Regime

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.

Il termine regime[1] può significare:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Fisica[modifica | modifica wikitesto]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

  • In geografia, è il complesso delle variazioni di portata di un corso d'acqua in conseguenza dei cambiamenti climatici stagionali e in particolare dell'andamento pluviometrico. Hanno inoltre influenza sul regime fluviale molti altri fattori come l'ampiezza del bacino, la lunghezza del corso d'acqua, l'azione regolatrice di laghi e di ghiacciai, la natura geologica dei terreni,ecc. Si dicono semplici i regimi caratterizzati dal succedersi, nel corso dell'anno, di due soli periodi con valori di portata nettamente contrastanti: uno di piena e uno di magra; ciò in conseguenza della dipendenza del regime da un solo fattore dominante per l'alimentazione. Complessi si dicono, invece, i regimi influenzati da più di un fattore, motivo per cui presentano una maggiore variabilità nella portata con più di un minimo e di un massimo. Un fiume che riceve apporti d'acqua in periodi diversi da affluenti caratterizzati da regimi differenti, così da non presentare sensibili oscillazioni di portata, si dice a regime compensato. In base all'alimentazione si distinguono: regimi di tipo pluviale, regolati dall'andamento delle precipitazioni piovose: i periodi di piena e di magra corrispondono ai massimi e ai minimi di precipitazioni; regimi di tipo nivale, in cui predomina l'apporto per fusione delle nevi; regimi di tipo glaciale, propri dei fiumi con bacino coperto per almeno 1/5 da ghiacciai: le portate massime si verificano in estate per la fusione dei ghiacci; regimi di tipo nivopluviale, influenzati tanto da fusione delle nevi quanto dalle piogge: se il massimo dovuto alle piogge supera quello relativo alla fusione delle nevi, si parla di regimi pluvio-nivale.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Il campo di attività di agenzie incaricate di emettere regolamenti su particolari questioni che non ricadono sotto il controllo dei singoli governi nazionali, come, ad esempio, i regolamenti postali e quelli riguardanti le telecomunicazioni. È talvolta sinonimo di governance.
  • Un sistema di regolamentazione di una particolare attività o sistema organizzato (es: "regime medico")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pronunciato oggi più spesso regìme alla francese, di rado règime alla latina: cfr. la voce regime nel Dizionario d'ortografia e di pronunzia della RAI: http://www.dizionario.rai.it/poplemma.aspx?lid=19767&r=647.