Real Torino Hockey Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Real Torino Hockey Club è una società sportiva di Torino che svolge la propria attività nell'hockey su ghiaccio maschile e femminile e nell'hockey in-line.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 4 agosto 2001 un gruppo di appassionati di hockey di Torino fondò il Real Torino Hockey Club, società coinvolta sia nell'hockey su ghiaccio che nell'in-line.

I risultati migliori si sono avuti nell'hockey in-line, dove già nei primi anni di attività numerosi titoli interregionali hanno coronato la storia della giovane società; ottimi piazzamenti si sono avuti anche nei campionati interregionali maschili nell'hockey su ghiaccio, con la squadra che ha vinto due titoli di serie D; mentre nell'hockey su ghiaccio femminile la squadra ha lottato per il titolo in più occasioni, perdendo la finale playoff 3 volte consecutive.

Hockey su ghiaccio maschile[modifica | modifica sorgente]

Real Torino Hockey Club
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Trasferta
Colori sociali rosso-blu
Dati societari
Città Torino
Paese Italia Italia
Confederazione IIHF
Federazione FISG
Campionato Serie D
Fondazione 2001
Presidente Patrizia Kabakcief
Impianto di gioco Palaghiaccio Tazzoli
(3000 posti)
Sito web www.realtorino.it
Palmarès
Si invita a seguire lo schema del Progetto Hockey su ghiaccio

La compagine si è iscritta per la prima volta alla serie A2 nella stagione 2008-09, dopo che un'altra squadra torinese, l'All Stars Piemonte, rinunciò all'iscrizione[1].

Dopo una richiesta di proroga sui termini il Real si iscrive regolarmente anche alla serie A2 per la stagione 2010/2011[2], disputando quindi il suo terzo campionato consecutivo in cadetteria.

Per la stagione 2011/2012 viene invece comunicata la rinuncia all'iscrizione al campionato di Serie A2, con la squadra che non si iscrive nemmeno in Serie C, ma in D. Proprio nella stagione 2011/2012 ed anche nella successiva stagione 2012/2013 vince il campionato di serie D, campionato che rivince anche la stagione seguente (sebbene rinominato serie C).

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

  • 2001: Fondazione
  • 2008/09: - 8° in serie A2. Regular Season: 8º Posto.
  • 2009/10: - 7° in serie A2. Regular Season: 5º Posto.
  • 2010/11: - 8° in serie A2. Regular Season: 8º Posto.
  • 2011/12: - Campioni interregionali in serie D.
  • 2012/13: - Campioni interregionali in serie D.
  • 2013/14: - Campioni interregionali in serie C.

Hockey su ghiaccio femminile[modifica | modifica sorgente]

Real Torino Hockey Club Femminile
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Trasferta
Colori sociali rosso-blu
Dati societari
Città Torino
Paese Italia Italia
Confederazione IIHF
Federazione FISG
Campionato Serie A Femminile
Fondazione 2009
Presidente Patrizia Kabakcief
Impianto di gioco Palaghiaccio Tazzoli
(3000 posti)
Sito web www.realtorino.it
Palmarès
Si invita a seguire lo schema del Progetto Hockey su ghiaccio

Un anno dopo la squadra maschile, anche la squadra femminile dell'All Stars Piemonte, al termine del campionato 2008-09, rinunciò alla iscrizione al campionato. La sezione femminile del Real Torino, nata nel settembre del 2009[3] ne ereditò di fatto il posto[4].

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Real Torino Hockey Club iscritto alla serie A2, 31-07-2008. URL consultato l'11-11-2008.
  2. ^ Si parte! Confermata la A2 - Traversa: “Parole d’ordine: giovani e Piemonte!”.
  3. ^ Nasce il Real Torino femminile, 16-09-2009. URL consultato il 16-10-2009.
  4. ^ Un campionato femminile più ricco, 14-10-2009. URL consultato il 16-10-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]