Regione degli Amara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regione di Amhara)
Amara
regione
Amara – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Etiopia Etiopia
Capoluogo Bahar Dar
Territorio
Coordinate
del capoluogo
11°33′N 37°22′E / 11.55°N 37.366667°E11.55; 37.366667 (Amara)Coordinate: 11°33′N 37°22′E / 11.55°N 37.366667°E11.55; 37.366667 (Amara)
Superficie 156 960 km²
Abitanti 18 185 502 (stima 2005)
Densità 115,86 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
ISO 3166-2 ET-AM
Localizzazione

Amara – Localizzazione

La Regione degli Amara è una regione dell'Etiopia centro-settentrionale abitata in maggioranza da popolazioni Amara.

La regione-stato è nata nel 1995 incorporando in larga misura i territori delle ex province di Beghemeder, Goggiam e Uollo.

Confina a nord con la regione del Tigrè, a est con la regione di Afar, a sud con la regione di Oromia, a sud-ovest con la regione di Benisciangul-Gumaz ed a ovest ha un confine internazionale con il Sudan.

Il territorio è prevalentemente montuoso. Nell'area settentrionale si elevano i monti Semien tra i quali si erge il Ras Dascian che con i suoi 4533 m s.l.m. è la cima più elevata del paese. Nell'area centrale è situato il lago Tana da cui ha origine il Nilo Azzurro che scorre nell'area meridionale. Nell'area settentrionale scorre il fiume Tacazzè. Sulla sponda meridionale del lago Tana è situata la città di Bahir Dar che funge da capitale della regione.

Divisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Da una stima redatta dalla Central Statistical Agency of Ethiopia (CSA) e pubblicata nel 2005 la popolazione risulta essere costituita da 19.120.005 abitanti. Il maggiore gruppo etnico risulta essere quello Amara (91,2%). La più grossa minoranza è quella Oromo (3 %) seguita da quella Agau (2,7 %).

Al censimento del 1994 la popolazione era costituita per l'81,5 % da cristiani copti, dal 18,1 % da musulmani e dallo 0,1 % da protestanti.

Geografia e Storia[modifica | modifica sorgente]

La Regione Amhara è la posizione del Lago Tana, sorgente del Nilo Azzurro, a Bahir Dar. Il flusso del Nilo Azzurro raggiunge il volume massimo nella stagione delle piogge (da giugno a settembre), quando fornisce circa i due terzi delle acque del Nilo. Il Nilo Blu, insieme con al fiume Atbara a nord, fluisce anche fuori dalle Montagne etiopi, ciò ha causato le inondazioni annuali del Nilo che hanno contribuito alla fertilità della valle del Nilo. Questo ha sostenuto l'ascesa della civiltà egizia e mitologia egizia. Con il completamento nel 1970 della diga di Assuan in Egitto.

Il Lago Tana ha un certo numero di isole, il cui numero varia a seconda del livello del lago ; è sceso di circa 2 metri negli ultimi 400 anni. Secondo Manoel de Almeida (un missionario portoghese nei primi anni del 17°secolo) , ci sono state 21 isole, sette dei quali avevano monasteri su di loro "già grande , ma ora molto diminuita." Quando James Bruce visitò la zona nel tardo 18°secolo, ha notato che la gente del posto ha contato 45 isole abitate. Un account metà del XX secolo ha identificato 37 isole, di cui 19 sono state dette di avere o aver avuto monasteri o chiese su di loro .

Tesori della Chiesa etiopica sono conservati nei monasteri insulari isolate (tra cui Kebran Gabriel, Ura Kidane Mehret, Nàrgà Selassie, Daga Estifanos, Medhane Alem di Rema, Kota Maryam e Mertola Maryam). Il corpo di Yekuno Amlak è sepolto nel monastero di Santo Stefano a Daga isola; altri imperatori cui tombe sono su Daga includono Dawit I, Zara Yaqob, Za Dengel e Fasilides. Altre isole importanti nel Lago Tana sono Dek, Mitraha, Gelila Zakarias, Halimun e Briguida .

Cascate Semien

Verso la fine del 20° secolo, lo studioso Paul Henze ha riferito aver visto una roccia sull'isola di Tana Qirqos, è stato detto che era dove la Vergine Maria aveva riposato durante il suo viaggio di ritorno dall'Egitto. E' stato anche detto che San Frumenzio , il vescovo noto per introdurre il cristianesimo in Etiopia, è stato "presumibilmente sepolto a Tana Cherqos."

Montagne Semien

Agricoltura[modifica | modifica sorgente]

Il CSA dell'Etiopia, stimato nel 2005, dice che gli agricoltori nell' Amhara hanno lasciato un totale di 9.694.800 capi di bestiame (che rappresenta il 25% del totale bovini di Etiopia), 6.390.800 ovini (36,7%), 4.101.770 caprini (31,6%), 257.320 cavalli (17%), 8.900 muli (6%), 1.400.030 asini (55,9%), 14.270 cammelli (3.12%), 8.442.240 volatili di tutte le specie (27,3%) e 919.450 alveari (21,1%).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Regioni e città autonome dell'Etiopia (dal 1996) Bandiera dell'Etiopia
Addis Abeba · Afar · Amara · Benisciangul-Gumus · Dire Daua · Gambella · Harar · Oromia · Somali · Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud · Tigrè

Province (prima del 1996): Arussi · Bale · Gamo Gofa · Goggiam · Beghemeder · Hararghe · Ilubabor · Caffa · Scioa · Sidamo · Tigrè · Uolleggà · Uollò