Rebranding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il rebranding è quel processo con cui un prodotto o un servizio sviluppato e distribuito con un nome, un marchio o sotto il nome di una ditta, viene reimmesso nel mercato sotto un altro nome o una diversa identità.

Per esempio Norton CleanSweep, adesso parte del Norton SystemWorks si chiamava in origine Quarterdeck CleanSweep, prima dell'acquisizione da parte di Symantec nel Novembre 1998.

Anche la maggior parte dei prodotti Microsoft sono in realtà prodotti "rebranding". Si pensi a Microsoft Visual FoxPro, Microsoft Office Visio e lo stesso MS-DOS.

Il re-branding è un fenomeno frequente con marche acquisite, ed è conseguenza dell'elevato potenziale di cannibalizzazione tra i diversi prodotti. Si può parlare di rebranding totale o rebranding parziale.

Nel primo caso si verifica un cambiamento radicale del logo, del nome, della gestione dell'immagine, delle strategie di marketing e di vendita, delle politiche pubblicitarie, ...

Nel caso del Rebranding parziale si verificano piccole modifiche volte a migliorare l'assonaza percettiva, come ad esempio nel caso dello snack Fuoriorario, presente nel portfoglio prodotti di Mulino Bianco. Quest'ultimo, associato al mondo dell'alimentazione in casa evidenziava scarsa coerenza con le associazioni dello snack, legato ai consumi fuori casa. In seguito all'acquisizione di Pavesi, Barilla avviò un processo di revisione del portfoglio marche, per cui lo snack divenne il "nuovo prodotto" Fuoriorario di Pavesi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cft. Chiara Mauri, Product&Brand Management, 2004 Egea, pp. 201-202

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia