Rastriya Prajatantra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Partito politico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il Rastriya Prajatantra Party (राष्ट्रिय प्रजातन्त्र पार्टी, Partito Democratico Nazionale), anche indicato con la sigla RPP, è un partito politico nepalese di orientamento conservatore, nazionalista e monarchico, erede delle élite politiche del sistema pre-democratico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Viene fondato il 29 maggio 1990 (15 Jestha 2047, nel calendario nepalese), dopo l'instaurazione della democrazia parlamentare e la legalizzazione dei partiti politici da parte del re Birendra.

Elezioni del 1991[modifica | modifica wikitesto]

Nelle elezioni parlamentari del 1991, il partito si ritrova diviso in due fazioni rivali, identificate attraverso i rispettivi leader:

La fazione di Chand raccolse 478.604 voti (il 6,56%) e ottenne 3 dei 205 seggi in palio mentre la fazione di Thapa raccolse 392.499 voti (5,38%) e un solo seggio.

Elezioni del 1994[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni parlamentari del 1994 le due fazioni si riunirono sotto la guida di Thapa e gli elettori premiarono il partito con 1.367.148 voti, equivalenti al 17,93% dei suffragi e a 20 dei 205 seggi in palio.

Elezioni del 1999[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999, le elezioni parlamentari videro nuovamente la frattura della fazione di Chand. Il Rastriya Prajatantra (Thapa), diventato largamente maggioritario tra i due, conquistò 899.511 voti (10,14%) e 11 eletti su 205. Il Rastriya Prajatantra (Chand) ebbe 293.952 voti (3,41%) senza ottenere alcuna rappresentanza parlamentare. Qualche mese dopo lo scrutinio i due partiti tornarono uniti.

2002-2008[modifica | modifica wikitesto]

Durante la terza convention nazionale del partito, riunita a Pokhara nel dicembre 2002, Pashupati Rana viene eletto alla guida del partito, visto che lo statuto impedisce a Surya Bahadur Thapa di ricandidarsi alla leadership dopo due mandati quadriennali.

Nel novembre 2004, Thapa si fa promotore di una nuova scissione fondando il Rastriya Janashakti Party (राष्ट्रिय जनशक्ति पार्टी, Partito Nepalese della Forza del popolo). Nell'ottobre 2006 dalle divisioni del partito nasce un'ennesima forza politica che anche questa volta, in una prima fase, ha in Thapa il proprio leader: il Rastriya Prajatantra Party Nepal.

Nelle elezioni per l'Assemblea Costituente del 2008 il Rastriya Prajatantra Party ottiene 8 seggi su 601.