Referendum costituzionale del 2001 in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il 7 ottobre 2001 in Italia gli italiani furono chiamati a decidere se confermare o meno la modifica del Titolo V della Costituzione della Repubblica Italiana.

Essendo un referendum confermativo (e non abrogativo), la consultazione non richiedeva la partecipazione al voto della maggioranza degli iscritti alle liste elettorali per essere valida.

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 462 222  
Votanti 16 843 530 34,10 (su n. iscritti)
Voti validi 16 250 101 96,50 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 593 319 3,50 (su n. votanti)
Astenuti 32 618 802 65,90 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 10 433 574 64,20%
RISPOSTA NEGATIVA NO 5 816 527 35,80%
bianche/nulle 593 319
Totale voti validi 16 250 101 100%

Il testo del quesito[modifica | modifica wikitesto]

Testo del quesito referendario

"Approvate il testo della legge costituzionale concernente "Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione" approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 2001?"

Eventi successivi[modifica | modifica wikitesto]

La legge costituzionale n° 3 del 2001 fu promulgata dal Presidente della Repubblica il 18 ottobre 2001, fu pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 24 ottobre ed entrò in vigore il quindicesimo giorno successivo, cioè l'8 novembre 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

La legge Costituzionale N° 3 del 2001 sul sito del Parlamento italiano