Red Dragon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo romanzo di Thomas Harris, vedi Il delitto della terza luna.
Red Dragon
Red Dragon.jpg
Una scena del film
Titolo originale Red Dragon
Paese di produzione USA, Germania
Anno 2002
Durata 124 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller
Regia Brett Ratner
Soggetto Thomas Harris (romanzo)
Sceneggiatura Ted Tally
Produttore Dino De Laurentiis
Fotografia Dante Spinotti
Montaggio Mark Helfrich
Effetti speciali Ken Pepiot, Ted Andre
Musiche Danny Elfman
Scenografia Kristi Zea
Costumi Betsy Heimann
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Red Dragon è un film del 2002 diretto da Brett Ratner.

Il film è un prequel di Il silenzio degli innocenti (1991) di Jonathan Demme, ed è un remake di Manhunter - Frammenti di un omicidio (1986) di Michael Mann. Un anno prima del film di Ratner era stato girato un altro film della saga, questa volta un sequel, Hannibal di Ridley Scott.

L'edizione italiana del romanzo ha più volte cambiato titolo: Il delitto della terza luna (1984 e 1989), Drago Rosso (1995) ed infine Red Dragon (2002), quest'ultimo volume uscito in concomitanza del film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Will Graham si è ritirato dall'FBI in seguito alla ricerca e cattura, tre anni prima, del temibile serial killer Hannibal Lecter. Il film si apre infatti con la scena della cattura del Dottor Lecter in casa sua: una lotta con Graham che lascerà entrambi seriamente feriti. Will ha infatti rischiato di morire e, dopo una difficoltosa ripresa fisica e psichica, ora vive appartato a Marathon, in Florida con la moglie e il figlio. Gli viene però richiesto un aiuto da un ex compagno dell'FBI a causa della sua incredibile dote di immedesimarsi nell'assassino sulla scena del crimine e per la sua sensibilità nel rilevare particolari tralasciati con facilità da altri. Questa volta si tratta di un serial killer di famiglie che viene chiamato il lupo mannaro poiché agisce durante il periodo di luna piena. Dopo due delitti efferati riguardanti due intere famiglie, manca poco tempo alla prossima luna piena e si teme per una nuova tragedia.

Il lupo mannaro nella realtà del film è Francis Dolarhyde, un fattorino in una compagnia di materiale audiovisivo che vive tra i tremendi complessi psicologici creatigli un tempo dalla tirannica nonna che lo spingono a compiere delitti efferati. La sua inquietante follia lo spinge addirittura a venerare una figura astratta e mostruosa chiamata "Drago Rosso" ( venerazione nata da un mirabile dipinto di William Blake: The Great Red Dragon and the Woman clothed by the Sun) alla quale obbedisce dedicandole i terribili delitti che compie. Durante il film conosce anche il significato dell'amore con una difficile relazione con una ragazza cieca che, anche per via del proprio handicap, non può vederlo in volto, ma anche per lei il rapporto con lui sarà rischioso.

Will questa volta ha bisogno dell'aiuto del suo vecchio "amico" Hannibal Lecter e della sua genialità per risolvere il caso, che nel frattempo sta meditando la vendetta personale concedendo al serial killer l'indirizzo preciso dell'ex poliziotto. Così Dolarhyde, sentendosi braccato dalla polizia grazie agli sviluppi delle indagini di Graham, progetta un piano per far credere di essersi suicidato e, credendo che il caso fosse chiuso, Graham torna a casa con la sua famiglia.

In una tranquilla sera suo figlio rientra in casa dove il serial killer lo rapisce e lo tiene ostaggio. Will, con un astuto gioco di parole psicologico, riesce a liberare il figlio e ingaggia una sparatoria con Dolarhyde: i due rimangono a terra, entrambi feriti, e la moglie di Will, rientrata a casa dato che marito e figlio non erano più usciti, uccide definitivamente il lupo mannaro.

Nel finale si viene a sapere che una bella ragazza vorrebbe un confronto con Hannibal Lecter, il quale si mostra incuriosito: si tratta di Clarice Starling.

Differenze[modifica | modifica wikitesto]

  • La differenza tra il film ed il romanzo è nel finale, nel primo a lieto fine, con l'assassino ucciso e Graham felice con la sua famiglia. Nel romanzo, Graham viene pesantemente sfigurato in volto ("ridotto come un quadro di Picasso", commenterà Lecter) e verrà lasciato dalla moglie. Ne Il Silenzio degli Innocenti, si viene a sapere che Graham è diventato pazzo ed alcolista.

Intera saga[modifica | modifica wikitesto]

La saga è interamente basata sui romanzi di Thomas Harris. L'ordine cronologico delle vicende narrate non rispetta l'ordine d'uscita dei film. Così come concepita, la storia segue il seguente ordine cronologico:

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il finale del film potrebbe riferirsi vagamente al finale di Opera di Dario Argento; infatti, nel finale di Opera, l'assassino e la ragazza si ritrovano in una stanza, dove lei è bendata e lui inscena la sua morte, dopo che la ragazza gli ha sparato; nel frattempo l'assassino aveva appiccato un incendio nella stanza, e la ragazza si salva dalle fiamme. Pochi giorni dopo si scopre che i resti del corpo dell'assassino, sono invece di un manichino di scena, e quando un amico della ragazza lo viene a sapere dalla televisione, ormai è troppo tardi, l'assassino ha già ucciso un'altra vittima, e l'amico riesce appena in tempo ad avvisarla che è ancora vivo, ma viene ucciso; nel frattempo la ragazza finge di assecondarlo, per poi colpirlo ripetutamente con una pietra, neutralizzandolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema