Relazione (testo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di una pagina di un rapporto

La relazione è un testo che riferisce in modo dettagliato e oggettivo su un'attività di studio o su un avvenimento, di cui si è fatta diretta esperienza, oppure espone un argomento su cui si è raccolta una documentazione. Questa fonte di dati e notizie è dunque più complessa e preziosa di una comunicazione o testimonianza verbale.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

I contenuti di una relazione possono riguardare esperimenti scientifici, attività di studio, di lavoro, di ricerca o di indagine, prove tecniche, situazioni, problemi, eventi civili o bellici.

Per quanto riguarda il mondo scolastico, si possono fare relazioni su lezioni svolte in classe, su esperimenti di fisica o di chimica, relazioni su lavori scolastici o domestici di costruzione di plastici, carte geografiche e geografico-storiche, di sussidi didattici.[1]

Una relazione può anche essere commerciale, nel caso in cui una ditta riceva le referenze da un incaricato sulle condizioni del mercato in un altro paese; amministrativa (o burocratica o d'ufficio) qualora un ispettore riferisca alle autorità i metodi, i profitti o i fatti irregolari che possono accadere in un pubblico ufficio; politica, quella effettuata da un politico, che riferisca e studi le istituzioni di un altro paese; di concorso, quella espressa dalla Commissione esaminatrice nei riguardi della graduatoria di un concorso, formulata con l'esposizione dei criteri di giudizio sui concorrenti; parlamentare, quella su un disegno di legge proposta al Parlamento da un relatore;[2]agronomica, che descrive i terreni di un'azienda in misure catastali.

Nelle scienze cliniche (mediche e psicologiche) una relazione documentale, sia essa redatta in forma scritta o trasmessa verbalmente, assume più propriamente il nome di referto o report.

Una relazione deve essere chiara, breve, ordinata, imparziale e giovarsi assennatamente dell'indagine e della critica.[3]

Alcune relazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alberto Chiari-Edmondo Caioli, op.cit., pagina 524
  2. ^ Giuseppe Lipparini, op.cit. pag.31
  3. ^ Giuseppe Lipparini, op.cit. pag.31
  4. ^ Gino ed Emirene Varlecchi, op.cit. nota n.11, pag.85
  5. ^ Nota n.11, pag. 85 e nota n.1 a pag.195 in Op. cit.
  6. ^ Nota n.2, pag.208 in Op.cit.
  7. ^ Nota n. 1, pag.212 ion Op.cit.: Istituto Storico della Resistenza in Toscana, Relazioni ufficiali, divisione "Potente", Comando gruppo divisioni. Il documento è in copia, dattiloscritto. Il medesimo è stato pubblicato, con lievi omissioni, in "Rinascita" XXI (1964), fasc. 31, p. 15,
  8. ^ Nota n. 2, p.217 in Op. cit.: Relazioni ufficiali, divisione "Potente", comando gruppo divisioni. Il documento è in copia, dattiloscritto. Da notare che la data 8 agosto è stata aggiunta a mano. Probabilmente questa relazione fu approntata nei giorni immediatamente precedenti la morte di Potente, forse tra il 5 e il 7 agosto.
  9. ^ Carlo Francovich La Resistenza a Firenze, Firenze, La Nuova Italia, 1962, pagina 259, Nota n.1; Il testo integrale ed originale della relazione, corredata da 23 allegati, trovasi presso l'I.S.R.T., (fondo Medici Tornaquinci)
  10. ^ Giuseppe Lipparini, op.cit. pag.31
  11. ^ Giuseppe Lipparini, op.cit. Pag.31
  12. ^ Giuseppe Lipparini, op.cit., pag.31

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino ed Emirene Varlecchi, Potente-Aligi Barducci comandante della divisione Garibaldi “Arno” , a cura di Maria Augusta e Sebastiano Timpanaro, Firenze, Libreria Feltrinelli, 1975.
  • P. Benvenuto Bazzocchini O.FM. Un Fiore Serafico-Suor Maria Assunta delle Francescane Missionarie di Maria-Sunto della seconda edizione della sua vita (Roma, Scuola Tipografica Salesiana 1918), Roma, Tip. Pinci e Brocato Viale Saffi, 1922.
  • Alberto Chiari – Edmondo Caioli Tecnica e arte della parola, Casa Editrice Le Monnier, Firenze, 1964.
  • Giuseppe Lipparini, Arte e stile- tavole schematiche di stilistica e di letteratura per gli alunni delle Scuole Medie, Carlo Signorelli editore, Milano, 1930.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura