Red Bull RB10

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Red Bull RB10
Sebastian Vettel 2014 China Race.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Red Bull Racing
Squadra Red Bull Racing
Progettata da Adrian Newey[1]

Rob Marshall

Sostituisce Red Bull RB9
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Red Bull, monoscocca in fibra di carbonio
Motore Renault Energy F1-2014 1.6 l. V6
Trasmissione Cambio sequenziale a 8 rapporti + retromarcia
Dimensioni e pesi
Peso 691 kg
Altro
Carburante Total
Pneumatici Pirelli
Avversarie Vetture di Formula 1 2014
Risultati sportivi
Debutto Gran Premio d'Australia 2014
Piloti 1. Germania Sebastian Vettel
3. Australia Daniel Ricciardo
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
13 3 0 1

La Red Bull RB10 è una vettura da Formula 1 realizzata dalla Red Bull Racing per partecipare al campionato mondiale di Formula 1 2014.

La vettura è stata presentata il 28 gennaio 2014 presso il circuito di Jerez de la Frontera, in Spagna.[2]

Livrea e sponsor[modifica | modifica sorgente]

La vettura presenta la stessa livrea della stagione precedente: blu con inserti gialli e strisce azzurre, gialle e grigie. Nella vettura spicca il toro rosso simbolo della Red Bull, il principale sponsor della scuderia. Quest'anno spicca maggiormente il colore viola, accompagnato dallo sponsor Infiniti.

Piloti[modifica | modifica sorgente]

Piloti ufficiali
Nazione Nome Numero
Germania Sebastian Vettel 1
Australia Daniel Ricciardo 3
Collaudatori
Nazione Nome
Svizzera Sébastien Buemi
Portogallo António Félix da Costa

Stagione e risultati[modifica | modifica sorgente]

Nei test invernali la monoposto ebbe molti problemi di affidabilità, in buona parte legati all'unità propulsiva Renault. Per tutta la durata delle prove Ricciardo e Vettel faticarono ad accumulare un numero significativo di chilometri, venendo più volte fermati da guasti.

La casa francese, però, risolse gradualmente i problemi e nell'inaugurale Gran Premio d'Australia la RB10 si dimostrò la seconda vettura più competitiva, pur distante dalla Mercedes F1 W05. La prestazione di Vettel fu compromessa da problemi di affidabilità, che lo costrinsero al ritiro dopo poche tornate, ma il compagno di squadra Ricciardo tagliò il traguardo in seconda posizione, venendo poi squalificato per aver montato un flussometro[3] diverso da quello fornito dalla FIA.

Nel Gran Premio della Malesia fu Ricciardo a ritirarsi, mentre Vettel concluse a podio. Il pilota australiano si rifece in Cina e in Spagna, dove colse due terzi posti, conquistando poi la prima vittoria in carriera nel Gran Premio del Canada, con Vettel terzo. Con questa vittoria Ricciardo interruppe il dominio della Mercedes, che fino a quel momento aveva vinto tutte le gare in programma.

Nelle gare successive la Red Bull rafforzò il proprio ruolo di seconda forza nel mondiale, confermato da altre due vittorie di Ricciardo in Ungheria e in Belgio.

Anno Team Motore Gomme Piloti Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
2014 Infiniti Red Bull Racing Renault Energy F1-2014 P Germania Vettel Rit 3 6 5 4 Rit 3 Rit 5 4 7 5 6 272
Australia Ricciardo SQ Rit 4 4 3 3 1 8 3 6 1 1 5

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Newey reveals that 2014 Red Bull RB10 is ugly, GrandPrix 247, 11 ottobre 2013.
  2. ^ (EN) Red Bull launches 2014 RB10 Formula 1 car before Jerez testing, autosport.com, 28 gennaio 2014.
  3. ^ dispositivo necessario a monitorare il flusso di benzina iniettato

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1