Reginardo III, conte di Hainaut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Reginardo III (Brabante, 920Boemia, 973) è stato un nobile fiammingo conte di Hainaut dal 940 al 958.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel langraviato del Brabante, figlio di Reginardo II di Hainaut.

Assieme a suo fratello Rodolfo, prese parte alla ribellione di suo zio Gilberto di Lotaringia. Quando Gilberto venne ucciso nel 939, Reginardo dovette giurare fedeltà al re Ottone il Grande.

Si alleò con Luigi IV di Francia, ma il re Ottone inviò il duca Hermann di Svevia per sedare la ribellione nel 944.

Otto nominò Corrado il Rosso duca di Lotaringia, che cercò di diminuire il potere di Reginardo. Tuttavia, quando Conrad si mise contro Ottone, Reginardo lo sostenne. In una situazione di anarchica, Reginardo si appropriò della dote della regina Gerberge, sorella di Ottone e madre del re di Francia, e anche di proprietà della chiesa.

Nel 953, Bruno I di Colonia, che era stato nominato anche duca di Lotaringia, riportò ordine sconfiggendo Reginardo.

Poiché Reginardo rifiutò di sottomettersi, venne esiliato in Boemia, dove morì.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Era padre di:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]