Rebellion Developments

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rebellion Developments (spesso indicata solo come Rebellion) è un'azienda Britannica produttrice di videogiochi. La società ha sede a Oxford e divenne famosa per il primo videogioco Aliens versus Predator. Fin dal 2000 la società pubblica anche dei fumetti e nel 2006 ha lanciato la società Abaddon Books per la pubblicazione degli stessi.

Rebellion fu fondata dai fratelli Jason e Chris Kingsley nel 1991. Il primo progetto sviluppato fu la versione per Atari Jaguar del gioco su licenza Alien vs. Predator, considerato uno dei migliori giochi per la console. Aliens versus Predator, del 1999, può essere considerato il suo seguito.

Nel 2005 la società ha annunciato lo sviluppo del seguito di Evil Genius dopo che lo sviluppatore originario Elixir Studios fece bancarotta.

Nel 2006 Rebellion acquistò dalla Eidos Interactive la Core Design, società nota per lo sviluppo della serie Tomb Raider. Nello stesso anno acquisì la Strangelite dalla Empire Interactive, diventando la più grande società indipendente inglese di sviluppo software.

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2000 acquisirono i fumetti 2000 AD da Fleetway[1] e svilupparono alcune trasposizioni dei personaggi nel mercato dei videogiochi. La prima trasposizione Judge Dredd: Dredd Vs. Death fu un discreto successo.

Oltre a sviluppare i videogiochi la Rebellion continuò a pubblicare la serie 2000 AD e Judge Dredd Megazine. Nel 2004 la Rebellion strinse un accordo con la DC Comics per ripubblicare alcuni racconti della 2000 AD come albi brossati. Tra i ripubblicati i più noti furono Giudice Dredd (Judge Dredd), Strontium Dog, Nikolai Dante, e Sinister Dexter. In seguito la DC abbandono l'accordo per le scarse vendite degli albi. Rebellion decise di continuare a stampare gli albi da sola. La società inoltre creò la serie Judge Dredd: The Complete Case Files, una raccolta in ordine cronologico delle storie di Dredd.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rebellion corporate history.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]