Ray Barretto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ray Barretto in concerto nel 1991.

Ray Barretto, il cui vero nome è Raimundo Barretto, detto il re delle mani dure (New York, 29 aprile 1929Hackensack, 17 febbraio 2006), è stato un percussionista jazz e salsa (suonatore di conga) statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di genitori portoricani, cresce al suono della musica afro-latina che fa da sfondo alla quotidianità del suo quartiere. Ma le radio trasmettono anche la musica delle orchestre swing di Duke Ellington, Count Basie e Benny Goodman che in quegli anni dominano la scena jazz e lui ne rimane folgorato. Un brano di Dizzy Gillespie, Manteca, lo convince che il latin jazz è la sua strada e approfondisce la passione per il jazz durante il servizio militare in Germania. Tornato ad Harlem suona un po' ovunque fino a quando nel 1957 entra a far parte della mitica orchestra Tito Puente in sostituzione di Mongo Santamaría, altro famoso percussionista. Seguono collaborazioni con importanti jazzisti quali il chitarrista Kenny Burrell, i pianisti Red Garland e Joe Zawinul, i sassofonisti Gene Ammons e Lou Donaldson. Nel 1961 il produttore della label Riverside gli procura il primo lavoro da bandleader che sfocia nel disco Pachanga with Barreto. A cavallo degli anni sessanta dirige il latin jazz dei Fania All Stars e produce una serie di ottimi album che esaltano la sua musica: un mix di influenze be bop lette attraverso le sonorità colorate della salsa. Muore all'età di 76 anni, a causa di complicazioni dovute ad un intervento chirurgico al cuore, il 17 febbraio 2006.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Compilation[modifica | modifica sorgente]

  • 1968: Fiesta en el barrio
  • 1970: Sometime to remember
  • 1972: From the beginning
  • 1922: descarga criolla
  • 2001: salsa caliente de Nu York!

Controllo di autorità VIAF: 34642499 LCCN: n81058239

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie