Reazione elementare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cinetica chimica
Velocità di reazione
Teoria delle collisioni
Reazione elementare
Molecolarità
Equazione cinetica
Ordine di reazione
Costante di velocità
Equazione di Arrhenius
Equazione di Eyring
Teoria dello stato di transizione
Stato di transizione
Meccanismo di reazione
Energia di attivazione
Approssimazione dello stato stazionario
Effetto isotopico cinetico
Catalisi
Catalizzatore
Catalisi omogenea
Catalisi eterogenea
Catalisi per trasferimento di fase
Catalisi enzimatica
Fotocatalisi
Autocatalisi
Attività catalitica
Sito attivo
Supporto catalitico
Disattivazione dei catalizzatori
Categoria:Cinetica chimica

Con il termine reazione elementare si indica una reazione chimica nella quale una o più specie chimiche reagiscono direttamente per formare i prodotti attraverso un singolo "stadio di reazione" (anche detto "atto reattivo") e attraversando un solo stato di transizione (anche detto "complesso attivato").[1][2]

Qualsiasi reazione chimica può essere scomposta in una sequenza di reazioni elementari.

Reazione elementare unimolecolare[modifica | modifica sorgente]

Nel caso di una reazione elementare unimolecolare, una molecola A si dissocia o si isomerizza per formare uno o più prodotti, secondo la reazione:

A → prodotti

In condizioni di isotermicità, la velocità di reazione \frac{\operatorname d[A]}{\operatorname dt} è proporzionale alla concentrazione della specie A, ovvero:

\frac{\operatorname d[A]}{\operatorname dt} = - k [A]

Reazione elementare bimolecolare[modifica | modifica sorgente]

Nel caso di una reazione elementare bimolecolare, due atomi, molecole, ioni o radicali A e B reagiscono insieme per formare uno o più prodotti, secondo la reazione:

A + B → prodotti

In condizioni di isotermicità, la velocità di reazione \frac{\operatorname d[A]}{\operatorname dt} è proporzionale al prodotto delle concentrazioni delle specie A e B, ovvero:

\frac{\operatorname d[A]}{\operatorname dt} = \frac{\operatorname d[B]}{\operatorname dt} = - k [A][B]

Questo risultato è anche noto come legge di azione di massa.

Un esempio di reazione di questo tipo è la reazione di cicloaddizione.

Nel caso di reazione bimolecolare, i reagenti si trasformano in prodotti passando attraverso la formazione di un complesso attivato (A·B). Ad esempio, se vengono formate due molecole (C e D) a partire da due molecole reagenti (A e B), la reazione elementare può essere scritta nella forma:[3]

A + B → (A·B) → C + D

Il complesso attivato ha un'energia maggiore di quella dei reagenti, per cui si ha una "barriera di energia" da oltrepassare perché si possa svolgere la reazione. La differenza di contenuto energetico tra i reagenti e i prodotti è associata alla termodinamica del sistema: in particolare la reazione è endotermica se i prodotti hanno contenuto energetico maggiore rispetto ai reagenti mentre è esotermica se i prodotti hanno contenuto energetico minore rispetto ai reagenti.[4]

Reazione elementare trimolecolare[modifica | modifica sorgente]

Perché avvenga una reazione elementare trimolecolare è necessario che tre specie chimiche si urtino tutte e tre contemporaneamente, per cui questo tipo di reazione elementare è molto rara.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IUPAC Gold Book
  2. ^ Silvestroni, op. cit., p. 345
  3. ^ Silvestroni, op. cit., p. 346
  4. ^ Silvestroni, op. cit., p. 347

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia