Regola di Lipinski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Regola di Lipinski, detta anche Regola del 5 oppure anche Regola del 5 di Lipinski è un semplice algoritmo ideato dal ricercatore Christopher Lipinski nel 1997 e che risulta essere molto importante per la progettazione e lo sviluppo di un farmaco.[1]

La regola di Lipinski è un insieme di piccoli accorgimenti da mettere in atto al momento di selezionare una molecola destinata ad essere studiata come farmaco. La regola è stata dedotta empiricamente analizzando l'immensa mole di informazioni accumulatesi dopo decenni di ricerca in campo farmacologico, e permette di restringere il campo di ricerca della nuova molecola. La regola si basa su tre semplici fondamenti:

  • le molecole non devono avere una massa molecolare maggiore di 500 (PM < 500). Infatti se le molecole fossero troppo voluminose e pesanti sarebbero difficilmente assimilabili ed incontrerebbero troppa difficoltà nel processo di diffusione;
  • non ci devono essere più di 5 donatori di ponti idrogeno: troppi ponti idrogeno rendono la molecola eccessivamente polare, impedendone la diffusione nelle parti lipofile;
  • non ci devono essere più di 10 accettori di ponti idrogeno (di solito atomi di ossigeno, azoto);
  • la molecola deve avere un log P (il logaritmo del coefficiente di ripartizione) che deve essere minore di 5 (log P < 5).

Questi semplici accorgimenti risultano utilissimi in campo tecnico-farmacologico per ridurre il campo di indagine, diminuendo drasticamente il numero di molecole nelle quali ricercare un potenziale farmaco.

La regola del 5 risulta così essere di grande interesse ed estremamente efficace, oltre che estremamente semplice da ricordare, riuscendo a semplificare notevolmente la problematica biochimica e fisiologica dell'attività farmacologica di una molecola. La regola di Lipinski affronta il problema della cinetica farmacologica semplificandola drasticamente e riducendola a soli due concetti: assorbimento (sarà meglio assorbita se di piccole dimensioni) e permeazione (attraverserà meglio le membrane se non sarà troppo idrofila).

La regola di Lipinski risulta essere fondamentale nella ricerca chimico-farmacologica perché consente di ridurre a solo tre, su migliaia proposti, gli accorgimenti da attuare nell'indagine molecolare.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ C.A. Lipinski; F. Lombardo; B.W. Dominy and P.J. Feeney, Experimental and computational approaches to estimate solubility and permeability in drug discovery and development settings in Adv Drug Del Rev, vol. 46, 1997, pp. 3–26, DOI:10.1016/S0169-409X(00)00129-0.