Regno di Israele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Israele
Regno di Israele – Bandiera Regno di Israele - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Regno di Israele - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome ufficiale מַמְלֶכֶת יִשְׂרָאֵל, (Mamlekhet Yisra'el)
Lingue ufficiali Ebraico
Aramaico
Lingue parlate
Capitale Sichem (930 a.e.v.)
Penuel (930–909 a.e.v.)
Tirsa (909–880 a.e.v.)
Samaria (880–720 a.e.v.)
Politica
Forma di governo monarchia assoluta
Re di Israele lista
Nascita 930 a.C.-933 a.C. con Saul
Causa Separazione dal Regno di Giuda dopo la morte di Salomone
Fine 720 a.C.-722 a.C. con Osea
Causa Distruzione del Regno da parte degli Assiri
Territorio e popolazione
Bacino geografico Palestina
Religione e società
Religione di Stato Ebraismo
Religioni minoritarie Baalismo (soppressa)
Evoluzione storica
Preceduto da Regno di Giuda e Israele
Succeduto da Impero assiro
Ora parte di Flag of Israel.svg Israele
Flag of Jordan.svg Giordania
Flag of Lebanon.svg Libano
Flag of Syria.svg Siria

Con Regno di Israele (in ebraico מַמְלֶכֶת יִשְׂרָאֵל,, Mamlekhet Yisra'el) si può intendere:

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Nella Bibbia ebraica il Regno d'Israele viene anche chiamato "Casa di Giuseppe" [1][2] e "Israele in Samaria"[3].

Territorio e popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del Regno d'Israele comprendeva tutti i territori delle tribù israelitiche che non avevano accettato Roboamo come successore al trono di Re di Giuda e Israele dopo la morte di Salomone, cioè quelle di Ruben, Dan, Neftali, Gad, Aser, Issachar, Zabulon, Efraim e Manasse.

Le restanti due tribù, quella di Beniamino e quella di Giuda, costituirono quindi il Regno di Giuda[4].

Lista dei re di Israele secondo la tradizione biblica[modifica | modifica wikitesto]

Regno di Israele (a nord) e Regno di Giuda (a sud) alla morte di Salomone (circa 933 a.C.).

A differenza del Regno di Giuda, dove restò al potere ininterrottamente la casa (cioè la dinastia) di Re Davide, trasmettendo il regno di padre in figlio, nel Regno di Israele non ci fu mai una dinastia che riuscisse ad affermarsi a lungo, ma solo per poche generazioni: poi con un colpo di Stato o per altre vicende il potere passava ad una casa diversa.

Nota: questi nomi sono elencati nel testo originale della Bibbia in ebraico; la loro traslitterazione in italiano o in altre lingue moderne non sempre è univoca.

Casa di Gedeone[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Saul[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Davide[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Geroboamo[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Baasha[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Zimri[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Omri[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Jehu[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Jabesh[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Menahem[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Pekah[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Osea[modifica | modifica wikitesto]

Fine del regno[modifica | modifica wikitesto]

Distruzione e deportazione del Regno di Israele

Nel 734 a.C. il re Pekach, alleato con Rezin, re di Damasco, cercò di coinvolgere il regno di Giuda in una coalizione antiassira, e al rifiuto organizzò una "spedizione punitiva" nota come guerra siro-efraimita. Il re assiro Tiglat-Pileser III nel 733 a.C. attaccò il regno e ne annesse una parte, insediando un certo Osea (732 a.C.-722 a.C.) e deportando parte della popolazione in Assiria (2Re15,29;1Cr5,26). Quando Osea si ribellò agli assiri intervenne il re Salmanassar V che nel 722 a.C. distrusse Samaria. Deportò gran parte della popolazione israelita in varie zone del nord della mesopotamia (2Re17,6), dove si fusero con le altre popolazioni (vedi Dieci tribù perdute d'Israele), e deportò nella neoistituita provincia assira di Samaria popolazioni di diverse origini (2Re17,24).

La Samaria sarebbe continuata a passare in numerose mani fino alla conquista romana e all'annessione alla provincia della Giudea romana, assieme alla Galilea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zaccaria 10,6.
  2. ^ 2Samuele 2,10.
  3. ^ 1Re 22,51 e altri passi successivi.
  4. ^ 2Cronache 11.1-12.
  5. ^ Giudici 9.1-57.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]