Real Jardín Botánico de Madrid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villanueva Pavilion, con la statua di Carl Linnaeus
Statua di José Quer y Martínez nei giardini
Giardino botanico reale, Madrid

Il Real Jardín Botánico de Madrid è un orto botanico ubicato in Plaza de Murillo, nelle vicinanze del Museo del Prado a Madrid.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino venne fondato il 17 ottobre 1755, per volere di Ferdinando VI, e ubicato nell'Orchard di Migas Calientes, vicino all'odierna Puerta de Hierro, sulle rive del Manzanares. Conteneva più di 2000 piante raccolte da José Quer y Martínez, botanico e medico.

Nel 1774 Re Carlo III ordinò il suo trasferimento nel sito attuale del Paseo del Prado, affidandone la progettazione agli architetti Francesco Sabatini e Juan de Villanueva che organizzarono il giardino in tre terrazze a più livelli, sistemando le piante secondo il metodo di Linneo. Questo nuovo sito fu inaugurato nel 1781. La sua missione non era solo quella di esporre le piante, ma anche di insegnare la botanica, promuovere spedizioni per la scoperta di nuove specie di piante e di classificarle. L'erbario è il più grande in Spagna, e ha ora ha oltre un milione di esemplari.[1]

Il giardino venne ampliato con l'inserimento di 10000 piante portate in Spagna da Alessandro Malaspina nel 1794. Nel corso della guerra d'indipendenza spagnola del 1808 il giardino venne abbandonato, ma nel 1857 il suo direttore Mariano de la Paz Graëlls y de la Aguera lo dotò di una nuova serra e sistemò la terrazza superiore. Sotto la sua direzione venne creato anche uno zoo successivamente spostato nel Parque del Buen Retiro. Fra il 1880 ed il 1890 il giardino subì delle perdite, prima per la costruzione del Ministero dell'Agricoltura, nel 1882, e quindi, nel 1886, quando perse 564 alberi a seguito di un ciclone.

Dal 1939 il giardino dipende dal Consiglio Nazionale Spagnolo delle Ricerche (CSIC) e nel 1942 venne dichiarato Giardino artistico. Nel 1974, dopo un decennio di abbandono, venne chiuso al pubblico per un restauro, che lo riportò al disegno originario, e riaperto nel 1981.

Pubblicazioni scientifiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Annali del Giardino Botanico di Madrid

Questa è la rivista pubblicata dal Giardino Botanico, che pubblica documenti sulla tassonomia vegetale e sistematica, sui funghi e campi correlati, quali biogeografia, bioinformatica, conservazione, ecofisiologia, filogenesi, filogeografia, floreale, morfologia funzionale, nomenclatura e relazioni fra vegetali-animali, comprese le opere di sintesi e revisione. La rivista invia le informazioni sulle nuove specie pubblicate da inserire nelle banche dati W3TROPICOS (piante vascolari, briofite), Indice internazionale dei nomi delle piante o Index Fungorum.

  • Flora Iberica

Pubblicazione della ricerca tassonomica sulle piante vascolari che crescono spontaneamente nella penisola iberica e le isole Baleari pubblicato in 15 volumi, su un totale di 21, al 2010.

  • Flora Iberica Mycologica

Si tratta di una serie aperiodica, pubblicata con numerazione progressiva, di monografie che non seguono un ordine predefinito sistematico. L'opera si presenta in due colonne, con testi in spagnolo e in inglese. Porta chiavi di identificazione, descrizione, distribuzione, commenti e informazioni bibliografiche. La maggior parte delle specie sono accompagnate da un'illustrazione (disegni a inchiostro in bianco e nero). Ruizía (Monografie del Giardino Botanico Reale) Cartelle di lavoro Flora Micologica Iberica.

Si tratta di un grande gruppo di documenti che descrivono le spedizioni di Juan José Tafalla Navascués, uno spagnolo fra i primi a viaggiare in Sud America e a documentare le diverse piante indigene, con meravigliosi dipinti e descrizioni precise. Tutto questo lavoro, presente negli archivi, venne pubblicato da Eduardo Estrella Aguirre dopo aver cercato la documentazione nell'archivio del Real Jardín Botánico di Madrid.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Herbarium. URL consultato il 20 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Añón, C., S. Castroviejo, A. Fernández Alba, Real Jardín Botánico de Madrid, Pabellón de Invernáculos, 1983.
  • Colmeiro y Penido, Miguel, Bosquejo histórico y estadístico del Jardín Botánico de Madrid, 1875.
  • El Jardín botánico de Madrid. Un paseo guiado / Botanic Garden of Madrid. A guided walk, Madrid, 2004.
  • El Real Jardín Botánico de Madrid (1755–2005): Ciencia, Colección y Escuela, Real Jardín Botánico, Madrid, 2005.
  • Alessandro Malaspina, Andrew David, Felipe Fernandez-Armesto, The Malaspina Expedition, 1789-1794, Hakluyt Society, 2001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 40°24′40″N 3°41′30″W / 40.411111°N 3.691667°W40.411111; -3.691667