Regno di Cayor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Il Regno di Cayor (1549-1879) è stato il più grande e più potente regno che si scisse dall'Impero Wolof (Djolof), in quello che è ora il Senegal. Cayor era situato nel nord e nel centro del Senegal, a sud-est di Waalo, ad ovest dell'Impero Wolof, e a nord di Baol e del Regno di Sine.

Nel 1549, il re, o damel, Detie Fu Ndiogu, proclamò l'indipendenza dall'Impero Wolof. La capitale era Mboul. Dopo la conquista francese di Waalo, il governatore Louis Faidherbe annesse Cayor nel 1868, ma Cayor recuperò la sua indipendenza nel 1871. Fu sconfitto e annesso nuovamente nel 1879, cessando di essere uno Stato sovrano. Il regno venne smembrato di tutti i suoi elementi il 6 ottobre 1886.

In aggiunta a Cayor, i Damel governò sul Lebou e sulla zona del Capo Verde (dove si trova la moderna Dakar), e divennero Teignes (governanti) del vicino regno di Baol.

Tradizionalmente, il titolo di damel stesso non è stato puramente ereditario, ma era designato da 4 membri del consiglio, composto di:

  • il Diawdine Bul, capo ereditario dei dyambour (uomini liberi)
  • il tchialaw, capo del cantone di Dianbagnane
  • il botale, capo del cantone di Ndiop
  • il badgie, capo del cantone di Gategne

Un grande eroe nella storia del Senegal, per la sua sfida e le battaglie contro i francesi, è stato Lat Dyor Diop (Lat Dior). Egli è stato sconfitto nella battaglia di Dekheule, ed è stato deposto due volte, nel 1869 e 1879. Si è convertito all'Islam circa nel 1861.

Il 30a e ultimo Damel di Cayor è stato Samba Laobe Fall, ucciso a Tivaouane, nel Senegal.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]