Referendum sull'adozione dell'euro in Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il referendum sull'adozione dell'euro in Danimarca si svolse il 28 settembre 2000 e vide la sconfitta dei sostenitori della unificazione monetaria europea con il 52,3% dei votanti dichiaratisi contrari all'adozione dell'euro contro il 46,8% di favorevoli, con un'affluenza alle urne dell'87,6%. Il referendum indetto dal governo danese, allora retto da Poul Nyrup Rasmussen, sostenitore dell'adozione dell'euro, si inserì in un contesto in cui Danimarca, dopo averlo respinto in un referendum svoltosi il 2 giugno 1992, ratificò il trattato di Maastricht, in conformità all'accordo di Edimburgo che accordò al governo danese quattro deroghe al trattato stesso, tra cui quella riguardante la partecipazione alla terza fase dell'Unione economica e monetaria europea in un altro referendum svoltosi il 18 maggio 1993.

L'esito della consultazione, sfavorevole all'adozione dell'euro, fu molto condizionato dalla storica avversione delle Danimarca per la Germania[1]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Ai sensi dell'articolo 20 della Costituzione danese, tutte le leggi che comportano limitazioni alla sovranità nazionale danese devono essere approvate dal Parlamento danese con la maggioranza qualificata dei cinque sesti dei parlamentari; qualora legge di tal tipo non raggiunga la maggioranza necessaria e il governo continui a sostenerla, deve essere indetto un referendum.

Esito referendario[modifica | modifica wikitesto]

Livello nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Questo il risultato del referendum in dettaglio.

Preferenza Voti Percentuale (%)
1.620.353 46,80%
X mark.svg No 1.842.814 53,20%
Schede valide 3.463.167 99,60%
Voti dispersi 40.358 1,17%
Voti totali 3.503.525 100,00%
Affluenza 87,60%
Aventi diritto 3.999.325

Riepilogo per circoscrizione[modifica | modifica wikitesto]

Circoscrizione Aventi diritto % Affluenza urne % favorevoli % contrari
København og Fredriksberg kommuner 446.155 84,34 169.154 (44,95) X mark.svg 201.263 (53,44)
Københavns amt 450.043 88,85 188.824 (47,71) X mark.svg 207.026 (52,29)
Fredriksborg amt 269.775 89,17 Yes check.svg 120.627 (50,14) 117.546 (43.57)
Roskilde amt 173.068 90,10 Yes check.svg 79.871 (51,21) 74.487 (47,76)
Vestsjællands amt 223.692 87,91 81.899 (46,24) X mark.svg 112.501 (57.87)
Storstrøms amt 200.123 88,03 73.936 (41,96) X mark.svg 100.523 (57,02)
Bornholms amt 33.747 85,47 11.662 (34.55) X mark.svg 16.752 (58,05)
Fyns amt 357.537 87,32 142.461 (45.52) X mark.svg166.395 (53,29)
Sønderjyllands amt 187.254 87,90 78.914 (47.93) X mark.svg 83.912 (50,97)
Ribe amt 165.339 86,10 68.533 (47.27) X mark.svg 74.856 (51,64)
Vejle amt 260,740 87,88 107.277 (46,81) X mark.svg 118.464 (51,69)
Ringkøbing amt 202.362 87,60 Yes check.svg 88.400 (49,86) 86.837 (48,98)
Århus amt 479.278 87,99 202.714 (48,06) X mark.svg 213.946 (50,72)
Viborg amt 175.053 87,34 71.856 (46,99) X mark.svg 79.198 (51,79)
Nordjyllands amt 375.159 87,02 139.609 (42,26) X mark.svg 183.724 (56,27)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La sfida europea, serie WebTv a cura di Giorgio Giovannetti, Istituto dell'Enciclopedia italiano Treccani

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]