratiche spirituali tradizionali del subcontinente.

La popolazione musulmana dell'India è la terza maggiore del mondo, con un'ampia comunità sciita; i santuari dedicati ad alcuni tra i maggiori santi del sufismo si trovano in territorio indiano ed attirano visitatori da ogni parte del mondo[6]. Il paese è anche patria di alcuni tra i più famosi ed importanti monumenti dell'architettura islamica, come il Taj Mahal e il Qutb Minar.

L'influenza indiana sulle altre tradizioni si allunga fino alle contemporanee leggi civili in materia di diritto familiare[7] e personale assunte pienamente dalla comunità musulmana[8]. La carta costituzionale dichiara la nazione essere una repubblica laica che deve difendere il diritto di ognuno dei propri cittadini a poter esprimere liberamente il suo culto e diffonderlo o di non aver per contro alcuna fede di tipo religioso[9][10]; la Costituzione dichiara anche il diritto alla libertà di religione come uno dei diritti fondamentali dell'essere umano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le rive del Gange a Varanasi, una della principali città sacre dell'induismo.

Evoluzione dell'induismo in India[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Religione vedica e Brahmanesimo.

L'induismo è spesso considerato come la religione più antica del mondo[11], le cui radici risalirebbero alla Preistoria[12]; nel corso del tempo le fedi basate sui testi dei Veda e dei Brahmana si riversarono poco a poco nell'induismo com'è conosciuto oggi. Questo si poi è diffuso in tutto il Sudest asiatico - anche grazie ai folti gruppi di immigrati - in Sri Lanka[13] e nelle Isole Mauritius[14], alla Malaysia[15], all'Indonesia (soprattutto nell'isola di Bali) e a Singapore, fino a giungere in Guyana[16] e Suriname[17] nell'America latina, a Trinidad e Tobago nei Caraibi e nelle isole Figi[18] in Oceania.

Gli Indù adorano una Divinità costituita da molteplici forme[19]. La prova attestante la presenza di una forma preistorica di fede induista fin dall'epoca del Mesolitico nel subcontinente indiano deriva in parte da pitture rupestri del che raffigurano danze e rituali; i pastori neolitici che abitavano la Valle dell'Indo seppellivano i loro morti in un modo suggestivo utilizzando pratiche spirituali che incorporavano nozioni di un aldilà e la fede nella magia ed evocazione religiosa[20].

Mahavira, il fondatore della fede Jain.

Altri siti rupestri sparpagliati un po' in tutto il subcontinente, come le grotte di Bhimbetka in Madhya Pradesh e i petroglifi di Kupgal in Karnataka contengono poi vaste pitture raffiguranti prove di possibili ritualizzazioni religiose attraverso la musica[21]. La civiltà di Harappa, che durò dal 3300 al 1700 a.C. circa, incentrata sulle valli fluviali dell'Indo e del Ghaggar-Hakra, con molta probabilità adoravano una Dea madre simboleggiante la fertilità universale[22] ed avevano una società di stampo matriarcale. Gli approfonditi scavi archeologici compiuti ripetutamente sui siti della regione hanno fatto riportare alla luce una vasta quantità di sigilli con rappresentazioni di animali e "altari del fuoco" indicando così la presenza di rituali connessi con il fuoco; sono stati anche trovati Linga e Yoni di un tipo del tutto simile a quelli attualmente venerati presso gli Indù.

Alle origini dell'induismo sembrano pertanto essere inclusi elementi culturali della Civiltà della valle dell'Indo e di altre civiltà preistoriche del subcontinente. Il testo più antico dell'induismo è il Rig Veda, composto durante il periodo vedico e datato al 1700-1100 a.C.[23]; mentre approssimativamente tra il 500-100 a.C. - durante il periodo dei maggiori Purāṇa - furono scritti inoltre anche i grandi poemi epici Ramayana e Mahabharata, anche se questi vennero trasmessi oralmente per interi secoli prima d'esser trascritti[24]. Dopo il 200 a.C. diverse scuole di pensiero più o meno astratto sono state formalmente codificate all'interno della filosofia indiana, tra cui il Samkhya, lo Yoga, il Nyaya e il Vaisheshika, il Purva Mīmāmsā ed infine il Vedanta; queste sei rappresentano i Darśana ovvero le visioni filosofiche brahmaniche. L'induismo, religione altrimenti altamente teistica, ospita anche scuole e filosofie non teistiche o addirittura atee generalmente considerate ortodosse, come possono esser sia il Samkhya che il Purva Mimamsa.

L'attuale XIV Dalai Lama, capo spirituale del buddhismo tibetano che vive esule in India a Dharamsala.

Religioni d'origine monastica (shramana)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia del buddhismo in India.

Mahavira, il 24° Tirthamkara (599-527 a.C.) della tradizione jainista e suo massimo diffusore in epoca storica, stabilì definitivamente i 5 voti religiosi tra cui l'ahimsa-non violenza. Gautama Buddha (546-324 a.C.), fondatore del buddhismo, apparteneva invece ad una famiglia d'origine nobiliare, il clan indù dei Shakya; in territorio indiano la sua religione fortemente improntata al monachesimo raggiunse il suo picco durante il regno di Ashoka (304-232 a.C.), sovrano dell'impero Maurya che riuscì d unificare il subcontinente indiano nel III secolo a.C[25].

Alcuni studiosi pensano che il successivo espandersi dell'induismo abbia causato un parallelo e progressivo arretramento e declino del buddhismo continentale[26].

A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada, fondatore del movimento bhakti degli Hare-Krishna.

Movimento Bhakti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bhakti e Bhakti Yoga.

Durante i secoli XIV-XVII, quando l'India del nord si trovava sotto il dominio musulmano, cominciò a svilupparsi il movimento Bhakti in tutta l'India settentrionale e centrale; il movimento venne avviato da un gruppo vagamente associato di maestri e filosofi chiamati Sant Mat: Chaitanya, Mahaprabhu, Vallabhacharya, Surdas, Meera Bai, Kabir, Tulsidas, Ravidas, Namdeo, Tukaram e altri mistici sono stati alcuni dei massimi Sant Mat del Nord.
Essi hanno insegnato che la gente potesse benissimo vivere anche mettendo da parte i pesanti fardelli dei rituali di casta e le sottilissime e complesse disquisizioni filosofiche per semplicemente abbandonarsi alla devozione, semplicemente esprimendo il proprio travolgente amore nei confronti della divinità. Quest'epoca storica è stata caratterizzata da una gran varietà di letteratura devozionale sia in prosa che in poesia nelle lingue etniche dei vari stati indiani o province.

Molti gruppi indù considerati al di fuori del tradizionale sistema delle caste, intoccabili e paria, seguirono nel tempo il movimento devozionale Bhakti seguendo i Sant Mat appartenenti alle rispettive comunità; ad esempio, Guru Ravidas era un Chamar dell'Uttar Pradesh; Guru Parsuram Ramnami era un Chura di Chhatisgarh e Maharishi Ram Navale era un Bhangi del Rajasthan.

Il Tempio d'oro (Harmandir Sahib) dei Sikh ad Amritsar.

Sikhismo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sikh.

Il fondatore della religione Sikh è stato il Guru Nanak (1469-1539), mentre il testo sacro Guru Granth Sahib è stato compilato dal quinto guru Arjan Dev a partire dagli scritti lasciati dai suoi predecessori, oltre che altre sante personalità. Il Sikhismo riconosce la totalità degli esseri umani uguali davanti a Vahiguru[27] (l'essere supremo); e questo indipendentemente dal colore della pelle, dalla casta di nascita o dal lignaggio d'appartenenza[28]: rigetta infine le credenze del politeismo induista e la pratica della circoncisione maschile musulmana.

Religioni monoteiste in territorio indiano[modifica | modifica wikitesto]

L'interno della sinagoga di Kochi.

Ebraismo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ebrei di Cochin e Storia degli ebrei in India.

Secondo la Tradizione letteraria gli Ebrei giunsero per la prima volta in India come commercianti direttamente dalla Giudea, nella città di Cochin in Kerala; questo approssimativamente nel 562 a.C; una successiva ondata migratoria sarebbe poi avvenuta a seguito della distruzione del Secondo Tempio da parte dei romani nel 70 d.C.[29]

La basilica cristiana dedicata a San Tommaso a Chennai.

Cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cristianesimo in India e Chiese orientali antiche.

Le opere e gli scritti degli studiosi del cristianesimo orientale riferiscono la leggenda che vuole essere stato l'apostolo San Tommaso a giungere in Kerala, nell'estrema punta a sud-ovest dell'India nell'anno 52; a Muziris gli sarebbe poi capitato di battezzare alcuni Ebrei di Cochin che saranno conosciuti nei secoli successivi fino ad oggi come Cristiani di San Tommaso (o siriani-Nasrani)[30][31][32][33][34].

Anche se le origini precise del cristianesimo in India rimangono effettivamente poco chiare, vi è un chiaro consenso generale accademico che il cristianesimo fosse presente e radicato in quel lembo di India del Sud fin dal III secolo; al suo interno alcune comunità utilizzavano la liturgia del cristianesimo siriaco, ed è pertanto altamente possibile che esistesse fin dal I secolo[35].

Oggi in India il cristianesimo è presente nelle sue varie forme di cattolicesimo romano, chiesa ortodossa orientale e protestantesimo: il cattolicesimo viene praticato da 17,3 milioni di persone (che rappresentano meno del 2% dell'intera popolazione) e la maggior parte dei cattolici risiedono a Goa e nello stato federato del Kerala, ma vi sono gruppi cristiani anche negli stati nordorientali[36][37][38]. Il cristianesimo in India si è anche espanso a partire dal XV secolo grazie alle spedizioni dei missionari, prima cattolici portoghesi e poi nel XVIII secolo protestanti inglesi[39].

La Jama Masjid a New Delhi, una delle maggiori moschee presenti in India.

Islam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Islam in India.

Anche se giunto per la prima volta in India poco dopo l'inizio del VII secolo con i viaggi e spedizioni dei commercianti arabi, l'Islam ha iniziato a divenire una delle grandi religioni del subcontinente a partire dalla conquista musulmana che ha avuto luogo a partire dal XIII secolo, prima sotto il Sultanato di Delhi e poi con l'Impero Moghul, in gran parte molto semplificato grazie alla tradizione mistica del sufismo[40].

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

L'induismo è considerata la più antica nonché il più grande raggruppamento religioso dell'India, con più di 1 miliardo di fedeli nel 2001 che rappresentavano l'80,5% dell'intera popolazione[1]; il termine indù, derivante dal sanscrito Sindhu, era originariamente una denominazione geografica e si riferiva agli abitanti del territorio attorno al fiume Sindhu-Indo.
L'induismo è molto diversificato ed al suo interno possono esser rappresentati un'estrema varietà di componenti, dal monoteismo, all'enoteismo al politeismo al panteismo e panenteismo, al monismo all'agnosticismo per finire all'ateismo e allo gnosticismo[41][42][43][44].

L'Islam è una religione radicalmente monoteista centrata sulla fede in un solo Dio e sull'insegnamento del suo profeta Maometto ed è la più grande minoranza religiosa in India; secondo il censimento 2001 il paese ospitava almeno 138 milioni di musulmani[45], la terza più grande popolazione islamica al modo dopo Indonesia (210 milioni)[46] e Pakistan (166 milioni) , rappresentando così il 13,4% dell'intera popolazione[47].

I musulmani rappresentano la maggioranza negli stati federati di Jammu e Kashmir e nelle isole Laccadive[48], mentre si trovano concentrati come forti minoranze in Andhra Pradesh, Uttar Pradesh, Bihar, Bengala occidentale, Assam e Kerala[48][49]; le fonti suggeriscono una maggioranza di rappresentanti sunniti[50] e una minoranza sciita oscillante tra il 25-30% di tutti i musulmani (da 40[51] a 50[52] milioni di persone su un totale di 157[50][53] milioni di fedeli nel 2006).

Il cristianesimo è una religione monoteista incentrata sulla vita e gli insegnamenti di Gesù Cristo, così come viene presentato nel Nuovo Testamento; rappresenta la terza più ampia componente di credenti dell'India, costituendo il 2,3% della popolazione totale. San Tommaso apostolo viene accreditato esser stato colui che ha introdotto il primissimo cristianesimo nell'estremo lembo Sud dell'India già nell'anno 52d.C.[54][55][56]
I cristiani rappresentano oggi la maggioranza dei fedeli negli stati federati di Nagaland, Mizoram e Meghalaya, mentre si trovano ad avere una significativa percentuale minoritaria in tutte le regioni a nordest del paese, oltre che a Goa e in Kerala.

Il buddhismo è una religione filosofica dharmica e non teistica; i buddhisti rappresentano la maggioranza della popolazione negli stati federati di Arunachal Pradesh e nella provincia del Ladakh in Jammu e Kashmir, mentre sono una forte minoranza in Sikkim. Oggi vivono in India all'incirca 8 milioni di buddhisti, lo 0,8% dell'intera popolazione indiana[45].

Il jainismo è una religione ed un sistema filosofico dharmico non teistico originatasi nell'età del ferro dell'India; oggi con 4,2 milioni di fedeli rappresentano lo 0,4% della popolazione indiana, concentrati soprattutto negli stati federati di Gujarat, Karnataka, Maharashtra e Rajasthan[48]

Il sikhismo ha avuto origine a partire dal XV secolo nel nord dell'India, con gli insegnamenti di Guru Nanak Dev e degli altri 9 suoi successori; nel 2001 vi erano 19,2 milioni di Sikh in tutto il paese, ma concentrati soprattutto nello stato federato del Punjab (l'unico in cui rappresentano la maggioranza della popolazione). Vi sono gruppi significativi di sikh poi anche a New Delhi e in Haryana

Anche l'ebraismo è presente in India, come religione monoteista proveniente dal Levante; oggi continua ad esistere una piccola comunità di ebrei indiani a Cochin, città costiera dello stato del Kerala, ma storicamente ci sono anche stati i "Bene Israel" del Maharashtra e gli "Ebrei Baghdadi" emigrati da Baghdad e giunti fino a Mumbai.
Appena dopo l'indipendenza le due maggiori comunità ebraiche indiane erano i "Bnei Menashe" di Mizoram e Manipur e i ""Bene Ephraim" di lingua telugu: oggi dei circa 95mila ebrei di origine indiana ne rimangono meno di 20mila.

Infine lo 0,07% dei partecipanti al censimento 2001 non ha indicato la religione professata.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tendenze demografiche per i principali gruppi religiosi (1961–2001)
Religione Popolazione
% 1961
Popolazione
% 1971
Popolazione
% 1981
Popolazione
% 1991
Popolazione
% 2001
Induismo 83.45% 82.73% 82.30% 81.53% 80.46%
Islam 10.69% 11.21% 11.75% 12.61% 13.43%
Cristianesimo 2.44% 2.60% 2.44% 2.32% 2.34%
Sikhismo 1.79% 1.89% 1.92% 1.94% 1.87%
Buddhismo 0.74% 0.70% 0.70% 0.77% 0.77%
Animismo, altro 0.43% 0.41% 0.42% 0.44% 0.72%
Jainismo 0.46% 0.48% 0.47% 0.40% 0.41%


Irreligiosità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Irreligiosità.

Anche se seguita da una piccola parte della popolazione indiana, l'irreligiosità (comprendente l'ateismo, l'agnosticismo e l'umanismo) ha anch'essa una forte e duratura tradizione in India; l'ateismo è stato fin dai tempi più antichi propugnato nella filosofia indiana all'interno della scuola Sāṃkhya. Ai seguaci dell'irreligiosità piace generalmente definirsi come "atei indù"[57].

Legislazione[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti della vita religiosa in India[modifica | modifica wikitesto]

La realtà religiosa gioca un ruolo importantissimo, se non fondamentale, nel modo di vita indiano[58]. Rituali, culto ed altre attività religiose rimangono ancor oggi molto importanti nelle vita quotidiana di qualsiasi individuo, ma esse sono anche l'organizzatore principale della vita sociale: il grado di religiosità varia da persona a persona, seppur negliultimi decenni l'osservanza dell'ortodossia religiosa è diventata meno comune all'interno della società indiana, in particolare tra i giovani dei grandi centri urbani.

Rituali[modifica | modifica wikitesto]

La stragrande maggioranza degli indiani si applicano a compiere in rituali religiosi su base giornaliera[59]; la maggior parte degli indù osservano i riti religiosi in casa[60]. L'osservanza dei rituali può variare anche notevolmente da regione a regione e da persona a persona: il devoto deve eseguire quotidianamente l'atto di adorazione detta puja, il sacrificio del fuoco chiamato Yajna allo spuntar dell'alba appena dopo il bagno (solitamente in un santuario familiare e in genere comprende l'accensione di una lampada e l'offerta di vari cibi di fronte alle immagini della divinità), la recita dei sacri testi religiosi come i Veda e i Purana cantando inni in lode alle molteplici figure divine[60].

Una caratteristica peculiare nel rituale religioso è la distinzione netta tra purezza ed impurità: gli atti religiosi presuppongono un certo grado d'impurità o contaminazione per il praticante che dev'essere superata o neutralizzata, prima o durante le procedure di rito. La purificazione, di solito mediante acqua, è quindi una tipica caratteristica della maggior parte delle azioni religiose[60]
Altre caratteristiche includono la credenza nell'efficacia del sacrificio svolto ed il concetto di merito, acquisito attraverso l'esecuzione di beneficenza o opere buone, che s'accumulano nel tempo venendo così s ridurre le sofferenze nell'esistenza successiva[60].

I musulmani devoti debbono eseguire le 5 Ṣalāt-preghiere quotidiane in momenti specifici della giornata e che vengono indicati dall'adhan (la chiamata alla preghiera) fatta dal muezzin della moschea locale: prima d'eseguire la preghiera devono ritualmente ripulirsi eseguendo il wudu'. che coinvolge quelle parti del corpo che sono generalmente più esposte alla polvere o alla sporcizia. Uno ricerca del 2005 ha riportato che circa il 3-4% dei bambini musulmani studia presso le madrasa (scuole islamiche)[61].

Dieta[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vegetarianismo e religione.

Le abitudini alimentari sono significativamente influenzate dalla religione; quasi un terzo degli indiani pratica la regola di vita vegetariana[62] affermatasi per la prima volta nell'intero subcontinente indiano durante l'epoca dell'Impero Maurya grazie anche alla conversione e pratica buddhista dell'imperatore Ashoka[63][64]. Il vegetarianesimo è invece molto meno comune tra i Sikh e quasi assente tra cristiani, musulmani, baha'i, parsi ed ebrei[65]; mentre il giainismo invece richiede a tutti i monaci ma anche ai laici il rispetto di un rigorosissimo regime vegetariano: infine l'induismo proibisce il consumo di carne bovina e l'islam vieta quella di maiale.

Cerimonie[modifica | modifica wikitesto]

Le occasioni particolari e fondamentali dell'esistenza, come nascita, matrimonio e morte, comportano spesso una serie anche molto elaborata di usanze religiose: nell'induismo i grandi rituali del ciclo vitale comprendono l'annaprashan (la prima assunzione da parte di un bambino di cibo solido), l'upanayanam-"cerimonia del filo sacro" (eseguita sui giovani di casta superiore, i brahmani) ed infine la shraadh (l'omaggio ad un defunto)[66][67].
Per la maggior parte delle persone poi la data di un eventuale matrimonio combinato tra due giovani viene scelta accuratamente consultando un astrologo che possa indicar il momento più favorevole e propizio per l'unione[66].

I musulmani praticano tutta una serie di rituali che seguono il corso della vita individuale totalmente distinti rispetto a quelli induisti, giainisti e buddhisti[68]: i primi giorni di vita sono caratterizzati dall'esecuzione di diversi riti, tra cui la chiamata sussurrata alla preghiera, il primo bagno e la rasatura della testa; presto inizia anche l'istruzione religiosa. La circoncisione può avvenire o poco dopo la nascita, ma in alcune famiglie essa viene ritardata fino alla pubertà[68].

Il matrimonio musulmano richiede un pagamento da parte del marito per l'acquisto della moglie, mentre la solennizzazione del contratto matrimoniale si svolge con una riunione sociale[68]. Il terzo giorno dopo la sepoltura del defunto, amici e parenti si riuniscono per consolare gli afflitti, leggere e recitare il Corano e pregare per l'anima del caro scomparso[68]. L'Islam indiano si distingue poi per il rilievo dato ai santuari commemoranti i grandi santi del sufismo[68].

Pellegrinaggi[modifica | modifica wikitesto]

Molte famiglie indù hanno la loro divinità protettrice particolare detta Kuladevata; questa risulta essere comune ad uno stesso lignaggio o ad un clan composto da diverse famiglie collegate tra loro da un antenato comune[69][70]: la Khandoba di Jejuri è un esempio di Kuladeva di un folto gruppo di famiglie del Maharashtra, comune a più caste che vanno da quella brahminica ai dalit. La pratica di adorare divinità locali o territoriali pare risalire al primo periodo della dinastia Seuna-Yadava. Altre note divinità familiari sono l'aspetto feroce della Dea Parvati-Bhavan a Tuljapur, Mahalaksmi a Kolhapur, Renuka a Mahur e Balaji-Venkateswara (Govinda, una delle forme di Vishnu) a Tirupati.

L'India ospita numerosissimi luoghi di pellegrinaggio appartenenti a molte delle maggiori religioni mondiali: gli indù di tutto il mondo riconoscono diverse città sacre, da Allahabad a Haridwar a Varanasi, ma anche Ujjain, Rameswaram e Vrindavan. Tra le città sacre più notevoli si possono includere anche Puri che ospita un importante tempio dedicato a Jagannatha-Signore dell'universo ed il festival periodico detta Rath-Yatra, Tirumala sede del Tirumala Venkateswara Temple e Katra ch'è luogo della celebrazione Vaishno Devi dedicata alla Dea Madre.

Lungo la catena dell'Himalaya le città di Badrinath, Kedarnath, Gangotri e Yamunotri compongono il circuito di pellegrinaggio chiamato Char Dham ( quattro dimore ). Il Kumbh Mela è uno dei più sacri ed importanti festival induisti; esso si svolge ogni 4 anni ed attira pellegrini da ogni regione del paese: la sua posizione ruota tra le città di Allahabad, Haridwar, Nashik e Ujjain. Lo Swamithoppe Pathi è il centro di pellegrinaggio più importante per l'Ayyavalismo

Tra gli 8 più sacri luoghi del buddhismo, ben 7 si trovano in territorio indiano. Bodh Gaya, Sarnath e Kushinagar sono tre punti in cui si sono verificati eventi fondamentali durante la vita del Buddha; Sanchi ospita un grande stupa fatto erigere dall'imperatore Ashoka. Diversi siti tibetani sono stati costruiti ai piedi della catena himalayana, come il monastero di Rumtek e Dharamsala.

Per i musulmani il Dargah Sharif ad Ajmer, santuario dedicato al santo sufi Moinuddin Chishti, è un importante luogo di pellegrinaggio; altri includono la tomba di Salim Chishti a Fatehpur Sikri, la Jama Masjid a New Delhi e la Moschea di Haji Ali di Mumbai.
I templi di Dilwara a Mount Abu, Palitana, Pawapuri, Girnar e Shravanabelagola sono importanti Tirtha-luoghi di pellegrinaggio del jainismo.
Il Tempio d'oro di Amritsar è il più sacro Gurdwara del sikhismo, mentre il Tempio del Loto a Delhi è il più famoso tra i templi bahai nonché importante luogo di culto.

Relativamente nuovi sono il Samādhi-tomba di Meher Baba a Meherabad, che viene visitato dai suoi seguaci provenienti da tutto il mondo[71] ed il tempio di Sai Baba a Shirdi[72].

Credenze di minoranze e sette[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Religioni tribali in India.

L'induismo contiene anche molte e diversificate sub-culture settarie, come accade per la maggior parte delle grandi religioni; gli aspetti principali della religiosità valgono per la maggioranza della popolazione indù, ma vi possono esser anche particolarità e distinzioni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Census of India, 2001
  2. ^ Manish Telikicherla Chary, India: Nation on the Move: An Overview of India's People, Culture, History, Economy, IT Industry, & More, iUniverse, 2009, p. 31, ISBN 978-1-4401-1635-3.
  3. ^ Peter Smith, An introduction to the Baha'i faith, Cambridge University Press, 2008, p. 94, ISBN 978-0-521-86251-6.
  4. ^ Ronald Enroth, A Guide to New Religious Movements, InterVarsity Press, 2005, p. 160, ISBN 978-0-8308-2381-9.
  5. ^ P. 225 Essential Hinduism By Steven Rosen
  6. ^ Pg 80,81 The sacred and the feminine: imagination and sexual difference By Griselda Pollock, Victoria Turvey Sauron
  7. ^ Pg 156, Religious Politics and Secular States: Egypt, India, and the United States By Scott W. Hibbard - Johns Hopkins University Press, 2010
  8. ^ All India Muslim Personal Law Board
  9. ^ The Constitution of India Art 25-28. Retrieved on 22 April 2007.
  10. ^ The Constitution (Forty-Second Amendment) Act, 1976. URL consultato il 22 aprile 2007.
  11. ^ P. 484 Merriam-Webster's Encyclopedia of World Religions By Wendy Doniger, M. Webster, Merriam-Webster, Inc
  12. ^ P. 169 The Encyclopedia of Religion By Mircea Eliade, Charles J. Adams
  13. ^ Hinduism in Sri Lanka,Sri Lanka Hindu Religious Tour,Sri Lanka Hindu Pilgrimage Tour Packages,Hindu Pilgrimage Tour to Sri Lanka,Hindu Pilgrimage Travel to Sri Lanka
  14. ^ Dostert, Pierre Etienne. Africa 1997 (The World Today Series). Harpers Ferry, West Virginia: Stryker-Post Publications (1997), pag. 162.
  15. ^ CIA - The World Factbook
  16. ^ CIA - The World Factbook
  17. ^ Suriname
  18. ^ CIA - The World Factbook
  19. ^ P. 22 The Complete Idiot's Guide to Geography By Joseph Gonzalez, Michael D Smith, Thomas E. Sherer
  20. ^ Heehs 2002, p. 39 .
  21. ^ Ancient Indians made 'rock music', BBC News, 19 marzo 2004. URL consultato il 7 agosto 2007.
  22. ^ Fowler 1997, p. 90 .
  23. ^ Oberlies 1998, p. 155 .
  24. ^ Rinehart 2004, p. 28
  25. ^ Heehs 2002, p. 106 .
  26. ^ The rise of Jainism and Buddhism in Religion and Ethics—Hinduism: Other religious influences, BBC, 26 luglio 2004. URL consultato il 21 aprile 2007.
  27. ^ Akal Ustat, Verse 85-15-1
  28. ^ Akal Ustat, verse 3 to 4
  29. ^ Mordecai Schreiber, The Shengold Jewish Encyclopedia, Rockville, MD, Schreiber Publishing, 2003, p. 125, ISBN 1-887563-77-6.
  30. ^ Medlycott, A E. 1905 "L'India e l'apostolo Tommaso"; Gorgias Press LLC; ISBN 1-59333-180-0.
  31. ^ Leslie Brown, (1956) I cristiani indiani di San Tommaso. An Account of the Ancient Syrian Church of Malabar, Cambridge: Cambridge University Press 1956, 1982 (repr.)
  32. ^ Thomas Puthiakunnel, (1973) "Le colonie ebraiche in India hanno aperto la strada a San Tommaso", The Saint Thomas Christian Encyclopaedia of India, ed. George Menachery, Vol. II.
  33. ^ Origini della cristianità in India - Una critica storiografica del Dr. Benedict Vadakkekara. (2007). ISBN 81-7495-258-6.
  34. ^ Kerala Syrian Christians, Apostle in India, nasrani.net. URL consultato il 25 ottobre 2009.
  35. ^ See Jones, Arun, "Christianity in South Asia" in Farhadian (ed.), Introducing World Christianity (Blackwell Publishing, 2012), p. 93. Per una trattazione più approfondita del tema e delle affermazioni di Jones vedere Frykenberg, Robert Eric, Christianity in India: From Beginnings to the Present (Oxford University Press, 2008). Si veda anche il precedente testo di Neill, Stephen, A History of Christianity in India (Cambridge University Press, 1984), pp. 48-49. Neill prende come sicura la probabilità che il cristianesimo si sia stabilito in India a partire dal VI secolo, ma lascia anche spazio alla possibilità che la tradizione riguardante San Tommaso sia vera.
  36. ^ Israel J. Ross. Ritual and Music in South India: Syrian Christian Liturgical Music in Kerala. Asian Music, Vol. 11, No. 1 (1979), pp. 80-98
  37. ^ The Story of India, www.bibleforu.com. URL consultato il 13 marzo 2008.
  38. ^ Christianity, India Mirror. URL consultato il 13 marzo 2008.
  39. ^ Christianity in India, M.B. Herald, Vol. 35, No. 9. URL consultato il 13 marzo 2008.
  40. ^ chandru, SUFISM IN INDIA: Its origin, history and politics, Southasiaanalysis.org. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  41. ^ Peter Rogers, Ultimate Truth, Book 1, AuthorHouse, 2009, p. 109, ISBN 978-1-4389-7968-7.
  42. ^ Sitansu Chakravarti, Hinduism, a way of life, Motilal Banarsidass Publ., 1991, p. 71, ISBN 978-81-208-0899-7.
  43. ^ Polytheism in Encyclopædia Britannica, Encyclopædia Britannica Online, 2007. URL consultato il 5 luglio 2007.
  44. ^ Devdutt Pattanaik, The man who was a woman and other queer tales of Hindu lore, Routledge, 2002, p. 38, ISBN 978-1-56023-181-3.
  45. ^ a b Census of India - Socio-cultural aspects, Censusindia.gov.in. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  46. ^ RW Hefner, Civil Islam: Muslims and Democratization in Indonesia, Princeton University Press, 2000, pp. xviii, ISBN 0-691-05047-3.
  47. ^ CIA Factbook: India in CIA Factbook. URL consultato il 27 maggio 2007.
  48. ^ a b c Religion in India in Religion, webindia123.com, Suni Systems (P) Ltd. URL consultato il 18 aprile 2007.
  49. ^ Census of India 2001: Data on Religion, Office of the Registrar General, India. URL consultato il 31 dicembre 2007.
  50. ^ a b International Religious Freedom Report 2003. By the United States Department of State. Retrieved on April 19, 2007.
  51. ^ Shia women too can initiate divorce, The Times of India, 6 novembre 2006. URL consultato il 21 giugno 2010.
  52. ^ Talaq rights proposed for Shia women, Daily News and Analysis, www.dnaindia.com, 5 novembre 2006. URL consultato il 21 giugno 2010.
  53. ^ India Third in Global Muslim Population, Twocircles.net. URL consultato il 3 luglio 2010.
  54. ^ NSC NETWORK – Early references about the Apostolate of Saint Thomas in India, Records about the Indian tradition, Saint Thomas Christians & Statements by Indian Statesmen, Nasrani.net. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  55. ^ Stephen Andrew Missick, Mar Thoma: The Apostolic Foundation of the Assyrian Church and the Christians of St. Thomas in India (PDF), Journal of Assyrian Academic studies.
  56. ^ St. Thomas the Apostle Catholic Church - Naperville, IL, Stapostle.org. URL consultato il 3 febbraio 2011.
  57. ^ Robert Evans, Atheists, Humanists Push Campaign for 'Darwin Day', Reuters, 12 febbraio 2004.
  58. ^ Among Wealthy Nations ... U.S. Stands Alone in its Embrace of Religion, The Pew Research Center for the People and the Press, 19 dicembre 2002. URL consultato il 3 giugno 2007.
  59. ^ Religious Life in Religions of India, Global Peace Works. URL consultato il 19 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2005).
  60. ^ a b c d Domestic Worship in Country Studies, The Library of Congress, settembre 1995. URL consultato il 19 aprile 2007.
  61. ^ Chishti S, Jacob J, Sachar nails madrasa myth: Only 4% of Muslim kids go there in The Indian Express, 1º dicembre 2006. URL consultato il 21 aprile 2007.
  62. ^ The food habits of a nation The Hindu
  63. ^ Raju Thakrar, Japanese warm to real curries and more in Japan Times, 22 aprile 2007. URL consultato il 23 aprile 2007.
  64. ^ Charlton 2004, p. 91
  65. ^ Yogendra Yadav, Sanjay Kumar, The food habits of a nation in hinduonnet.com, The Hindu, 14 agosto 2006. URL consultato il 21 aprile 2007.
  66. ^ a b Life-Cycle Rituals in Country Studies: India, The Library of Congress, settembre 1995. URL consultato il 19 aprile 2007.
  67. ^ Suresh Chandra Banerjee, Shraddha in Banglapedia, Asiatic Society of Bangladesh. URL consultato il 20 aprile 2007.
  68. ^ a b c d e Islamic Traditions in South Asia in Country Studies: India, The Library of Congress, settembre 1995. URL consultato il 19 aprile 2007.
  69. ^ Hassan, 1920, pp. 110–111
  70. ^ Walunjkar, pp=285–287
  71. ^ "In His Service: A Newsletter From Meherabad". June 2011. Myrtle Beach: Sheriar Press. p. 4.
  72. ^ [S Srinivas - Journal of Contemporary Religion, 1999 - Taylor & Francis]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Religione in India
Statistiche
Rapporti