Regno del Congresso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno del Congresso
Regno del Congresso - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Regno del Congresso - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Regno di Polonia
Nome ufficiale Królestwo Polskie
Lingue ufficiali polacco e russo
Lingue parlate polacco
Inno Pieśń narodowa za pomyślność króla
Capitale Varsavia
Dipendente da Impero russo
Politica
Forma di Stato Stato liberale
Forma di governo Monarchia Costituzionale
Nascita 1815
Causa Congresso di Vienna
Fine 1915 con Nicola II di Russia
Causa Prima guerra mondiale
Territorio e popolazione
Bacino geografico Europa
Massima estensione 128.500 nel 1815
Popolazione 3.000.000 nel 1815
Economia
Valuta Złoty polacco e Rublo
Religione e società
Religioni preminenti Cattolicesimo
Religione di Stato Cattolicesimo
Regno del Congresso - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Ducato di Varsavia
Succeduto da Regno di Polonia (1916-1918)

Il Regno del Congresso fu uno Stato vassallo sotto controllo dell'Impero russo esistito dal 1814 fino al 1915. Regno del Congresso (in polacco: Królestwo Kongresowe) è un termine non ufficiale usato per definire il Regno di Polonia creato in seguito alla dissoluzione del Ducato di Varsavia al Congresso di Vienna nel 1815, quando gli stati dell'Europa riorganizzarono il continente dopo la caduta di Napoleone. Mentre questo regno perse il suo status di stato semi-indipendente nel 1831 e fu da allora in poi strettamente legato all'Impero russo, la sua organizzazione amministrativa rimase strettamente distinta nel suo nome da rimanere nell'uso in russo ufficiale, anche se negli ultimi anni di dominazione russa fu spesso rimpiazzata con il termine "Terra della Vistola". Comunque, il territorio mantenne alcune distinzioni all'interno dell'Impero, e continuò ad essere chiamato Regno del Congresso finché non cadde il controllo russo, causato dall'avanzata degli eserciti degli Imperi centrali nel 1915 durante la Prima guerra mondiale.

In origine, il regno aveva un'estensione di circa 128.500 km² (contro più di 1 milione di km² della Confederazione Polacco-Lituana) e una popolazione di circa 3,3 milioni nel 1816 (contro i circa 10 milioni di abitanti della Confederazione). La popolazione crebbe fino a 6,1 milioni nel 1870 e a 10 milioni nel 1900. La maggior parte dei polacchi abitanti nell'Impero russo vivevano nel Regno del Congresso, che conteneva anche aree in cui i polacchi rappresentavano la minoranza.

Il Regno del Congresso crebbe in importanza soprattutto grazie agli sforzi di Adam Jerzy Czartoryski, ministro degli affari esteri della Russia e polacco che mirava a far risorgere lo stato polacco a mezzo di un'alleanza con la Russia. Formalmente, il Regno di Polonia era una delle poche monarchie costituzionali dell'epoca in Europa, con lo Zar di Russia come Re di Polonia. Il principale problema era che lo zar, che deteneva un potere assoluto in Russia, non accettò limitazioni al suo potere in Polonia, anche se al Paese fu concessa una delle costituzioni più liberali del XIX secolo in Europa. Il Regno del Congresso ebbe un Parlamento (Sejm), che poteva votare sulle leggi ed era responsabile davanti allo zar. Lo stato aveva anche un esercito, moneta propria, un codice penale, dei conti pubblici e rimase pertanto separato dal resto dei possedimenti russi. In realtà, però, tutti gli oppositori dello zar furono severamente perseguiti e la legge veniva applicata secondo il volere degli ufficiali russi. La Polonia, che aveva sempre avuto tradizioni democratiche (libertà dorata) che ponevano come premessa fondamentale la libertà personale, faticò ad accettare l'imposizione del governo autocratico e assoluto dell'Impero russo.

Il Regno del Congresso nella sua forma originale di stato semi-indipendente, separato dalla Russia tramite istituzioni distinte, ma in unione personale con la Russia attraverso il governo dello Zar di Russia, durò solo 15 anni. Inizialmente, Alessandro I di Russia fu incoronato come Re di Polonia e obbedì alla Costituzione. La situazione cambiò tuttavia col tempo: lo zar garantì al granduca Costantino Pavlovich poteri dittatoriali. Il suo successore, Nicola I di Russia rifiutò di farsi incoronare come Re di Polonia, anzi, continuò nell'opera di limitazione delle libertà dei polacchi. Nel 1831 il Parlamento depose lo zar da Re di Polonia in risposta ai ripetuti attentati al potere costituzionale spettante al Sejm. Lo Zar reagì inviando l'esercito russo in Polonia, facendo così scoppiare la cosiddetta Rivolta di Novembre.

La fine del Regno del Congresso come entità semi-indipendente avvenne con la soppressione della rivolta che aveva seguito undici mesi di campagna militare, e da allora in avanti lo stato divenne gradualmente parte integrante dell'Impero Russo. Questo fatto fu formalizzato attraverso l'istituzione dello Statuto Organico dallo zar nel 1832, che abolì la costituzione del 1815 in vigore precedentemente nel Regno. Di conseguenza, l'esercito del Regno e l'assemblea legislativa (Sejm) furono abolite. Nei successivi 30 anni una serie di misure legarono il Regno del Congresso ancora più strettamente alla Russia.

Regno del Congresso nel 1902

Nel 1863 scoppiò la Rivolta di Gennaio, che fu abbattuta nel 1865. Come conseguenza della protesta, il Regno del Congresso perse ogni possibilità di rimanere separato dalla Russia: lo Stato fu rimosso come entità politica e fu direttamente incorporato nell'Impero Russo - più tardi il nome fu cambiato in "Terra della Vistola" (in russo: Привислинский Край, Privislinskiy Kray).

Negli anni '80 del XIX secolo la lingua ufficiale del Regno fu cambiata a favore della lingua russa: la lingua polacca fu bandita sia dagli uffici che dall'istruzione scolastica, e in tal modo finì il processo di distruzione dell'autonomia.

Nel 1912, nella parte sud-orientale dello stato, attorno a Chełm, fu fondata un'entità separata dal Regno e fu incorporata alla Russia.

Il Regno del Congresso fu abbandonato dall'esercito imperiale nel 1915, e l'anno seguente gli Imperi Centrali occupanti crearono il Regno di Polonia, nato dalla maggior parte del territori del Regno del Congresso.

Durante il XIX secolo il termine Regno del Congresso continuò a essere usato in relazione a questi territori, anche se l'entità politica al quale era collegata non esisteva più. Il termine Kongresówka è attualmente utilizzato in Polonia come piccola distinzione per gli abitanti della Polonia centrale, che sono considerati da alcuni abitanti dell'ex Galizia austriaca sgarbati, ignoranti e barbari.

I governatorati[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Divisione amministrativa del Regno del Congresso.

Il regno era suddiviso nei seguenti Governatorati o Gubernije

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]