Referendum sull'indipendenza della Scozia del 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Referendum per l'indipendenza della Scozia, con il quale si è deciso se la Scozia dovesse o meno separarsi dal Regno Unito per divenire uno stato indipendente, si è svolto il 18 settembre 2014. L'esito del referendum ha visto la vittoria degli unionisti con 2.001.926 voti, pari al 55,3% dei votanti[1].

La consultazione è stata frutto di un accordo tra il governo del Regno Unito e il governo scozzese, noto anche come Accordo di Edimburgo, firmato il 15 ottobre 2012 dal primo ministro britannico David Cameron, dal segretario di Stato per la Scozia Michael Moore, dal primo ministro scozzese Alex Salmond e dalla vice-primo ministro scozzese Nicola Sturgeon[2]. Lo Scottish Independence Referendum Bill, il disegno di legge per stabilire le modalità di svolgimento del referendum, è stato presentato il 21 marzo 2013 e approvato dal Parlamento scozzese il successivo 24 novembre[3][4]. Il 17 dicembre dello stesso anno ha ricevuto il royal assent[3].

Quesito referendario e norme elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Il quesito posto dal referendum, così come raccomandato dalla Commissione elettorale[5], è stato:

(EN)
« Should Scotland be an independent country? »
(IT)
« La Scozia dovrebbe essere un Paese indipendente? »
(Testo del quesito referendario)

Gli elettori potevano votare solo o No. Per essere approvata, la proposta di indipendenza doveva ottenere la maggioranza semplice. Con alcune eccezioni, potevano votare i residenti in Scozia che hanno compiuto i 16 anni.

Gli iscritti alle liste elettorali hanno raggiunto la cifra di 4.285.323 elettori, pari a circa il 97% degli aventi diritto, che rappresenta l'elettorato attivo più ampio che ci sia mai stato in Scozia[6].

Soggetti e tematiche politiche[modifica | modifica wikitesto]

Yes Scotland è stato il principale gruppo a sostegno dell'indipendenza, mentre Better Together è stato il principale gruppo che sosteneva il No al referendum. Molti altri partiti politici, organizzazioni, imprese, giornali e personalità di spicco sono stati coinvolti nella campagna elettorale.

Alcuni dei temi dibattuti in relazione al referendum sono stati: la solidità economica[7] della Scozia, la difesa nazionale, il mantenimento di rapporti con il Regno Unito e l'adesione alle organizzazioni internazionali, in particolare l'Unione Europea e la NATO. Secondo il progetto di Salmond, se la maggioranza dei votanti si fosse pronunciata a favore dell'indipendenza, la Scozia sarebbe diventata uno Stato indipendente, ma reame del Commonwealth delle Nazioni, come il Canada e l'Australia. L'eventuale vittoria degli indipendentisti avrebbe sancito la fine, dopo 307 anni, dell'Atto di Unione.

Premesse storiche[modifica | modifica wikitesto]

Formazione della Scozia e del Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Scozia e Storia del Regno Unito.
Il territorio della Scozia all'interno del Regno Unito.

La Scozia, così come è conosciuta oggi, si è formata nel corso del Medioevo. Il Regno di Scozia ha combattuto una serie di guerre di indipendenza contro il Regno d'Inghilterra tra il XIII e il XIV secolo. Le due monarchie furono in unione personale a partire dal 1603, quando Giacomo VI di Scozia divenne anche Giacomo I d'Inghilterra. Le due nazioni vennero unite sotto un unico governo quando Oliver Cromwell fu dichiarato Lord Protettore del Commonwealth nel 1653, ma questo fu sciolto quando la monarchia venne restaurata nel 1660. I regni di Scozia e Inghilterra furono successivamente uniti per formare il Regno di Gran Bretagna con l'Atto di Unione del 1707. Nel 1800, con un altro Atto di Unione, il Regno di Gran Bretagna venne a sua volta unito con il Regno d'Irlanda a partire dal 1° gennaio 1801 per formare il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda. La maggior parte dell'Irlanda ha lasciato l'Unione nel 1922, andando a formare la Repubblica d'Irlanda; così, il nome completo dello stato sovrano ad oggi è quello di Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord.

Devolution[modifica | modifica wikitesto]

Il Partito laburista si impegnò per la home rule a favore della Scozia durante gli anni venti, ma il tema venne abbandonato dal suo programma negli anni successivi[8]. Il Partito nazionale scozzese (Scottish national party, SNP) venne costituito nel 1934, ma fino agli anni sessanta non ottenne notevoli successi elettorali[8]. Un documento che chiedeva l'autogoverno per la Scozia, lo Scottish Covenant, venne firmato da 2 milioni di persone (su una popolazione di 5 milioni) alla fine degli anni quaranta[8]. La home rule, diventata successivamente nota come devoluzione scozzese, non diventò una seria proposta che alla fine degli anni settanta, quando il governo del laburista James Callaghan subì la pressione elettorale dello SNP[8].

Lo Scotland Act del 1978 creò una Assemblea scozzese dotata di poteri devoluti dal centro, sospendendo l'entrata in vigore della legge all'approvazione del progetto mediante un referendum. Nella consultazione tenutasi l'anno successivo, una risicata maggioranza di voti venne espressa a favore della proposta, ma la normativa venne abrogata poiché non venne raggiunto un numero di voti favorevoli superiore al 40% degli aventi diritto come richiedeva la legge[9]. Nessuna ulteriore riforma costituzionale venne proposta fino a quando i laburisti tornarono al governo nel 1997. Un secondo referendum sulla devolution si svolse nel 1997[10]. Una netta maggioranza votò a favore sia della creazione di un Parlamento scozzese sia della proposta che il Parlamento fosse dotato del potere di variare l'aliquota base dell'imposta sul reddito personale [10]. Lo Scotland Act del 1998 stabilì la creazione del Parlamento scozzese, che venne eletto per la prima volta il 6 maggio 1999[11], con il potere di legiferare all'interno della Scozia sulle materie non riservate al potere centrale.

Lo SNP al governo della Scozia e l'accordo per il referendum[modifica | modifica wikitesto]

Il primo ministro scozzese, Alex Salmond, e la sua vice, Nicola Sturgeon, presentano la conversazione nazionale sul futuro della Scozia il 14 agosto 2007

L'impegno per indire un referendum sull'indipendenza della Scozia nel 2010 faceva parte del programma elettorale dello SNP per le elezioni parlamentari scozzesi del 2007[12]. In quella tornata elettorale, il partito divenne il più rappresentato nel Parlamento scozzese e poté formare un governo di minoranza guidato dal leader Alex Salmond[13].

Al termine di un processo iniziato nell'agosto del 2007, quando venne lanciata una conversazione nazionale sul futuro della Scozia[13], il 25 febbraio 2010 il governo scozzese presentò una carta, denominata Scotland's Future: Draft Referendum (Scotland) Bill Consultation, contenente un documento di consultazione e la bozza di un disegno di legge per il referendum[14]. Il disegno di legge proponeva di sottoporre a consultazione popolare due quesiti, con il primo proposto in due versioni[14]. Per il primo quesito, la prima versione proponeva la piena devoluzione per la Scozia, con il Parlamento scozzese responsabile di "tutte le leggi, le imposte e le tasse in Scozia", ad eccezione degli "affari di difesa ed esteri, della regolamentazione finanziaria, della politica monetaria e della moneta" che sarebbero rimasti di competenza del governo britannico[14]; la seconda versione prospettava una riforma fiscale sul modello di quella elaborata dalla commissione del Parlamento scozzese sulla devoluzione, con il riconoscimento di responsabilità e poteri aggiuntivi alla Scozia in materia di tassazione[14]. Il secondo quesito, infine, proponeva di estendere i poteri del Parlamento scozzese per consentire il raggiungimento dell'indipendenza della Scozia[14].

Nel Parlamento scozzese, tuttavia, solo 50 membri (47 dello SNP, 2 verdi e una indipendente) su 129 appoggiavano la proposta[15][16]. Il governo scozzese dovette ritirare il disegno di legge, non avendo ottenuto il sostegno dell'opposizione[13][17].

Il Partito nazionale scozzese ribadì il suo impegno per il referendum nel programma per le elezioni parlamentari scozzesi del 2011[18]. Pochi giorni prima delle elezioni, Salmond dichiarò che la normativa per il referendum sarebbe stata presentata nella "seconda metà della legislatura", quando il Parlamento scozzese sarebbe stato dotato di maggiori poteri dopo l'approvazione di un disegno di legge sulla Scozia allora in discussione nel Parlamento britannico[19]. Lo SNP ottenne la maggioranza assoluta alle elezioni, con 69 seggi su 129, guadagnando così un mandato per tenere un referendum sull'indipendenza[20][21].

Nel gennaio 2012, il governo del Regno Unito ha offerto una legislazione per fornire il Parlamento scozzese dei poteri di indire un referendum, purché questo fosse "giusto, legale e decisivo"[21]. Mentre il governo britannico lavorava sui dettagli legali della consultazione, compresa la tempistica del voto, Salmond annunciò l'intenzione di tenere il referendum nell'autunno del 2014[22]. I negoziati tra i due governi proseguirono fino all'ottobre 2012, quando venne sottoscritto l'accordo di Edimburgo[13]. La legge sull'elettorato attivo nel referendum, lo Scottish Independence Referendum (Franchise) Act 2013, venne approvato dal Parlamento scozzese il 27 giugno 2013 e ricevette il royal assent il 7 agosto 2013[23]. Il 15 novembre 2013, il governo scozzese pubblicò un libro bianco di 670 pagine, dal titolo Scotland's Future, che delineava le modalità attraverso le quali la Scozia sarebbe potuta diventare un paese indipendente[24].

Processo elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Data ed elettorato[modifica | modifica wikitesto]

Il governo scozzese ha annunciato il 21 marzo 2013 che il referendum si sarebbe tenuto il 18 settembre 2014[25]. Avevano diritto all'elettorato attivo nel referendum[26]:

  • I cittadini britannici che risiedevano in Scozia
  • I cittadini dei paesi del Commonwealth che risiedevano in Scozia
  • I cittadini dei paesi dell'Unione Europea che risiedevano in Scozia
  • I membri della Camera dei lord che risiedevano in Scozia
  • Il personale delle forze armate britanniche o del governo britannico in servizio nel Regno Unito o all'estero che risiedeva in Scozia

Il termine per l'iscrizione alle liste elettorali è stato fissato al 2 settembre 2014[27]. I detenuti condannati non poterono votare al referendum. La Corte Europea dei diritti dell'uomo in passato aveva stabilito che questa restrizione è illegale, ma Lord Glennie, senatore del collegio di giustizia della Court of Session, ha sostenuto che il giudizio della Cedu debba applicarsi solo ai casi di elezioni parlamentari[28]. Gli appelli contro la sua decisione sono stati rigettati sia dalla Court of Session che dalla Corte suprema del Regno Unito[29].

Il governo scozzese ha approvato la riduzione dell'età minima per votare al referendum dai 18 ai 16 anni, come parte del progetto dello SNP per ridurre l'età di voto in tutte le elezioni della Scozia[14][30][31]. La riduzione è stata approvata dai laburisti, dai liberaldemocratici e dai verdi scozzesi[32][33].

Nel gennaio 2012, Elaine Murray, membro del Parlamento scozzese per il Partito laburista, ha sostenuto che il diritto di voto sarebbe dovuto essere esteso agli scozzesi residenti al di fuori della Scozia, includendo circa 800.000 scozzesi che vivono nel resto del Regno Unito[34]. Il governo scozzese si è opposto, sostenendo che ciò avrebbe aumentato notevolmente la complessità del referendum e che le decisioni del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite evidenziavano come gli altri paesi "potrebbero mettere in discussione la legittimità del referendum se l'elettorato non fosse territoriale"[34]. Nella Camera dei lord, la baronessa Symons ha sostenuto che al resto del Regno Unito sarebbe dovuto essere consentito di votare nel referendum per l'indipendenza scozzese, sulla base del fatto che il voto avrebbe influito sull'intero paese. Questo argomento è stato respinto dal governo britannico. L'avvocato generale per la Scozia, Lord Wallace, ha sostenuto che la decisione sul lasciare o meno il Regno Unito spetta solamente alla Scozia[34]. Wallace ha anche sottolineato che solo 2 degli 11 referendum tenutisi dal 1973 nel Regno Unito si sono svolti in tutto il paese[34]. Il professor John Curtice ha anche sostenuto che il referendum sulla sovranità dell'Irlanda del Nord nel 1973 ha creato un precedente per consentire solo ai residenti in una parte del Regno Unito di votare sulla propria sovranità[35].

Legalità[modifica | modifica wikitesto]

Si è dibattuto sul potere del Parlamento scozzese di legiferare su un referendum relativo all'indipendenza, materia che la costituzione britannica riserva al Parlamento del Regno Unito[16]. Il governo scozzese ha sostenuto nel 2010 di avere il potere per legiferare in materia, trattandosi allora di un "referendum consultivo sull'estensione dei poteri del Parlamento scozzese"[14] che non avrebbe avuto "nessun effetto legale sull'Unione"[14]. Lord Wallace ha sostenuto nel gennaio 2012 che un referendum concernente la costituzione sarebbe al di fuori del potere legislativo del Parlamento di Edimburgo[21][36] e che i privati avrebbero potuto impugnare il progetto di legge del Parlamento scozzese[37]. L'accordo di Edimburgo, firmato dal governo britannico e da quello scozzese, ha permesso un trasferimento temporaneo dell'autorità legale dal potere centrale alle autorità scozzesi. Conformemente all'accordo, infatti, il governo britannico elaborò un Order in Council che garantiva al Parlamento scozzese il potere necessario per tenere un referendum sull'indipendenza entro il 31 gennaio 2014. Il decreto è stato successivamente approvato con risoluzioni di entrambe le camere del Parlamento britannico, e con il titolo The Scotland Act 1998 (Modification of Schedule 5) Order 2013 è stato approvato dalla Regina, seguendo il consiglio dei suoi ministri, in una riunione del Consiglio privato del 12 febbraio 2013[38].

Supervisione[modifica | modifica wikitesto]

La Commissione elettorale nazionale è stata responsabile della supervisione del referendum, "ad eccezione della conduzione dello scrutinio, dell'annuncio del risultato e della concessione di sussidi. Nel suo ruolo di regolazione della campagna e delle spese elettorali, la Commissione elettorale farà rapporto al Parlamento scozzese [...] Lo scrutinio e il conteggio verranno gestiti nello stesso modo delle elezioni [locali] da scrutatori locali [...] e diretti da uno Chief Counting Officer"[2]. L'accordo di Edimburgo ha stabilito che la formulazione del quesito referendario sarebbe stata decisa dal Parlamento scozzese ed esaminata dalla Commissione elettorale per quanto riguarda l'intelligibilità[2]. Il governo scozzese ha dichiarato che la sua formulazione preferita del quesito era[39]:

(EN)
« Do you agree that Scotland should be an independent country? »
(IT)
« Convieni che la Scozia dovrebbe essere un paese indipendente? »
(Testo del quesito referendario proposto dal governo scozzese)

La Commissione Elettorale ha testato la domanda proposta insieme ad altre tre versioni possibili[40]. La ricerca ha rilevato che la prefazione "Do you agree" rendeva il quesito una domanda allusiva, con maggiori probabilità di ottenere una risposta positiva[39]. Il quesito è stato modificato nella formulazione "Should Scotland be an independent country?", che la Commissione elettorale ha trovato essere la più neutra e concisa delle versioni testate[39][40].

La chiarezza e la brevità del quesito utilizzato in Scozia contrasta con le formulazioni utilizzate nei referendum sulla sovranità del Québec tenutisi nel 1980 e nel 1995[39][41][42].

Campagna elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Logo utilizzato da Yes Scotland
Logo utilizzato da Better Together

La campagna a favore dell'indipendenza scozzese, Yes Scotland, è stata lanciata il 25 maggio 2012[43]. Il suo direttore generale è stato Blair Jenkins[43], ex direttore della radiodiffusione della STV e responsabile delle notizie e dell'attualità sia della STV che della BBC Scotland. La campagna è stata sostenuta dal Partito nazionale scozzese[43], dal Partito verde scozzese (che ha anche creato "la propria campagna pro-indipendenza per affiancare Yes Scotland"[44]) e dal Partito socialista scozzese. Al suo lancio, Salmond ha dichiarato che sperava di raggiungere in Scozia un milione di firme per una dichiarazione a favore dell'indipendenza[45]. Il 22 agosto 2014, Yes Scotland ha annunciato che l'obiettivo di un milione di firme era stato superato[46].

La campagna a favore del No al referendum, Better Together, è stata lanciata il 25 giugno 2012[47]. È stata guidata dal laburista Alistair Darling, ex Cancelliere dello Scacchiere, e ha avuto il supporto del Partito conservatore, Partito laburista e dei liberaldemocratici[47].

Posizione dei principali partiti scozzesi nei confronti dell'indipendenza[modifica | modifica wikitesto]

Partito Posizione
Liberal Democratici Scozzesi (SLD) X mark.svg No[48]
Partito dei Confini (BP) X mark.svg No[49]
Partito Conservatore Scozzese (SC) X mark.svg No[50][51]
Partito Laburista Scozzese (SL) X mark.svg No[52]
Partito Nazionale Scozzese (SNP) Yes check.svg [53]
Partito Socialista Scozzese (SSP) Yes check.svg [54]
Partito Verde Scozzese (SGP) Yes check.svg [55]

Risultato complessivo[modifica | modifica wikitesto]

totale[1] percentuale (%)
Elettori registrati 4 283 392  
Votanti 3 623 344 84,59% (su n. elettori registrati)
Schede bianche e nulle 3 429 0,09% (su n. votanti)
Voti validi 3 619 915 99,91% (su n. votanti)
Voti  %
RISPOSTA NEGATIVA X mark.svg No 2 001 926 55,3%
RISPOSTA AFFERMATIVA Yes check.svg  1 617 989 44,7%
Totale voti validi 3 619 915 100%
Fonte:scotreferendum.info

Risultati per area[modifica | modifica wikitesto]

In rosso le aree amministrative in cui ha vinto il "No", in verde quelle in cui ha prevalso il "Sì"
Area amministrativa No Sì (%) No (%) Voti totali Affluenza[1]
Aberdeen 59.390 84.094 41,4% 58,6% 143.484 81,7%
Aberdeenshire 71.337 108.606 39,6% 60,4% 179.943 87,2%
Angus 35.044 45.192 43,7% 56,3% 80.236 85,7%
Argyll e Bute 26.324 37.143 41,5% 58,5% 63.467 88,2%
Ayrshire Meridionale 34.402 47.247 42,1% 57,9% 81.649 86,1%
Ayrshire Orientale 39.762 44.442 47,2% 52,8% 84.204 84,5%
Ayrshire Settentrionale 47.072 49.016 48,9% 51,1% 96.088 84,4%
Clackmannanshire 16.350 19.036 46,2% 53,8% 35.386 88,6%
Dumfries e Galloway 36.614 70.039 34,3% 65,7% 106.653 87,5%
Dunbartonshire Occidentale 33.720 28.676 54,0% 46,0% 62.396 87,9%
Dunbartonshire Orientale 30.624 48.314 38,8% 61,2% 78.938 91,0%
Dundee 53.620 39.880 57,3% 42,7% 93.500 78,8%
Ebridi Esterne 9.195 10.544 46,6% 53,4% 19.739 86,2%
Edimburgo 123.927 194.638 38,9% 61,1% 318.565 84,4%
Falkirk 50.489 58.030 46,5% 53,5% 108.519 88,7%
Fife 114.148 139.788 45,0% 55,0% 253.936 84,1%
Glasgow 194.739 169.347 53,5% 46,5% 364.086 75,0%
Highland 78.069 87.739 47,1% 52,9% 190.778 87,0%
Inverclyde 27.243 27.329 49,9% 50,1% 54.572 87,4%
Lanarkshire Meridionale 100.990 121.800 45,3% 54,7% 222.790 85,3%
Lanarkshire Settentrionale 115.783 110.922 51,0% 48,9% 226.705 84,4%
Lothian Occidentale 53.342 65.682 44,8% 55,2% 119.024 86,2%
Lothian Orientale 27.467 44.283 38,3% 61,7% 71.750 87,6%
Midlothian 26.370 33.972 43,7% 56,3% 60.342 86,8%
Moray 27.232 36.935 42,4% 57,6% 64.167 85,4%
Orcadi 4.883 10.004 32,8% 67,2% 14.887 83,7%
Perth e Kinross 41.475 62.714 39,8% 60,2% 104.189 86,9%
Renfrewshire 55.466 62.067 47,2% 52,8% 117.533 87,3%
Renfrewshire Orientale 24.287 41.690 36,8% 63,2% 65.977 90,4%
Scottish Borders 27.906 55.553 33,4% 66,6% 83.459 87,4%
Shetland 5.669 9.951 36,3% 63,7% 15.620 84,4%
Stirling 25.010 37.153 40,2% 59,8% 62.163 90,1%
Totale 1.617.989 2.001.926 44,70% 55,30% 3.619.915 84,6%
Fonte:scotreferendum.info

Commento dei risultati[modifica | modifica wikitesto]

Il minor astensionismo si è avuto nel Dunbartonshire Orientale dove ha votato il 91% della popolazione avente diritto, mentre il maggior astensionismo c'è stato a Glasgow dove ha votato il 75% degli aventi diritto al voto[56]. I favorevoli all'indipendenza sono risultati in maggioranza solo in quattro zone amministrative delle Lowlands (Dunbartonshire Occidentale, Dundee, Glasgow e Lanarkshire Settentrionale)[56]. Le uniche due città scozzesi a maggioranza indipendentista risultano Glasgow e Dundee, la prima e la quarta città scozzese[56].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Scotland Decides in BBC News, BBC, 19 settembre 2014. URL consultato il 19 settembre 2014.
  2. ^ a b c (EN) Agreement between the United Kingdom Government and the Scottish Government on a referendum on independence for Scotland (PDF) in number10.gov.uk, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  3. ^ a b (EN) Scottish Independence Referendum Bill in Scottish.parliament.uk. URL consultato il 16 settembre 2014.
  4. ^ (EN) Response to referendum consultation in Scotland.gov.uk. URL consultato il 16 settembre 2014.
  5. ^ (EN) Government accepts all Electoral Commission recommendations in scotland.gov.uk, 30 gennaio 2013. URL consultato il 16 settembre 2014.
  6. ^ (EN) Scottish independence:More than 4.2 million voters register ahead of referendum in BBC News, BBC, 11 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  7. ^ Angus Armstrong, Francesco Caselli, Jagjit Chadha e Wouter den Haan, Scozia indipendente, ma più povera.
  8. ^ a b c d (EN) Devolution's swings and roundabouts in BBC News, BBC, 7 aprile 1999. URL consultato il 16 settembre 2014.
  9. ^ (EN) The 1979 Referendum in BBC News, BBC. URL consultato il 16 settembre 2014.
  10. ^ a b (EN) Scottish Referendum Live – The Results in BBC News, BBC. URL consultato il 16 settembre 2014.
  11. ^ (EN) Scottish Parliament Official Report – 12 May 1999 in scottish.parliament.uk, Scottish Parliament.
  12. ^ (EN) Manifesto 2007, Scottish National Party, 12 aprile 2007, p. 8, 15. URL consultato il 16 settembre 2014.
  13. ^ a b c d (EN) Timeline: Scottish independence referendum in BBC news, BBC, 15 ottobre 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  14. ^ a b c d e f g h (EN) Scotland's Future: Draft Referendum (Scotland) Bill Consultation Paper (PDF) in scotland.gov.uk, Governo scozzese, 25 febbraio 2010. URL consultato il 16 settembre 2015.
  15. ^ (EN) Angus MacLeod, Salmond to push ahead with referendum Bill in The Times (Londra), 3 settembre 2009. URL consultato il 17 settembre 2014.
  16. ^ a b (EN) Andrew Black, Q&A: Independence referendum in BBC News, BBC, 3 settembre 2009. URL consultato il 16 settembre 2014.
  17. ^ (EN) Scottish independence plan 'an election issue' in BBC News, BBC, 6 settembre 2010. URL consultato il 16 settembre 2014.
  18. ^ (EN) Gavin Stuart, SNP launch 'Re-elect' manifesto with independence referendum vow in STV, STV Group, 14 aprile 2011. URL consultato il 17 settembre 2014.
  19. ^ (EN) Andrew Black, Scottish election: Party leaders clash in BBC TV debate in BBC News, BBC, 1° maggio 2011. URL consultato il 17 settembre 2014.
  20. ^ (EN) Scottish election: SNP wins election in BBC News, BBC, 6 maggio 2011. URL consultato il 17 settembre 2014.
  21. ^ a b c (EN) David Clegg, Advocate General says SNP's referendum plans would be 'contrary to the rule of law' in The Courier, DC Thomson, 17 gennaio 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  22. ^ (EN) David Clegg, Independence referendum: Scotland facing constitutional chaos in The Courier, DC Thomson, 11 gennaio 2012. URL consultato il 17 settembre 2014.
  23. ^ (EN) Scottish Independence Referendum (Franchise) Act 2013 in legislation.gov.uk. URL consultato il 17 settembre 2014.
  24. ^ (EN) Scottish independence: Referendum White Paper unveiled in BBC News, BBC, 26 novembre2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  25. ^ (EN) Scotland to hold independence poll in 2014 – Salmond in BBC News, BBC, 10 gennaio 2012. URL consultato il 15 settembre 2014.
  26. ^ (EN) Who can vote in the referendum in scotreferendum.com, Governo scozzese. URL consultato il 16 settembre 2015.
  27. ^ (EN) Scottish Independence: The popular rise of postal voting in BBC News, BBC, 26 August 2014. URL consultato il 17 settembre 2014.
  28. ^ (EN) Scottish independence: Killers lose referendum vote bid in BBC News, BBC, 19 dicembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  29. ^ (EN) Reevel Alderson, Scottish independence: Killers fail to get referendum vote in BBC News, BBC, 24 luglio 2014. URL consultato il 17 settembre 2014.
  30. ^ (EN) Viewpoints: Can 16- and-17-year olds be trusted with the vote? in BBC News, BBC, 14 ottobre 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  31. ^ (EN) Hamish Macdonnell, 16-year-olds likely to get the vote on Union split in The Times Scotland (Londra), Times Newspapers Limited, 17 settembre 2011. URL consultato il 17 settembre 2014.
  32. ^ (EN) Scottish independence: Bill to lower voting age lodged in BBC News, BBC, 12 marzo 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  33. ^ (EN) Scottish independence: Referendum voting age bill approved by MSPs in BBC News, BBC, 27 giugno 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  34. ^ a b c d (EN) Scottish independence: SNP dismisses ex-pat voting call in BBC News, BBC, 18 gennaio 2012. URL consultato il 16 settembre 2012.
  35. ^ (EN) Ulster Scots and Scottish independence in BBC News, BBC, 16 ottobre 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  36. ^ (EN) Andrew Whitaker, Scottish independence referendum: Publish legal advice or be damned, SNP warned over referendum in The Scotsman, Johnston Press, 18 gennaio 2012. URL consultato il 17 settembre 2014.
  37. ^ (EN) Scottish independence: Referendum vote 'needs approval' in BBC News, BBC, 20 gennaio 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  38. ^ (EN) The Scotland Act 1998 (Modification of Schedule 5) Order 2013 in legislation.gov.uk, 17 settembre 2014.
  39. ^ a b c d (EN) Andrew Black, Scottish independence: SNP accepts call to change referendum question in BBC News, BBC, 30 gennaio 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  40. ^ a b (EN) Ipsos Mori Scotland, The Electoral Commission, Referendum on scottish independence: question testing, 24 gennaio 2013. URL consultato il 17 settembre 2014.
  41. ^ (EN) Kyle Matthews, Obstacles to Independence in Quebec in Open Canada, 1° aprile 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  42. ^ (EN) Jonathan Kay, Jonathan Kay: Scotland shows Quebec what an intelligent and mature independence movement looks like in National Post, Post Media, 24 marzo 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  43. ^ a b c (EN) Scottish independence: One million Scots urged to sign 'yes' declaration in BBC News, BBC, 25 maggio 2012. URL consultato il 17 settembre 2014.
  44. ^ (EN) Scottish independence: Greens join Yes Scotland campaign in BBC News, BBC, 6 ottobre 2012. URL consultato il 17 settembre 2014.
  45. ^ (EN) Scottish independence: Yes Scotland signs up 143,000 supporters in BBC News, BBC, 30 novembre 2012. URL consultato il 16 settembre 2014.
  46. ^ (EN) Scottish independence: Yes declaration hits million target in BBC News, BBC, 22 agosto 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  47. ^ a b (EN) Scottish independence: Alistair Darling warns of 'no way back' in BBC News, BBC, 25 giugno 2012. URL consultato il 17 settembre 2014.
  48. ^ Rennie sets out No vote arguments
  49. ^ Parker sparks council backlash over Scottish independence
  50. ^ EXCLUSIVE: Ruth Davidson – why I’m proud to be Scottish and British
  51. ^ Scottish independence: Ruth Davidson says Yes vote would sell young Scots short
  52. ^ Johann Lamott: Scottish Indipendence Will Boost Austerity Woes
  53. ^ (EN) Scottish independence: Referendum White Paper unveiled in BBC News, 26 novembre 2013. URL consultato il 27 novembre 2013.
  54. ^ For a Modern Democratic Republic
  55. ^ Green Yes
  56. ^ a b c scotreferendum.info

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]