Redditi di fabbricati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I redditi di fabbricati, disciplinati dagli Artt. 36 - 43, D.P.R. 22 dicembre 1986 n. 917, sono costituiti dal reddito medio ordinario ritraibile da ciascuna unità immobiliare urbana, ovvero i fabbricati e le altre costruzioni stabili o le loro porzioni suscettibili di reddito autonomo. Anche le aree occupate dalle costruzioni e quelle che ne costituiscono pertinenze si considerano parti integranti delle unità immobiliari (Art. 36, cc. 1 e 2, D.P.R. 917/1986).

Per la determinazione del reddito medio ordinario è determinato con l'applicazione delle tariffe d'estimo determinate dal D.M. 6 giugno 2002 n. 159. Le tariffe d'estimo sono stabilite per ciascuna categoria e classe di fabbricato.

Non si considerano produttive di reddito:

  • i fabbricati destinate all'esercizio del culto, compresi i monasteri di clausura e le loro pertinenze, se non sono oggetto di locazione (Art. 36, c. 3, D.P.R. 917/1986);
  • i fabbricati per le quali sono state rilasciate licenze, concessioni o autorizzazioni per restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione edilizia, limitatamente al periodo di validità del provvedimento durante il quale il fabbricato non è comunque utilizzato (Art. 36, c. 3, D.P.R. 917/1986);
  • i fabbricati rurali ed eventuali pertinenze;
  • i fabbricati destinati alla rivendita posseduti da imprenditori commerciali;
  • le parti di reddito imputabile a ciascun condomino a seguito di proprietà comune se non è superiore ad Euro 25,82 (Art. 36, c. 3-bis, D.P.R. 917/1986);
  • i fabbricati di cui il contribuente è titolare della nuda proprietà.

Titolare del reddito[modifica | modifica sorgente]

  • Il proprietario dell'immobile;
  • usufruttuario;
  • chi vanta altro diritto reale;

Non è titolare del reddito di fabbricati il locatario in caso di sublocazione, in quanto i compensi percepiti sono classificabili tra i Redditi diversi

Categorie di fabbricati[modifica | modifica sorgente]

Gruppo A[modifica | modifica sorgente]

  • A/1 Abitazione signorile
  • A/2 Abitazione civile
  • A/3 Abitazione economica
  • A/4 Abitazione popolare
  • A/5 Abitazione ultrapopolare
  • A/6 Abitazione rurale
  • A/7 Abitazioni in villini
  • A/8 Abitazioni in ville
  • A/9 Castelli e palazzi di eminenti pregi artistici o storici
  • A/10 Uffici e studi privati
  • A/11 Abitazioni tipiche dei luoghi

Gruppo B[modifica | modifica sorgente]

  • B/1 Collegi, convitti educandati ricoveri, orfanotrofi, ospizi conventi, seminari e caserme
  • B/2 Case di cura e ospedali
  • B/3 Prigioni e riformatori
  • B/4 Uffici pubblici
  • B/5 Scuole e laboratori scientifici
  • B/6 Biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli ricreativi e culturali senza fine di lucro, che non hanno sede in edifici della categoria A/9
  • B/7 Cappelle e oratori non destinati all'esercizio pubblico dei culti
  • B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate

Gruppo C[modifica | modifica sorgente]

  • C/1 Negozi e botteghe
  • C/2 Magazzini e locali deposito (cantine e soffitte con rendite autonome)
  • C/3 Laboratori per arti e mestieri
  • C/4 Fabbricati e locali per esercizi sportivi senza fine di lucro
  • C/5 Stabilimenti balneari e di acque curative senza fine di lucro
  • C/6 Box o posti auto pertinenziali
  • C/6 Autosilos, autorimesse (non pertinenziali), parcheggi a raso aperti al pubblico
  • C/6 Stalle, scuderie e simili
  • C/7 Tettoie chiuse o aperte

Gruppo D[modifica | modifica sorgente]

  • D/1 Opifici
  • D/2 Alberghi, pensioni e residences
  • D/3 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (arene, parchi-giochi)
  • D/4 Case di cura e ospedali con fine di lucro
  • D/5 Istituti di credito, cambio e assicurazione
  • D/6 Fabbricati, locali ed aree attrezzate per esercizio sportivi con fine di lucro
  • D/7 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni
  • D/8 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni
  • D/9 Edifici galleggianti o assicurati a punti fissi del suolo e ponti privati soggetti a pedaggio
  • D/10 Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole
  • D/11 Scuole e laboratori scientifici privati
  • D/12 Posti barca in porti turistici e stabilimenti balneari

Gruppo E[modifica | modifica sorgente]

  • E/1 Stazioni per servizi di trasporto
  • E/2 Ponti comunali a pedaggio
  • E/3 Fabbricati per esigenze pubbliche
  • E/4 Recinti chiusi per esigenze pubbliche
  • E/5 Fortificazioni
  • E/6 Fari, semafori, torri per orologio
  • E/7 Fabbricati per esercizio di culti
  • E/8 Cimiteri
  • E/9 Edifici particolari non compresi nelle categorie precedenti

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]