Redditi diversi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I redditi diversi, previsti dal sistema tributario italiano agli artt. 67-71 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (T.U.I.R.), costituiscono una categoria di reddito residuale, che ha carattere eterogeneo, in quanto comprende i redditi più disparati che non rientrano nelle altre categorie di reddito indicate nell’art. 6 del T.U.I.R. o che hanno caratteri peculiari non inquadrabili in una categoria tipica.

I redditi diversi sono in linea di massima raggruppabili in due grandi categorie, entrambe tassabili per cassa:

  • plusvalenze isolate: sono così definite in quanto non realizzate nell’ambito di un’attività economica continuativa (se lo fossero il soggetto che le realizza sarebbe un imprenditore). La precedente formulazione dell'art. 68 parlava di “intento speculativo” del contribuente per distinguere le plusvalenze riconducibili ad un’attività produttiva del contribuente e quelle non derivanti da una simile attività del contribuente. Ora non c’è più questa formula e si parla di caratteri oggettivi dell’operazione. Il Testo Unico ha cioè sostituito alla tassazione delle plusvalenze realizzate con intento speculativo, la tassabilità di specifiche, determinate plusvalenze:
    • Plusvalenze realizzate mediante la lottizzazione dei terreni o l’esecuzione di opere intese a renderli edificabili e la successiva vendita (anche parziale) di tali terreni o edifici.
    • Plusvalenze realizzate mediante la cessione a titolo oneroso di immobili acquistati da non più di cinque anni. Vanno esclusi gli immobili acquisiti per successione o delle unità immobiliari urbane adibite ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari. Queste ultime non sono plusvalenze tassabili, in quanto non sono considerate di carattere speculativo. Ad esse si applicherà o l'IRPEF ordinaria o l'imposta sostitutiva con aliquota al 20%.

In questi casi la base imponibile si calcola come segue: corrispettivo – costi di acquisto (o costruzione, urbanizzazione). Vedi articolo 68 II comma TUIR.

Per i terreni lottizzati detenuti da tempo: valore iniziale è il prezzo d’acquisto o quello normale dei terreni nel quinto anno anteriore alla lottizzazione.

Per i terreni acquisiti per successione o donazione: il valore è quello dichiarato nelle relative denunce e atti registrati

Per i terreni edificabili: prezzo acquisto rivalutato (inflazione).

b) le plusvalenze finanziarie (capital gain). Non si tratta dei frutti dei titoli azionari (dividendi), ma di reddito dovuto alla vendita ad un prezzo superiore di quello di acquisto.

-Plusvalenze derivanti da cessione a titolo oneroso di obbligazioni o di altri strumenti finanziari.

-Plusvalenze derivanti da cessioni di partecipazioni (qualificate e non). Se si tratta di partecipazioni non qualificate, la loro cessione a titolo oneroso è tassata con la cedolare secca al 12,5%. Possibilità di compensazione con minusvalenze nella stessa categoria e riporto in avanti. Se si tratta di partecipazioni qualificate (ovvero attribuiscono percentuale diritti di voto superiore al 2% o rappresentano partecipazione al capitale o al patrimonio superiore del 5% nei mercati regolamentati; tra cui anche altri strumenti finanziari) la cessione sarà assoggettata a tassazione del 49,72% come per i dividendi.

  • Altre fattispecie di redditi diversi:

a) Quelle derivanti da attività non abituali commerciali e professionali che non presuppongono la tenuta delle scritture contabili

b) Immobili situati all’estero

c) Utilizzazione di diritti su opere dell’ingegno quando percepiscono terzi

d) Vincite e lotterie

e) Proventi illeciti non rientranti in altre categorie (come già ricordato)

Come formula di chiusura vengono citati i redditi simili o prossimi a quelli fondiari, di capitali, di lavoro autonomo, di impresa, ma privi di un requisito tipico della categoria e perciò ascritti al novero dei redditi diversi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Pozzo, I redditi diversi: 1974-1991, Padova, Cedam, 1992.
  • Ernesto Volpicella, Le plusvalenze della categoria dei redditi divers, Bari, Cacucci, 2001.
  • Gianfranco Ferranti, Norberto Arquilla, La tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria, Milano, Giuffré, 1998.
  • Giovanni Angelini, Gianluca Dan, Angelo Vaccaro, I redditi diversi : redditi di natura fondiaria, redditi da cessioni di partecipazioni e simili, redditi occasionali di impresa e di lavoro autonomo, obblighi di fare, non fare e permettere, altri redditi diversi, formulario : aggiornato con le novita della legge 27 dicembre 2002 n. 289, con le istruzioni al Modello Unico PF 2003 e con le circolari 22 aprile n. 21, 9 maggio n. 27 del 2003, Assago, IPSOA, 2003.